Gli Stati Uniti lanciano nuovi attacchi missilistici sullo Yemen

Il giorno prima, un nuovo attacco da parte delle forze statunitensi ha avuto luogo nello Yemen, prendendo di mira quattro missili balistici antinave Houthi, hanno detto a Reuters due funzionari statunitensi. L’azione arriva in risposta alle violazioni del traffico marittimo internazionale da parte degli Houthi e agli attacchi alle navi effettuati dal gruppo nel Mar Rosso.

Uno dei funzionari ha sottolineato che i missili sono stati attaccati perché si credeva che si preparassero ad attaccare le navi nella regione. L’attacco statunitense è avvenuto il giorno dopo che gli Houthi avevano attaccato la Gibraltar Eagle, di proprietà e gestita dagli Stati Uniti, con un missile balistico antinave.

Gli attacchi Houthi alle navi nel Mar Rosso sono continuati nonostante i primi attacchi statunitensi e britannici iniziati la scorsa settimana e mirati a indebolire il potere militare degli Houthi. Tuttavia, gli attacchi di martedì dimostrano che le forze armate statunitensi perseguiranno in modo aggressivo le capacità militari degli Houthi se verranno scoperte. Ciò potrebbe segnalare una posizione più aggressiva degli Stati Uniti nei confronti degli Houthi.

Lunedì, il Comando Centrale degli Stati Uniti ha annunciato il sequestro di componenti avanzati di missili balistici e da crociera di fabbricazione iraniana in un’operazione avvenuta l’11 gennaio. Durante questa operazione, due marines americani furono dispersi in mare al largo delle coste della Somalia.

Gli Houthi affermano che i loro attacchi alle navi mirano a sostenere i palestinesi nel conflitto con Israele nella Striscia di Gaza.

Fonte: Avia Pro
Traduzione: Mirko Vlobodic

2 commenti su “Gli Stati Uniti lanciano nuovi attacchi missilistici sullo Yemen

  1. Tutto quello che gli anglosassoni dichiarano è FALSO, sono falsoni e bugiardi. Mi pare che il traffico delle petroliere
    sia in difficoltà e, da quello che ho sentito, le navi inglesi e americane, oltreché quelle dirette verso l’Israele, vengono attaccate.
    I missili balistici sono nei silos sotterranei. I bombardamenti americani possono solo interferire con i pescatori e qualche motoscafo armato degli Yemeniti, che ne hanno a bizzeffe, armati di missili.
    I “grandi” genioni teste di casio che comandano l’occidente – e alcuni sono a Davos – SI SENTONO MALE.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM