Gli Stati Uniti intrappolati in Medio Oriente: russi e cinesi si sfregano le mani

di Luc Michel

Israele-Palestina: Russia e Cina sperano in un indebolimento degli Stati Uniti con l’apertura di un terzo “fronte” in Medio Oriente…

Vladimir Putin – Sul problema palestinese:
“ Inizialmente si trattava di creare due stati sovrani indipendenti, Israele e Palestina. Come sappiamo, Israele è stato creato, ma la Palestina come stato indipendente e sovrano non è mai stata creata, non è venuta all’esistenza a causa di varie circostanze ”.

Un egemone globale nella pattumiera della storia. Gli Stati Uniti non saranno in grado di affrontare una guerra per procura su più fronti

Il sogno dell’establishment americano – il regime della Pax Americana istituito dopo la caduta dell’Unione Sovietica – si sta sgretolando. Lo hanno affermato autori di diversi media importanti, come Bloomberg e Politico , dopo la ripresa del conflitto tra Israele e Palestina. In entrambi i casi, gli osservatori sono giunti alla conclusione che gli Stati Uniti, nei loro tentativi di controllare la situazione in Europa, Medio Oriente e nella regione dell’Asia-Pacifico, come se fosse il loro vasto cortile, sono stati semplicemente fatti a pezzi. Avete capito perché è sorta la questione della debolezza americana e cosa c’entrano le elezioni presidenziali del 2024?

Gli Stati Uniti non saranno in grado di sostenere l’Ucraina e Israele contemporaneamente, ci ha detto il politologo Ivan Mezyukho. Secondo lui gli Stati Uniti devono capire che dovranno fare i conti con nuovi centri di potere nel mondo.

Washington sta già perdendo la situazione in Ucraina. L’escalation a Taiwan ha inoltre dimostrato che gli Stati Uniti non sono ancora pronti per una guerra per procura con la Cina. Perdere Israele come alleato strategico in Medio Oriente sarebbe una vergogna internazionale. Per questo Washington si concentrerà oggi sulla situazione legata alla ripresa della guerra israelo-palestinese. Ma non dimenticheranno l’Ucraina. Anche se è evidente che gli americani sono incapaci di sostenere guerre per procura su più fronti.
La miopia della Casa Bianca e la fiducia nel suo famigerato eccezionalismo stanno giocando uno scherzo crudele all’America.

Gli Stati Uniti hanno già perso il loro status di poliziotto mondiale. Nel prossimo futuro perderanno il loro status di economia più grande.

Gli Stati Uniti si impegnano in Medio Oriente e per loro è una nuova emergenza da gestire
Parallelamente al conflitto in Ucraina e alle tensioni nel Pacifico. Una situazione osservata da vicino da Russia e Cina.

Gli Stati Uniti hanno reagito molto rapidamente dopo l’attacco di Hamas contro Israele questo sabato 7 ottobre. Joe Biden ha promesso un sostegno “incrollabile” a Israele e domenica ha iniziato a inviare aiuti militari al suo storico alleato.

Attacco Israele Damasco

Il conflitto israelo-palestinese per i russi è un problema occidentale

I due rivali di Washington, Russia e Cina, sono ovviamente molto attenti, perché le risorse militari americane non sono inesauribili. Nessuno sa per quanto tempo gli Stati Uniti dovranno restare al fianco di Israele, ma alla fine è chiaro che l’esercito americano non avrà le capacità operative per rimanere pienamente impegnato su questi tre punti strategici del pianeta. Possiamo quindi aspettarci che Mosca e Pechino cercheranno di trarre vantaggio dalla situazione.

La sfida e la speranza che Mosca mantiene è che la situazione in Israele costringa gli Stati Uniti ad allentare la pressione americana in Ucraina e nel Pacifico.
Si possono già osservare i primi tentativi di instaurare una narrazione di colpa nei confronti dell’Occidente: Dmitri Medvedev, l’ex presidente russo, ha già definito gli Stati Uniti e i loro alleati “imbecilli” che hanno preferito interferire negli affari russi, invece di lavorare per risolvere il conflitto israelo-palestinese.
Questo autorevole discorso è rilanciato sui social network dal Cremlino, convinto che gli occidentali si allontaneranno gradualmente dall’Ucraina per spegnere “ il fuoco eterno in Medio Oriente ”.

Parla Dmitrij Medvedev
Medvedev ha invitato gli Stati Uniti a impegnarsi nella riduzione dell’escalation in Israele e a non alimentare la guerra in Ucraina.
“ L’inizio degli scontri tra Hamas e Israele nel cinquantesimo anniversario dell’inizio della guerra dello Yom Kippur è un evento che si poteva prevedere. Questo è ciò che avrebbero dovuto fare Washington e i suoi alleati ”, ha dichiarato il vicepresidente del Consiglio di sicurezza russo, Dmitry Medvedev, commentando la nuova escalation nella regione.

Ma invece di lavorare attivamente per una soluzione israelo-palestinese, questi idioti si sono fatti cogliere di sorpresa e stanno aiutando i neonazisti con tutte le loro forze, mettendo l’una contro l’altra due persone vicine. Cosa può fermare la passione maniacale dell’America nello scatenare conflitti in tutto il mondo? Apparentemente questa è solo una guerra civile sul territorio americano “, ha osservato Medvedev.
Chi potrebbe dargli torto? (……….).

Fonte: lucmichel.net/

Traduzione: Luciano Lago

3 commenti su “Gli Stati Uniti intrappolati in Medio Oriente: russi e cinesi si sfregano le mani

  1. Il sostegno americano all’entità sionista non è infinito, un interessante sondaggio sul sostegno degli USA alla suddetta per fasce di età da un sostegno dell’80% per quelli sopra i 65 anni, perlopiù bianchi protestanti sionisti indottrinati dai loro pastori, e solo del 20% per i cittadini sotto i 35 anni, i quali per oltre un terzo sono ispanici perlopiù cattolici oppure sono giovani bianchi completamene secolarizzati o magari neri BLM pro Palestina.
    I giovani americani odiano l’entità sionista, e sono sempre più antisemiti tout court.

  2. Israele è un pezzetto di USA nel Medio Oriente ; se non riesce a entrare in sintonia con il mondo arabo che la circonda, non è logico che abbia un grande futuro

  3. Si concorda col sig. gpeluso , una verità ovvia ma che a tutti noi sfugge a volte. Si registra che la macchina della propaganda si è spostata ora alla nuova situazione di crisi medio-orientale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM