Gli Stati Uniti perseguono una politica di cambio di regime in Iran

Gli Stati Uniti stanno perseguendo una politica di cambio di regime in Iran e hanno “rinunciato alla farsa della diplomazia”, ​​secondo la valutzione di un commentatore politico americano in Oregon.
Charles Dunaway ha fatto le osservazioni in un’intervista a Press TV venerdì dopo che il presidente degli Stati Uniti Joe Biden avrebbe minacciato l’Iran di un’azione militare nel caso in cui Teheran non raggiunga un accordo nucleare con Washington alle sue condizioni.

L’accordo sul nucleare iraniano, noto anche come Joint Comprehensive Plan of Action (JCPOA), è stato un accordo firmato nel 2015 da Teheran con Stati Uniti, Regno Unito, Francia, Germania, Russia e Cina, durante la presidenza di Barack Obama. Tuttavia, il successore di Obama, Donald Trump, ha abbandonato il JCPOA nel maggio 2018 e ha imposto sanzioni crudeli all’Iran.

Biden aveva promesso di riprendere i colloqui per rilanciare l’accordo sul nucleare iraniano e rimuovere le dure sanzioni statunitensi. A due anni dall’inizio della presidenza, Biden non ha mantenuto la sua promessa e ora minaccia di intraprendere un’azione militare.

In un’intervista con la playlist del podcast di Foreign Policy trasmessa mercoledì, l’inviato speciale degli Stati Uniti per l’Iran Robert Malley ha affermato che Biden è pronto per un’opzione militare se i colloqui sul nucleare tra Washington e Teheran e altri non riusciranno a raggiungere un accordo.

Malley ha affermato che Washington sta esercitando pressioni senza precedenti sull’Iran affinché accetti i termini dell’accordo nucleare.

“I negoziati JCPOA avrebbero dovuto essere facili. L’amministrazione americana Trump si è ritirata dall’accordo e tutto quello che era necessario per l’amministrazione Biden era riaffermare gli impegni originali e iniziare ad adempiere ai propri obblighi. Ma questo non è mai stato politicamente fattibile per gli Stati Uniti”, ha detto Dunaway.

Iran anniversario di Soleimani

“La lobby sionista e l’intensa divisione partigiana rendono altamente improbabile che possa essere implementata qualsiasi riduzione delle sanzioni ed è impossibile assicurare all’Iran che un rinnovato accordo non sarà abrogato dalla prossima amministrazione. Inoltre, il team di Biden ha insistito per imporre nuove condizioni che richiederebbero all’Iran di cessare il suo sostegno a coloro che combattono l’occupazione e il terrorismo di stato nella regione (Siria, Palestina, Yemen), di conformarsi agli standard occidentali sui diritti umani e porre fine al loro programma di missili balistici (sic!). Gli Stati Uniti vorrebbero che l’Iran rinunciasse alla sua sovranità e si rendesse vulnerabile agli attacchi”, ha affermato l’analista.

Dunaway ha aggiunto: “Mr. Malley travisa anche i negoziati a cui ha partecipato. Josep Borrell, Alto rappresentante dell’UE per gli affari esteri, ha annunciato un accordo provvisorio ad agosto, ma il Dipartimento di Stato americano lo ha quasi immediatamente respinto. Secondo il New York Times, “Alla Casa Bianca, le riunioni sulla sicurezza nazionale sull’Iran sono dedicate meno alla strategia negoziale e più a come minare i piani nucleari iraniani, [e] fornire strumenti di comunicazione ai manifestanti…”. In altre parole, gli USA hanno rinunciato alla loro sciarada diplomatica e stanno rivelando le loro vere intenzioni: il cambio di regime”.

“I responsabili politici di Washington sono diventati così storditi dalla dottrina narcisistica dell’eccezionalismo statunitense da credere davvero di poter credibilmente minacciare la guerra contro la Russia, la Cina e l’Iran tutto in una volta? Scateneranno il regime sionista di Tel Aviv e poi cercheranno di vendere la guerra come una difesa di Israele? Un impero morente è un animale ferito e deve essere trattato come tale”, ha concluso Dunaway.

L’Iran inizia ad arricchire l’uranio al 60% di purezza a Fordow in risposta alla risoluzione dell’AIEA
I colloqui per salvare il JCPOA sono iniziati a Vienna nell’aprile dello scorso anno, mesi dopo che Biden è succeduto a Trump, con l’intenzione di esaminare la serietà di Washington nel ricongiungersi all’accordo e rimuovere le sanzioni anti-Iran.
Nonostante i notevoli progressi, l’indecisione e la procrastinazione degli Stati Uniti hanno causato molteplici interruzioni nei colloqui della maratona.
“Biden sta andando ben oltre qualsiasi cosa Trump abbia persino contemplato”

Il giornalista di New York Don DeBar ha affermato che Biden è il vero guerrafondaio e che “sta andando ben oltre qualsiasi cosa Trump abbia persino contemplato”.
“Eppure, la maggior parte dei media occidentali, e di conseguenza una parte considerevole della popolazione negli Stati Uniti e in Europa, crede che Trump sia il guerrafondaio, non Biden”, ha affermato.

Lancio missile balistico iraniano

“Biden sta andando ben oltre qualsiasi cosa Trump abbia persino contemplato e ci andrà con il supporto dei media occidentali e di una parte considerevole del pubblico occidentale, molti dei quali credono di essere effettivamente contro la guerra”, ha detto DeBar alla Press TV venerdì.

“E Trump ha lasciato il JCPOA. Ma va notato che le sanzioni non erano state rimosse da Obama sebbene avesse tutto il tempo per farlo e che il Congresso degli Stati Uniti da solo ha approvato un disegno di legge sulle sanzioni aggiuntive a prova di veto (517 contro 5!) contro l’Iran (e la Russia e RPDC). Quindi, in sostanza, il ritiro di Trump durante la sua presidenza è stato meramente simbolico poiché non c’era modo che il Congresso avrebbe consentito la revoca delle sanzioni mentre ne imponeva di aggiuntive”, ha osservato.

A metà degli anni Sessanta, gli Stati Uniti entrarono in guerra in Vietnam con il pretesto dell’incidente sotto falsa bandiera del Golfo del Tonchino.

Nel 1964, l’allora presidente degli Stati Uniti Lyndon B. Johnson affermò che le forze del Vietnam del Nord avevano attaccato due volte i cacciatorpediniere americani nel Golfo del Tonchino.
L’operazione sotto falsa bandiera ha portato a scontri tra le forze statunitensi e le truppe del Vietnam del Nord.

Nel 1953, gli Stati Uniti lanciarono in Iran l’operazione “Operazione Ajax” con l’obiettivo di rovesciare il primo ministro democraticamente eletto Mohammad Mosaddegh a favore del rafforzamento del dominio monarchico di Mohammad Reza Pahlavi.

Fonte: presstv.ir

Traduzione: Luciano Lago

1 Commento
  • Giorgio
    Inserito alle 08:36h, 05 Dicembre Rispondi

    FORZA IRAN !!!
    Uno dei bastioni della resistenza all’imperialismo USA-UK-NATO-UE-SIONISTI !!!

Inserisci un Commento