Gli Stati Uniti lasceranno l’Afghanistan nel mezzo del fallimento della loro guerra più lunga

L’esercito americano ha appena annunciato di aver iniziato un ritiro totale dall’Afghanistan e vi è un accordo unanime sul fatto che la guerra più lunga d’America sia stata un completo fallimento.

Con l’obiettivo nominale di sradicare il terrorismo, la guerra in realtà ha solo provocato la proliferazione del terrorismo: gruppi come Daesh e Al Qaida hanno infestato vaste aree di territorio e si sono diffusi dal Mali all’Iraq. Iniziato il conflitto nel 2001, nemmeno un mese dopo gli attacchi dell’11 settembre, con il pretesto di sradicare i talebani, gli Stati Uniti escono oggi dall’Afghanistan senza nemmeno avere abbastanza influenza per portare i talebani al tavolo dei negoziati.

Il nuovo presidente degli Stati Uniti, Joe Biden, ha detto che il ritiro sarà completato l’11 settembre. I talebani hanno minacciato gravi ritorsioni se gli Stati Uniti rimanessero dopo la scadenza del 1 ° maggio negoziata da Donald Trump.

L’invasione dell’Afghanistan aveva portato all’emissione del “Patriot Act”, un sistema di misure eccezionali che ha inferto un duro colpo alla libertà, all’islamofobia istituzionalizzata e alla protratta isteria di guerra dell’era di George W. Bush. Barack Obama successivamente ha contribuito con attacchi micidiali di droni (con gran numero di vittime civili), aumentato il numero di truppe e mantenendo aperta Guantanamo Bay, anche dopo aver vinto un premio Nobel per la pace.

Afghanistan Truppe USA

Da parte sua, Donald Trump è salito al potere in gran parte grazie alla sua promessa di impedire l’inizio di guerre straniere più devastanti come quella in Afghanistan.

Più di 2.000 soldati americani sono stati uccisi in combattimento, ma quasi un milione hanno prestato servizio in Afghanistan. Questi hanno portato a casa non solo traumi fisici e psicologici, ma forse spesso una visione altamente militarizzata della politica globale.

La “guerra al terrore” potrebbe finire, ma la sua eredità è un’immensa devastazione in patria e in tutto il mondo musulmano e non. Gli Stati Uniti attualmente hanno spostato la loro attenzione su altri paesi che occupano con loro truppe e cercano di contrastare una presunta minaccia dalla Cina e dalla Russia.

Fonte: Press TV

Traduzione; Luciano Lago

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM