GLI STATI UNITI NON SONO PRONTI PER LA GUERRA CONTRO RUSSIA E CINA


L’alto generale Usa espone un punto di vista realistico sullo scenario contemporaneo durante un’audizione con i parlamentari.

A quanto pare, l’ala più realistica delle forze armate americane comincia a diffidare della propria capacità di combattimento di fronte ai piani bellicosi del loro governo. In un recente discorso, un alto generale statunitense ha avvertito che sarebbe “molto difficile” per Washington affrontare contemporaneamente Russia e Cina. L’ufficiale ritiene che sarebbero necessari grandi cambiamenti nella dottrina militare statunitense per affrontare questo scenario. Resta da vedere se i politici a favore della guerra siano davvero interessati a questo tipo di analisi realistica.

Il 29 marzo il generale Mark Milley, capo del Joint Chiefs of Staff dell’US Army, ha affermato che, nonostante l’elevata capacità di combattimento dell’esercito americano, il Paese avrebbe seri problemi se dovesse davvero affrontare un grave conflitto contro Pechino e Mosca. Le sue parole sono state pronunciate durante un’audizione della commissione per i servizi armati della Camera.

“Le nostre forze armate, dal punto di vista delle capacità, possono combattere in molti luoghi con diversi tipi di contingenze, ma se stai parlando di un conflitto serio con una grande guerra tra grandi potenze, realisticamente, mettere insieme Cina e Russia è cosa molto, molto difficile”, ha detto.

Milley ha spiegato che dovrebbero essere apportate modifiche alla stessa dottrina militare statunitense. Secondo lui, Washington ha mantenuto a lungo un piano di guerra incentrato sulla possibilità di due grandi conflitti simultanei, ma questo è cambiato durante l’amministrazione dell’ex segretario alla Difesa Jim Mattis. Attualmente, il Pentagono detiene risorse e truppe sufficienti per agire intensamente in un singolo scenario di guerra, mentre mantiene forze solo in modo di supporto su altri fronti. Pertanto, in una possibile situazione di confronto con Russia e Cina allo stesso tempo, sarebbero necessarie modifiche alle linee guida della Strategia di difesa nazionale.

Milley ha anche commentato di nutrire personalmente dei dubbi sulla stabilità del partenariato russo-cinese, dicendo che non lo chiamerebbe “alleanza” nel “vero significato di quella parola”. Tuttavia, sottolinea che in termini pratici e diretti i due paesi si stanno innegabilmente avvicinando, e questo non può essere ignorato dal punto di vista strategico e militare. Milley ricorda anche che l’Iran sta andando nella stessa direzione, motivo per cui la situazione potrebbe diventare ancora più difficile – e la crisi durare molti anni.
Sono preoccupato… per… qualsiasi coerenza e coesione tra Russia e Cina… non la definirei una vera alleanza completa nel vero significato di questa parola, ma li stiamo vedendo avvicinarsi e questo è problematico (…) E quindi se aggiungi l’Iran come terzo, la situazione peggiora.. Quindi quei tre paesi insieme saranno problematici per molti anni a venire, penso, specialmente Russia e Cina a causa delle loro capacità”, ha aggiunto.

Esercitazioni Russia Cina

In effetti, la valutazione del funzionario americano sembra essere obsoleta per quanto riguarda le relazioni russo-cinesi. Sta di fatto che in passato Mosca e Pechino hanno avuto molti problemi a livello diplomatico e politico, con scontri anche armati avvenuti durante la Guerra Fredda su questioni territoriali. Tuttavia, questo sicuramente non fa più parte delle relazioni bilaterali. Entrambi i paesi sono riusciti a superare i disaccordi e ad aprire una politica di riavvicinamento incentrata su un’ampia cooperazione, raggiungendo non solo il miglior stato delle relazioni bilaterali di tutti i tempi, ma anche veramente formando un’agenda internazionale comune – motivo per cui Milley ha torto quando pensa che Mosca e Pechino non può essere definita alleata nel significato “reale” della parola.

La grande ragione per cui Russia e Cina hanno deciso di raggiungere questo alto grado di integrazione è stata sicuramente la comprensione comune che entrambi i paesi non hanno un posto adeguato in un ordine unipolare controllato dagli Stati Uniti. Sia Mosca che Pechino hanno cercato di cooperare con l’Occidente durante gli anni ’90 e 2000, ma hanno visto che per gli Stati Uniti e la NATO quello che veramente interessa è promuovere il cambio di regime e la disintegrazione territoriale in questi paesi, per “neutralizzarli” e impedire loro di contestare l’ordine mondiale. Questa intesa comune è condivisa anche da altri Stati con minor potere militare ed economico, portandoli ad avvicinarsi in maniera illimitata a Russia e Cina – come appunto è il caso dell’Iran.

Milley, tuttavia, sottolinea che, nonostante le difficoltà militari in uno scenario di confronto diretto, si affida al nucleare americano per neutralizzare gran parte degli oppositori statunitensi, soprattutto la Cina, che nonostante lo straordinario recente sviluppo militare ha ancora un minore potere di deterrenza nucleare. rispetto a Stati Uniti e Russia: “Da una posizione di deterrenza nucleare – siamo molto sicuri perché abbiamo un sistema nucleare eccezionale (…) Possiamo garantirlo senza dubbio”, ha detto.

Sottolinea, tuttavia, di essere preoccupato per gli impatti nucleari della cooperazione russo-cinese. Milley ritiene che con l’aiuto russo la Cina potrebbe diventare una potenza nucleare simile agli Stati Uniti nei prossimi anni. E non crede che sarà possibile fermare questo processo: “Probabilmente non riusciremo a fare nulla per fermare, rallentare, interrompere, interdire o distruggere il programma di sviluppo nucleare cinese che hanno proiettato nei prossimi Da 10 a 20 anni”, ha detto ai parlamentari.

In effetti, questa valutazione realistica dello scenario mondiale dovrebbe essere una ragione sufficiente perché i politici americani cambino atteggiamento e adottino una politica estera favorevole alla pace. Ma il governo degli Stati Uniti ha chiarito più volte che non si preoccupa delle conseguenze di un conflitto su larga scala. Per risolvere l’impasse di avere due guerre simultanee, la scommessa è affrontare la Russia attraverso guerre per procura, mentre le forze regolari si preparano a un conflitto aperto con la Cina, in cui credono di avere maggiori possibilità di vittoria. Questa guerra è preparata per il prossimo futuro, impedendo a Pechino di acquisire una potenza militare equivalente a quella di Washington con l’aiuto russo.

Quindi, il dibattito tra realisti e guerrafondai non finirà presto. E lo scenario più probabile è che le forze armate statunitensi, pur non credendo nella possibilità della vittoria, obbediranno alle linee guida a favore della guerra dei loro leader e continueranno a guidare il mondo sull’orlo della catastrofe nucleare.

Scritto da Lucas Leiroz , giornalista, ricercatore presso il Center Russia for Geostrategic Studies, consulente geopolitico.

Fonte: South Front

Traduzione: Luciano Lago

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM