Gli Stati Uniti iniziano a torcere le mani della Turchia


di Stanislav Tarasov

Dopo che il presidente turco Recep Tayyip Erdogan , durante una visita a Mosca, ha dichiarato che l’acquisto di sistemi missilistici russi S-400 “è un business completo” e la consegna di sistemi missilistici di difesa aerea potrebbe verificarsi prima di luglio di quest’anno, ma forse “succederà anche prima”, le pubblicazioni turche hanno iniziato a rivelare alcuni dettagli intriganti dello scenario sviluppato dagli americani per interrompere il contratto.

Così, la pubblicazione turca Haberturk ha riferito che Washington prevede di condurre una serie di misure operative contro Ankara nel mese di aprile, accompagnate da serie contrattazioni e negoziati. Con consegne di S-400 nel prossimo mese di luglio, questo argomento sarà preso ancora più a fondo. Dopotutto, la Turchia non si ritirerà dalla sua decisione sull’S-400 sullo sfondo delle recenti dichiarazioni degli Stati Uniti. Pertanto, si prevede che gli Stati Uniti si concentreranno non tanto sull’acquisto del C-400, quanto sull’aspetto associato al loro uso e installazione “.
E, in effetti, la prima parte della sceneggiatura americana ha iziato ad essere implementata. Il capo del servizio stampa del Dipartimento di Stato americano, Robert Palladino, ha elencato i rischi che le autorità turche dovranno affrontare dopo aver acquisito i sistemi di difesa aerea russi.


Secondo lui, questo riguarda principalmente l’offerta e le attività legate alla partecipazione della Turchia al programma per creare un cacciabombardiere americano F-35, che è stato sospeso a causa della decisione di Ankara di acquistare C-400. In secondo luogo, la Turchia potrebbe essere soggetta alla legge “In contrasto con gli avversari dell’America attraverso le sanzioni”. Palladino ha spiegato che “le possibili restrizioni possono riguardare le persone fisiche e giuridiche coinvolte in questa significativa transazione”. In terzo luogo, la Turchia rischia di non ottenere il sistema di difesa aerea americano Patriot. Perché aspettare ancora? Il quotidiano turco Cumhuriyet spiega la situazione come segue:

“Gli S-400 usano sistemi radar multirange e vari missili per distruggere bersagli. Sono in grado di selezionare automaticamente un razzo per il lancio, in base alle caratteristiche del bersaglio. In virtù di questi sistemi radar e missilistici, i complessi, ad esempio, situati ad Hatay, possono tracciare il bersaglio a una distanza di 600 chilometri, ovvero, nello stesso tempo, pettinare lo spazio aereo di quasi tutta la Siria, il Mediterraneo orientale e Cipro. Allo stesso modo, i complessi situati a Izmir sono in grado di controllare lo spazio aereo del Mediterraneo occidentale, tutta la Grecia, inclusa la regione egea. Questi complessi possono contenere qualsiasi oggetto aereo da una distanza di 400 chilometri e distruggerlo a una distanza di 250 chilometri. Cioè, questi sistemi non solo danno alla Turchia la capacità di neutralizzare le minacce,

Secondo il giornale, questo è ciò che preoccupa di più Washington. Inoltre, l’S-400 verrà installato con il sistema di identificazione del software turco “your “. Ankara non intende integrare il sistema di difesa aerea russo nel sistema di difesa aerea della NATO, anche se ci sono altri giudizi su questo . L’Agenzia di stampa del governo turco Anadolu aggiunge: “La consegna dell’S-400 alla Turchia e il loro uso attivo da parte dell’esercito turco ostacoleranno enormemente l’attuazione da parte degli Stati Uniti del piano per creare un corridoio anti-terroristico. Ad esempio, la Turchia ha dichiarato il nord della Siria una no-fly zone. La Turchia non ha attualmente armi per fare questo. Con il dispiegamento dei sistemi S-400, la Turchia sarà in grado di garantire la sicurezza non solo delle sue frontiere terrestri e marittime, ma allo stesso tempo della regione, che è stata bonificta dai terroristi, in Siria “.

Negoziati Truchia Russia

In breve, gli Stati Uniti hanno iniziato a esercitare pressioni senza precedenti sulla Turchia da varie direzioni. Non è un caso che questa domanda sia stata presa in particolare considerazione durante l’incontro del presidente russo Vladimir Putin con Erdogan. Ma nessuno sa se loro hanno una propria tabella di marcia per questo evento generalmente prevedibile. Oppure se Erdogan continuerà a manovrare nella direzione americana.
Tuttavia, gli Stati Uniti gli hanno lasciato un “corridoio di opportunità” per questo, dicono. Il problema è che Washington è arrogante nei confronti di Ankara, non nasconde la sua irritazione per l’espansione della cooperazione dei turchi con Mosca. Erdogan si crede, come notato da Deutsche Welle, “Il presidente, che non ha un limite al governo dello stato”.
Ci sono state voci sulla possibilità di un incontro improvviso tra Erdogan e il presidente degli Stati Uniti Donald Trump .

Ma se la Turchia riuscirà a difendere la sua attuale posizione forte e importante, svolgerà un ruolo più attivo in tutto il Medio Oriente, sganciandosi dalla dipendenza dagli USA, così come stanno facendo altri paesi della regione, l’Iraq in particolare.
La Turchia può aspirare a riprendere una posizione di leadership nel mondo islamico ma soltanto se si andrà a liberare dal pesante fardello americano.

Fonte: ИА REGNUM. Traduzione: Sergei Leonov
Любое использование материалов допускается только при наличии гиперссылки на ИА REGNUM.

4 Commenti

  • atlas
    13 Aprile 2019

    «Se parliamo dell’acquisto degli S-400, non credo che queso significhi un allontanamento della Turchia dalla NATO o dalle istituzioni occidentali e di un avvicinamento alla Russia. Non lo credo. Perché le autorità turche hanno chiaramente affermato che la Turchia resta un fedele alleato della NATO, e che rimarrà tale» ha affermato l’assistente del segretario generale della NATO per la diplomazia pubblica Tachan Ildem.

    https://www.lindro.it/turchia-l-s-400-russo-rapporti-l-occidente/

    piena fiducia in Putin, sempre

  • Mardunolbo
    13 Aprile 2019

    Sperando che Putin dia un sistema difettoso..altrimenti significa darsi la zappa sui piedi !

  • eusebio
    13 Aprile 2019

    Putin è furbo, staccando la Turchia dalla NATO, rifornendola di gas a basso costo, armi avanzate a costi contenuti, comprando derrate alimentari e semilavorati industriali (affiancata dalla Cina che investe nell’industria, nei trasporti e nelle banche turche) isola a sud l’Ucraina, già brutalmente strozzata dalla deviazione del gas a nord verso il Nord Stream e a sud nel Turk Stream, preparandola attraverso il collasso economico al ritorno in mani russe.
    Sebbene i neocons sperino ancora di togliere la Crimea ai russi, guidati dalla golpista clintoniana Nuland che fu molto attiva a Kiev durante il golpe assieme al fortunamente morto came McCain, nonchè dal marito della golpista, il grasso ebreo Robert Kagan (i neocons chissà perchè sono tutti ebrei), questa ormai è una pia illusione, l’apparato militare russo in Crimea è inattaccabile e l’economia ucraina sta costando trippo ad USA,UE ed FMI, l’ingresso del paese martoriato da Soros nella UE è un pio desiderio e la scofitta di Poroshenko vedrà un colossale regolamento di conti tra oligarchi e nazionalisti ucraini, che riporterà il paese devastato in mani russe.

  • Teo
    15 Aprile 2019

    Concordo

Inserisci un Commento

*

code