Gli Stati Uniti incitano al terrore medico contro gli iraniani nel mezzo della pandemia di COVID-19

Il ministro degli Esteri iraniano Mohammad Javad Zarif ha nuovamente attaccato gli Stati Uniti per il loro rifiuto di revocare le sanzioni iraniane nel pieno della mortale pandemia di coronavirus, affermando che Washington sta aggiornando il suo “terrorismo economico” a un nuovo livello di “terrore medico” contro gli iraniani.

“Gli Stati Uniti sono passati dal sabotaggio e dagli omicidi mirati e la guerra economica con il terrorismo economico sugli iraniani – fino al Terrore medico tra covid-19 contro l’Iran”, ha detto Zarif in un post sul suo account Twitter ufficiale domenica.

Il massimo diplomatico iraniano ha aggiunto che il “terrore medico” americano contro gli iraniani “supera persino quello che sarebbe ammissibile sul campo di battaglia”.

Il ministro degli Esteri iraniano ha quindi invitato la comunità internazionale a smettere di sostenere i “crimini di guerra” commessi dall’amministrazione statunitense e obbedire alle sanzioni “immorali e illegali” contro la nazione iraniana.
L’Iran sta combattendo contro il nuovo coronavirus mentre è soggetto alle sanzioni più crudeli imposte dal governo degli Stati Uniti.

Mohamad Zarif, minsitro Esteri dell’Iran

Mentre molti paesi nel mondo hanno invitato Washington a rimuovere i divieti al culmine della pandemia globale, l’amministrazione di Donald Trump si sta “vendicando” nel rifiutare di porre fine alla sua “punizione illegale e collettiva”, in parte sotto la pressione dei gruppi di pressione israeliani .

Zarif: il rifiuto “vendicativo” degli Stati Uniti di revocare le sanzioni; tutti i paesi che le sostengono sono complici e responsabili di eventuali conseguenze distruttive
Zarif ha criticato gli Stati Uniti per il rifiuto “vendicativo” di revocare la “punizione illegale e collettiva” contro l’Iran in mezzo alla pandemia di coronavirus.
L’Iran non è in grado di acquistare medicine e attrezzature mediche a causa delle sanzioni economiche statunitensi che l’amministrazione Trump ha costantemente inasprito come parte della “massima pressione” su Teheran.

Il presidente iraniano Hassan Rouhani ha dichiarato che l’Iran sta gestendo la malattia in condizioni anormali a causa delle sanzioni unilaterali statunitensi sul paese. “Durante le sanzioni, siamo stati in grado di resistere bene e gestire il paese nel miglior modo possibile”.

Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha ripristinato le sanzioni di Washington sull’Iran a maggio 2018 dopo aver lasciato unilateralmente l’accordo nucleare del 2015, noto come Piano d’azione congiunto globale (JCPOA), firmato tra l’Iran e le principali potenze mondiali.

Iran, gestione contagi negli ospedali

La Corte internazionale di giustizia (ICJ) – nota come Corte mondiale – ha ordinato alla Casa Bianca di revocare le sanzioni che ha illegalmente reimposto alle forniture umanitarie all’Iran.

Gli Stati Uniti affermano che i divieti non ostacolano le esportazioni di cibo e medicine in Iran, ma la Repubblica islamica afferma che Washington ha lavorato per ostacolare un canale umanitario svizzero lanciato per consentire il trasferimento di merci sanitarie in Iran.

Il portavoce del ministero della Sanità iraniano Kianoush Jahanpour domenica ha riportato altri 123 morti, portando il bilancio complessivo delle vittime dell’Iran a 2.640.

Il portavoce ha dichiarato che il numero totale di casi confermati ammonta ora a 38.309, di cui 12.391 sono stati recuperati e dimessi dall’ospedale.

Jahanpour ha dichiarato che 2.901 nuovi casi di infezione sono stati confermati nelle 24 ore a domenica a mezzogiorno.

La probabile origine del nuovo coronavirus sarebbe stata in Cina alla fine dell’anno scorso e ora si sta diffondendo in tutto il mondo. In tutto il mondo, ci sono stati più di 668.350 casi confermati di virus e oltre 31.000 decessi.

Le sanzioni illegali statunitensi contro l’Iran mettono in pericolo vite umane non solo in Iran: inviato ONU
Le sanzioni statunitensi contro l’Iran hanno messo in pericolo “la vita di molte persone non solo in Iran, ma anche in tutto il mondo”, lo afferma l’inviato dell’Iran alle Nazioni Unite.
“La continuazione delle sanzioni illegali statunitensi contro l’Iran influenzerà solo negativamente la capacità dell’Iran di contenere la malattia. Di conseguenza, il popolo iraniano soffrirà di più a causa di questa politica fallita, così come le altre nazioni sul nostro pianeta interconnesso “, ha detto Majid Takht-e Ravanchi in un articolo pubblicato da USA Today.

https://www.presstv.com/Detail/2020/03/29/621865/coronavirus-Iran-Zarif-US-sanctions-medical-terrorism

Fonte: Press Tv

Traduzione: Luciano Lgo

1 commento

  • Icarus
    30 Marzo 2020

    Io mi chiedo solo. Una cosa… Chi cazzo sono gli usa per decidere chi o non chi debba essere oggetto di sanzioni? Viva il sovranismo quando possibile

Inserisci un Commento

*

code