Gli Stati Uniti lasceranno l’Afghanistan nel mezzo del fallimento della loro guerra più lunga

L’esercito americano ha appena annunciato di aver iniziato un ritiro totale dall’Afghanistan e vi è un accordo unanime sul fatto che la guerra più lunga d’America sia stata un completo fallimento.

Con l’obiettivo nominale di sradicare il terrorismo, la guerra in realtà ha solo provocato la proliferazione del terrorismo: gruppi come Daesh e Al Qaida hanno infestato vaste aree di territorio e si sono diffusi dal Mali all’Iraq. Iniziato il conflitto nel 2001, nemmeno un mese dopo gli attacchi dell’11 settembre, con il pretesto di sradicare i talebani, gli Stati Uniti escono oggi dall’Afghanistan senza nemmeno avere abbastanza influenza per portare i talebani al tavolo dei negoziati.

Il nuovo presidente degli Stati Uniti, Joe Biden, ha detto che il ritiro sarà completato l’11 settembre. I talebani hanno minacciato gravi ritorsioni se gli Stati Uniti rimanessero dopo la scadenza del 1 ° maggio negoziata da Donald Trump.

L’invasione dell’Afghanistan aveva portato all’emissione del “Patriot Act”, un sistema di misure eccezionali che ha inferto un duro colpo alla libertà, all’islamofobia istituzionalizzata e alla protratta isteria di guerra dell’era di George W. Bush. Barack Obama successivamente ha contribuito con attacchi micidiali di droni (con gran numero di vittime civili), aumentato il numero di truppe e mantenendo aperta Guantanamo Bay, anche dopo aver vinto un premio Nobel per la pace.

Afghanistan Truppe USA

Da parte sua, Donald Trump è salito al potere in gran parte grazie alla sua promessa di impedire l’inizio di guerre straniere più devastanti come quella in Afghanistan.

Più di 2.000 soldati americani sono stati uccisi in combattimento, ma quasi un milione hanno prestato servizio in Afghanistan. Questi hanno portato a casa non solo traumi fisici e psicologici, ma forse spesso una visione altamente militarizzata della politica globale.

La “guerra al terrore” potrebbe finire, ma la sua eredità è un’immensa devastazione in patria e in tutto il mondo musulmano e non. Gli Stati Uniti attualmente hanno spostato la loro attenzione su altri paesi che occupano con loro truppe e cercano di contrastare una presunta minaccia dalla Cina e dalla Russia.

Fonte: Press TV

Traduzione; Luciano Lago

9 Commenti
  • Farouq
    Inserito alle 16:15h, 28 Aprile Rispondi

    “Siamo sull’orlo di una trasformazione globale. Non ci serve altro che una grande crisi, e tutte le nazioni accetteranno il Nuovo Ordine Mondiale”.

    https://youtu.be/OKwOXJ9RbHE

    David Rockefeller un’altro cadavere parlante

  • Anonimo
    Inserito alle 16:23h, 28 Aprile Rispondi

    la guerra in afganistan non è stata un fallimento per gli usa; lo scopo non era quello dichiarato (guerra al terrorismo) ma proprio il contrario: seminare il terrorismo in tutti i paesi del nordafrica e del medio oriente e consegnare gli stati occidentali nelle mani delle multinazionali. la pseudo pandemia è un passo successivo di tale strategia il cui compito è di massacrare quante più persone in tutto il mondo.
    chi ancora non ha capito che il nazismo ha vinto la seconda guerra mondiale (chi ha perso è stata la germania e tutta l’europa) continua a non capire cosa stia succedendo.

  • giuseppe sartori
    Inserito alle 16:23h, 28 Aprile Rispondi

    la guerra in afganistan non è stata un fallimento per gli usa; lo scopo non era quello dichiarato (guerra al terrorismo) ma proprio il contrario: seminare il terrorismo in tutti i paesi del nordafrica e del medio oriente e consegnare gli stati occidentali nelle mani delle multinazionali. la pseudo pandemia è un passo successivo di tale strategia il cui compito è di massacrare quante più persone in tutto il mondo.
    chi ancora non ha capito che il nazismo ha vinto la seconda guerra mondiale (chi ha perso è stata la germania e tutta l’europa) continua a non capire cosa stia succedendo.

    • Pippo
      Inserito alle 17:53h, 28 Aprile Rispondi

      La missione storica del Nazionalsocialismo è stata sempre quella di difendere i popoli d’Europa. Tutta la sua politica era indirizzata a questo fine.Il destino purtroppo ha deciso diversamente.La vittoria invece ha arriso alle potenze capitalistiche acerrime nemiche dell’Europa, che avevano, ed hanno tuttora progetti diametralmente opposti a quelli che aveva il 3° Reich, ovvero l’eradicazione dei popoli d’Europa, col piano di sostituzione etnica,( il famoso piano Kalergi in fase di piena attuazione).Oppure accelerando il piano genocida tout-court, col sistema della vaccinazione di massa com’è in opera ora.Solo chi è in malafede, o intellettualmente inetto, non riesce ad intravedere questo progetto di morte.

  • nicholas
    Inserito alle 16:43h, 28 Aprile Rispondi

    Mi sembra molto strano che gli Usa, lascino l’Afaganistan..

  • giuseppe sartori
    Inserito alle 19:12h, 28 Aprile Rispondi

    per pippo: lei non ha studiato
    1- chi finanziò hitler
    2- chi era hitler
    3- perchè i nazisti non liquidarono l’inghilterra a dunquerque
    4- perchè hitler fece la guerra su 3 fronti
    5- i rapporti tra sionismo e nazismo.
    come diceva d. roosvelt,in politica nulla avviene per caso; il destino non c’entra per niente. lei non è in malafede, ma ha studiato poco o niente..

    • Arditi, a difesa del confine
      Inserito alle 19:21h, 28 Aprile Rispondi

      ha letto il testamento di Hitler pubblicato di recente su un blog ?

    • giorgio
      Inserito alle 19:44h, 28 Aprile Rispondi

      Una risposta articolata richiederebbe troppo spazio …… recentemente ho postato un commento sugli affari tra usa e germania prima della guerra …..
      in sintesi direi che chi finanziò la rivoluzione sovietica e il nazionalsocialismo …… sono sempre loro …. gli anglo sionisti ……. secondo il detto : dividi et impera …….
      Ma in Afghanistan (come in Vietnam) hanno perso ….. punto.

    • natalino
      Inserito alle 23:57h, 28 Aprile Rispondi

      A proposito di rapporti tra ebreo-sionisti ed Hitler. Risulta che 150.000 uomini (CIRCA 15 DIVISIONI) di pura razza ebreo-sionista militavano nelle file dell’esrcito tedesco.
      Queste truppe erano per certi versi delle “truppe d’elites”, Erano inquadrate solo da quadri ufficiali selezionati tra ebrei con pedigree di appartenenza alla razza e/o etnia incontestabile.
      Ma il triste di tutta la storiella é: essi si adoperavano alacremente per fare le liste di proscrizione..
      Mi scuso per le mie enormi lacune informative.