Gli Stati Uniti inviano una portaerei e bombardieri verso le coste dell’Iran


Gli Stati Uniti stanno inviando un gruppo di attacco di portaerei e una task force con i bombardieri in Medio Oriente con un messaggio “chiaro e inconfondibile” all’Iran, ha dichiarato John Bolton, il falso consigliere per la sicurezza nazionale degli Stati Uniti.

“Gli Stati Uniti stanno schierando l’USS Abraham Lincoln Carrier Strike Group e una task force per i bombardieri nella regione del Comando Centrale degli Stati Uniti”, ha detto Bolton in una dichiarazione domenicale.

La mossa, ha detto, è finalizzata a inviare un messaggio “chiaro e inconfondibile” all’Iran secondo cui “qualsiasi attacco agli interessi degli Stati Uniti o su quelli dei nostri alleati sarà incontrato con una forza inesorabile”.

Bolton ha detto che la decisione è stata “in risposta a un numero di indicazioni e avvertimenti preoccupanti e intensificanti”.

Bolton ha continuato dicendo che gli Stati Uniti “non cercano la guerra” con l’Iran, ma sono “pienamente preparati a rispondere a qualsiasi attacco”, sia per procura, il Corpo delle guardie della rivoluzione islamica (IRGC) che con le forze iraniane regolari, ha detto Bolton in una dichiarazione.

Bolton non ha fornito ulteriori dettagli, ma un funzionario USA ha detto che “le forze sono state ordinate nella regione come deterrenza per quelli che sono stati visti come potenziali preparativi da parte delle forze iraniane e i loro delegati che potrebbero indicare possibili attacchi alle forze statunitensi nella regione “.

Il funzionario, parlando a condizione di anonimato, ha detto che gli Stati Uniti non si aspettavano alcun imminente attacco alle forze statunitensi, secondo quanto riferito da Reuters .

La mossa degli Stati Uniti arriva come aveva promesso in precedenza di ridurre le esportazioni di petrolio dell’Iran fino a zero, spingendo Teheran ad avvertire che non permetterà ad alcun altro paese di esportare petrolio attraverso lo Stretto di Hormuz se Teheran non può vendere il suo greggio.

Nel frattempo, il dispiegamento sembra essere stato “programmato regolarmente” dalla Marina degli Stati Uniti, e Bolton ha appena provato a parlarne.

L’8 aprile, il portavoce della USS Abraham Lincoln Carrier Strike Group (ABECSG) aveva annunciato che lo Strike Group ha lasciato una stazione navale in Virginia il 1 aprile per “uno spiegamento regolarmente programmato”.

Petroliera iraniana nel Golfo Persico

Pertanto, quello che Bolton descrive come una “risposta” all’avvertimento iraniano non sembra essere autentico, poiché l’ABECSG aveva iniziato la sua missione molto prima dell’avvertimento iraniano.

Sabato, il ministro degli Esteri iraniano Mohammad Javad Zarif ha detto che l’Iran non cerca di aumentare le tensioni con gli Stati Uniti, ma non permetterà a Washington di interrompere la sicurezza del Golfo Persico, la “linea vitale dell’Iran”.

“Siamo stati molto chiari sul fatto che non abbiamo alcun interesse per l’escalation”, ha detto Zarif in un’intervista esclusiva con Al Jazeera TV .

“Siamo stati chiari che il Golfo Persico e lo Stretto di Hormuz sono la nostra ancora di salvezza. Dipendiamo da loro per il nostro sostentamento e li vogliamo sicuri, funzionali e gratuiti per la navigazione di tutti i paesi, compreso l’Iran “, ha affermato.

“Come abbiamo detto prima, l’Iran non permetterà agli Stati Uniti di minacciare il Golfo Persico”, ha aggiunto il ministro degli Esteri.

Domenica scorsa, il principale comandante militare iraniano aveva detto che l’Iran vuole che lo stretto – attraverso il quale quasi un terzo di tutto il petrolio scambiato per mare – rimanga aperto e sicuro, avvertendo che il paese non permetterà a nessuno di destabilizzare le acque del Golfo Persico.

“Mentre il petrolio e le merci di altri paesi stanno attraversando lo Stretto di Hormuz, anche il nostro si sta muovendo attraverso di questo”, ha detto il Presidente del Capo di Stato maggiore Mohammad Baqeri, generale delle forze armate iraniane.

L’Iran “affronterà sicuramente chiunque tenti di destabilizzare lo Stretto di Hormuz, e se il nostro greggio non dovesse passare attraverso lo Stretto di Hormuz, anche il [greggio] degli altri non lo supererà”.

Il comandante iraniano ha spiegato: “Questo non significa [che stiamo per] chiudere lo Stretto di Hormuz. Non intendiamo chiuderlo a meno che gli atti ostili dei nemici non ci lascino senza altra opzione. Saremo pienamente in grado di chiuderlo in quel giorno “.
Il 22 aprile l’amministrazione americana ha dichiarato in un comunicato che gli acquirenti di petrolio iraniano devono interrompere i loro acquisti entro il 1 ° maggio o affrontare sanzioni. La mossa ha messo fine a sei mesi di esoneri, che hanno permesso agli otto maggiori acquirenti iraniani – Turchia, Cina, Grecia, India, Italia, Giappone, Corea del Sud e Taiwan – di continuare a importare volumi limitati. Diversi stati, fra i quali la Russia, la Cina, l’Iraq e la Turchia, hanno dichiarato che non terranno conto delle minacce USA e continueranno ad incrementare la cooperazione con l’Iran ed a acquistare il petrolio iraniano.

Nei prossimi giorni è previsto l’arrivo di unità navali russe nel Golfo Persico per esercitazioni navali congiunte assieme alla Marina iraniana.

Fonti: Press Tv- Hispan Tv

Traduzione e sintesi: Luciano Lago

2 Commenti

  • redfifer
    6 Maggio 2019

    Se gli americani non si discosteranno dai neocon, temo che, visto che l’America non può che ripetere i risultali infausti delle sue guerre, dove ha vinto solo con l’inganno, in Iran è destinata all’ennesima batosta e useranno nuovamente l’atomica per non uscire sinistrati. Peccato che questo metterà il mondo in estremo pericolo visto che ormai l’atomica non è più “solo” il loro giocattolo.

  • Idea3online
    6 Maggio 2019

    Gli USA hanno perso il controllo del Grande Gioco della geopolitica, la Libia aveva incoraggiato l’Occidente era il trend delle Rivoluzioni Arcobaleno Arabe, dopo nel 2014 la Russia mettendosi dalla parte sbagliata della Storia(la Russia ha dovuto percorrere la Profezia che controlla la Suprema Geopolitica), da allora quando la Russia ha smesso di prostituirsi in modo assoluto con la Grande Signora che guida il Mondo, l’Occidente ha perso l’orientamento, ed ecco che ogni strategia degli USA, avvantaggia la Russia, tutte le pedine mosse dall’Occidente provocano un rialzo delle quotazioni del petrolio, ed un potenziamento della Russia. Tutte le strategie indeboliscono il sistema Ponzi del Debito, ed avvantaggiano la Russia che è in autarchia e debito pubblico gestibile, in quanto esce da un default, quando crollò l’URSS.
    Gli USA sono pronti a far crollare il Debito Globale? Sono pronti a distruggere miliardi di risparmiatori? Probabilmente i Tempi ancora non sono maturi, che l’Occidente distrugga quello creato in centinaia di anni non è possibile, solo un Condottiero speciale può ripristinare l’ottimismo, probabilmente questo condottiero non è ancora nato…..oppure è nato e nei prossimi anni attaccherà il Pianeta? Sicuramente il Mondo è simile ai giorni prima del Diluvio, non ci sarà un Diluvio, ma il Fuoco delle Guerre arrostirà gli esseri umani, ma Dio da qualche anno ha iniziato a osservare la Terra perchè molti pianti e difficoltà e tragedie e depravazione si stanno diffondendo capillarmente…quasi come ai giorni prima del Diluvio.

Inserisci un Commento

*

code