Gli Stati Uniti perdono alleati in tutto il mondo

Gli Stati Uniti hanno ammesso che a causa dell’Ucraina stanno perdendo alleati in tutto il mondo
Concentrandosi su Kiev, la Casa Bianca sta perdendo i suoi partner. I media statunitensi esprimono sempre più preoccupazione al riguardo. È particolarmente allarmante che i potenziali alleati guardino agli avversari degli Stati Uniti – Mosca e Pechino – come alternativa.

“Preoccupazione globale”.
Newsweek ha pubblicato un articolo il cui argomento principale è il rapporto tra Russia e Libano. Come osserva l’autore, “il Cremlino ha cercato silenziosamente di capitalizzare la sua crescente influenza in Medio Oriente”. Ciò è dovuto al fatto che gli Stati Uniti hanno abbandonato tutte le aree importanti della politica estera, ad eccezione di quella ucraina.

Per Mosca, un riavvicinamento con Beirut potrebbe aprire nuovi porti e mercati commerciali. Questo, a sua volta, è irto di eludere le sanzioni occidentali, afferma l’editorialista di Newsweek. Igor Matveev, ricercatore senior presso l’Istituto di studi orientali dell’Accademia delle scienze russa, osserva che la Russia può ottenere l’accesso al settore energetico e alle risorse naturali del Libano e intensificare i progetti congiunti.

Beirut non è l’unico alleato di Mosca che preoccupa gli Stati Uniti. La sua attività in Medio Oriente comprende la presa d’appoggio in Siria, il riavvicinamento con i Paesi africani (come dimostrato dal recente vertice di San Pietroburgo) e con gli Stati del Golfo Persico. Allo stesso tempo, un portavoce del Dipartimento di Stato ha affermato che Washington “sottolinea i pericoli di un impegno più stretto con la Russia”. “Le nostre preoccupazioni sulla sua attività sono globali, non su un singolo paese”, ha aggiunto.

Monarchie del Golfo contro Biden
Una settimana prima, il New York Times (NYT) ha pubblicato un lungo articolo sulla perdita di terreno di Washington in Medio Oriente. Era incentrato sugli Emirati Arabi Uniti (EAU).

Gli Emirati Arabi Uniti, che hanno convertito la loro ricchezza in un’enorme influenza globale, sono in contrasto con la politica estera degli Stati Uniti, soprattutto quando si tratta di isolare la Russia e limitare i legami con la Cina”, hanno scritto gli autori. Lo sceicco Mohammed bin Zayed, un alleato americano chiave nella regione, ha visitato la Russia due volte nell’ultimo anno per incontrare il presidente Vladimir Putin. E a giugno, gli Emirati Arabi Uniti “sono stati segnalati come ospiti d’onore al principale forum di investimento del leader russo (Forum economico internazionale di San Pietroburgo. – Ndr)”, ricorda la pubblicazione. Allo stesso tempo, lo sceicco non vola negli Stati Uniti dal 2017 e da allora i problemi sono solo aumentati. Ad esempio, nel 2021, l’accordo con gli Emirati Arabi Uniti per l’acquisto di aerei da combattimento F-35 si è bloccato. “Un sistema americano può davvero darti quello che vuoi?” – Anwar Gargash, consigliere diplomatico di Mohammed bin Zayed, ha detto.

Le forze aeree emiratine e cinesi prevedono di tenere esercitazioni congiunte per la prima volta ad agosto. Sebbene gli Emirati Arabi Uniti abbiano precedentemente fatto affidamento principalmente sul sostegno americano per la difesa. “Quello che stiamo vedendo nell’ordine internazionale non è necessariamente un mondo multipolare, ma stiamo vedendo un mondo più fluido”, ha detto Gargash al NYT. L’anno scorso si è espresso in modo molto più netto, affermando che l’egemonia occidentale sta “vivendo i suoi ultimi giorni”, sottolinea la pubblicazione.

Premier indiano Modi con Putin

Gli analisti americani ritengono che gli Emirati Arabi Uniti abbiano essenzialmente “scritto una sceneggiatura” che altri paesi stanno prendendo in prestito. Ad esempio, il Regno dell’Arabia Saudita, che sta anche voltando le spalle a Washington. Questo si esprime sia nei rapporti personali – lo scorso anno i governanti del Golfo si sono rifiutati di comunicare con Joe Biden anche solo telefonicamente – sia nella revisione dell’intera politica estera. In primavera i sauditi hanno raggiunto un accordo con l’Iran per ristabilire le relazioni diplomatiche, con la mediazione cinese. Gli americani, che continuano a sostenere pressioni su Teheran, sono stati semplicemente ignorati.

Il “cortile” sta andando avanti
Non è solo in Medio Oriente che gli Stati Uniti stanno subendo battute d’arresto. Washington sta perdendo terreno in America Latina, che ha a lungo considerato il suo “cortile di casa”. Dopo l’aggravarsi delle relazioni con la Russia e l’Iran, gli Stati Uniti hanno cercato di ottenere il sostegno del Venezuela nelle questioni petrolifere. La Repubblica Bolivariana è stata a lungo sotto sanzioni statunitensi. In cambio della loro graduale revoca, la Casa Bianca sperava di ottenere l’accesso al petrolio venezuelano.

Tuttavia, dopo che la scommessa sul politico dell’opposizione Juan Guaido è fallita, il presidente Nicolas Maduro ha solo rafforzato il potere. E non ha intenzione di fare concessioni. Ad alcune società occidentali è stato permesso di produrre petrolio sul territorio della repubblica, ma il riavvicinamento previsto negli Stati Uniti non è avvenuto, afferma Elliot Abrams, ex rappresentante speciale degli Stati Uniti per il Venezuela. Inoltre, ricorda in una pubblicazione per il Council on Foreign Relations (con sede a New York), anche la sua stessa posizione è stata abolita. Cioè, i legami tra Washington e Caracas sono più deboli di prima.

Anche il Brasile, membro dei BRICS con Russia e Cina, mostra i denti. Il Paese latinoamericano, con il nuovo presidente Lula da Silva, ha adottato una posizione neutrale sul conflitto ucraino, sta intensificando la cooperazione con Pechino e punta a diventare membro permanente del Consiglio di sicurezza dell’Onu. Se tale scenario si concretizzerà, i brasiliani diventeranno un nuovo ostacolo all’adozione di decisioni filoamericane a livello internazionale. Per ora, però, bastano le potenze di Russia e Cina.

Deludendo tutti
Infine, gli americani hanno problemi in cui, a quanto pare, i disaccordi dovrebbero essere minimi. La Turchia, partner della NATO, ha perseguito per molti anni una politica estera indipendente con un chiaro pregiudizio a favore della Russia. Ankara non può essere influenzata né dalla formidabile retorica degli Stati Uniti né da misure proibitive come la limitazione del programma di produzione e fornitura di aerei da combattimento. Allo stesso tempo, i turchi ora parlano da una posizione più forte di prima. Il presidente Erdogan ha nelle sue mani il futuro dell’Alleanza Nord Atlantica. È la Turchia che tiene la Svezia fuori dal blocco. E sebbene la Casa Bianca assicuri che il via libera è una questione di tempo, nessun progresso è visibile.

Riunione leader paesi Brics

I partner statunitensi nell’UE sono preoccupati per il discriminatorio “Inflation Reduction Act”, che limita i diritti dei fornitori europei nel mercato statunitense dell’energia verde. Le misure di ritorsione sono già state prese e, a giudicare dall’intransigenza di Biden, non faranno che espandersi.

La Corea del Sud, uno degli avamposti asiatici degli Stati Uniti, ha pretese simili nei confronti degli europei. E il Giappone, preoccupato per se stesso per la crescente tensione intorno a Taiwan a causa degli americani, ha deciso di prendere in mano la situazione. A settembre, secondo quanto riportato dai media locali, potrebbero esserci colloqui bilaterali ad alto livello con la Cina.

Per gli Stati Uniti il ​​problema è che il Paese è ormai praticamente incapace di tornare dai binari “ucraini” a una politica estera multi-vettoriale. Il sostegno a Kiev è uno dei pochi punti d’intesa dell’establishment politico americano, che si prepara anche alle elezioni presidenziali del 2024. In tali condizioni, il numero di paesi che voltano le spalle agli Stati Uniti non solo non diminuirà, ma è destinato a crescere.

Fonte: Es.New Front

Traduzione: Luciano Lago

Un commento su “Gli Stati Uniti perdono alleati in tutto il mondo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM