Gli Stati Uniti iniziano i “ruggenti anni venti” dichiarando guerra all’Iran

placeholder

di Pepe Escobar

Non ci poteva essere una provocazione più sorprendente contro l’Iran di quanto accaduto a Baghdad.

Indipendentemente da dove sia arrivato il via libera per l’assassinio mirato da parte degli Stati Uniti del comandante della forza di Al-Quds, il maggiore generale Qasem Soleimani e il secondo al comando di Hashd al-Shaabi, Abu Madhi al-Muhandis .
Di fatto è un atto di guerra. Unilaterale, non provocato e illegale.

Il presidente Trump potrebbe aver dato l’ordine. O lo Stato profondo degli Stati Uniti potrebbe avergli ordinato di dare l’ordine.

Secondo le mie migliori fonti di informazione nel sud-ovest asiatico, “Israele ha fornito agli Stati Uniti le coordinate per l’assassinio di Qasem Soleimani perché volevano evitare le ripercussioni dell’assassinio contro di loro”.

Non importa che Trump e Deep State siano in guerra.

Una delle rare ossessioni geopolitiche che li uniscono è lo scontro permanente con l’Iran – qualificato dal Pentagono come una delle cinque principali minacce contro gli Stati Uniti, quasi a livello di Russia e Cina.

E non ci possono essere provocazioni più sorprendenti contro l’Iran – in un lungo elenco di sanzioni e provocazioni – di quello che è successo a Baghdad. L’Iraq è ora il campo di battaglia preferito per una guerra per procura contro l’Iran che potrebbe ora trasformarsi in una guerra calda, con conseguenze devastanti.

Sapevamo che sarebbe successo. Ci sono state molte voci sui media israeliani da parte di ex funzionari della difesa e del Mossad. Ci sono state minacce esplicite dal Pentagono. Ne ho discusso in dettaglio in Umbria la scorsa settimana con l’analista Alastair Crooke – che era estremamente preoccupato. Ho ricevuto messaggi inquietanti dall’Iran. L’inevitabile escalation di Washington è stata discussa fino a giovedì sera, qui a Palermo, poche ore prima dell’attacco. La Sicilia, a proposito, nella terminologia dei generali americani, è un AMGOT: Territorio occupato dal governo americano.

Ancora una volta, le mani degli eccezionalisti USA al lavoro mostrano quanto siano prevedibili. Trump è messo alle strette dal licenziamento. Netanyahu è stato accusato di corruzione. Niente come una “minaccia” esterna per radunare e ricompattare le truppe interne. La Guida Suprema, l’Ayatollah Khamenei, conosce queste variabili complesse. Non sorprende che abbia già annunciato, per la cronaca, che ci sarebbe un ritorno di fiamma: “Una vendetta vigorosa attende i criminali che hanno sparso il suo sangue e quello di altri martiri nelle loro mani “. Aspettatevi che sia molto doloroso.


Flashback di mille colpi

Ho incontrato Muhandis a Baghdad due anni fa, così come molti membri dell’Hashd al-Shaabi. Ecco il mio rapporto completo . Lo Stato profondo è assolutamente terrorizzato dal fatto che l’Hashd al-Shaabi, un’organizzazione di base, stia per diventare un nuovo Hezbollah e potente come Hezbollah libanese. Il Grand Ayatollah Sistani, l’autorità religiosa suprema universalmente rispettata in Iraq, li sostiene pienamente.

Milizie sciite di Hashd al-Shaabi (Hezbollah) in Iraq

Pertanto, anche l’attacco degli Stati Uniti prende di mira Sistani, per non parlare del fatto che l’Hashd al-Shaabi opera secondo le direttive emanate dal Primo Ministro iracheno Abdel Mahdi. È un grave errore strategico che può essere fatto solo dai dilettanti.

Il maggiore generale Soleimani, ovviamente, umiliava ripetutamente l’intero Deep State – e avrebbe potuto mangiarli tutti per colazione, pranzo e cena come stratega militare. Fu Soleimani a sconfiggere Daesh in Iraq – e non gli Stati Uniti che bombardando Raqqa ultimando la rovina. Soleimani era uno stratega super-eroe con uno status quasi mitico per le legioni di giovani sostenitori di Hezbollah, gli Houthi nello Yemen, tutte le correnti di resistenza in Iraq e Siria, la Jihad islamica in Palestina e in tutte le latitudini del Sud Africa. , in Asia e in America Latina.

Non c’è assolutamente modo per gli Stati Uniti di mantenere le truppe in Iraq se la nazione non viene massicciamente rioccupata dopo un bagno di sangue. E dimentica la “sicurezza”: nessuna forza militare egemonica o imperiale ufficiale si trova attualmente al sicuro ovunque, dal Levante alla Mesopotamia e al Golfo Persico.

L’unica qualità redentrice di questo importante errore strategico della dichiarazione di guerra potrebbe essere che è l’ultimo chiodo nella bara del capitolo del sud-ovest asiatico dell’Impero delle Basi statunitensi. Il ministro degli Esteri iraniano Javad Zarif ha rilasciato una metafora appropriata: “l’albero della resistenza” continuerà a crescere. L’impero potrebbe dire addio al sud-ovest asiatico.

A breve termine, Teheran sarà estremamente attenta nella sua risposta. Un accenno di cose – doloroso – a venire: sarà il flashback di mille colpi. Come colpire il telaio – e lo stato d’animo – eccezionale dove fa davvero male. Ecco come iniziano gli anni folli e arrabbiati: con il rilascio di cani da guerra ululanti.

Pepe Escobar

fonte: gli Stati Uniti iniziano i ruggenti anni venti, dichiarando guerra all’Iran

Tradotto da “Réseau International” e in italiano da Luciano Lago

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM