Gli Stati Uniti hanno sostenuto la crescita dell’ISIS-K?


di Alex Rubinstein

Gli attori regionali hanno da lungo tempo accusato gli Stati Uniti di sostenere il gruppo con il trasferimento notturno per mezzo di elicotteri in Afghanistan.

L’elenco di governi, ex funzionari governativi e organizzazioni nella regione che hanno accusato gli Stati Uniti di sostenere l’ISIS-K è ampio e comprende il governo russo, il governo iraniano, i media del governo siriano, Hezbollah, un’organizzazione militare sponsorizzata dallo stato iracheno e anche l’ex presidente afghano Hamid Karzai , che ha definito il gruppo uno “strumento” degli Stati Uniti come ha recentemente notato il giornalista Ben Norton , caratterizzando Karzai come “un ex burattino statunitense che in seguito si è rivolto contro gli Stati Uniti e conosce molti dei loro segreti”.

Quindi cos’è esattamente ISIS-K e qual è la sua storia? Dopo che la variante dell’Afghanistan dell’ISIS è diventata un nome familiare durante la notte a seguito di un attentato suicida all’aeroporto di Kabul che ha ucciso più di 170 persone e ne ha ferite più di 200, la storia del gruppo richiede un nuovo esame.

A maggio, avevo twittato che “non devo essere l’unico ad aspettarmi una cosiddetta ‘ascesa dell’ISIS’ in Afghanistan nel prossimo futuro…”
Ho scritto questo perché gli attacchi terroristici di massa sono usati ripetutamente come giustificazione dagli Stati Uniti per continuare le loro occupazioni di paesi stranieri: il pretesto della “missione antiterrorismo” o della “minaccia terroristica”. Ed è passato molto tempo da quando i talebani si sono presi il merito di tali azioni.

In effetti, nell’agosto 2016 – poco più di cinque anni fa – il portavoce dei talebani Zabihullah Mujahid ha dichiarato ai media iraniani che “In cooperazione con la nazione, [i talebani] hanno impedito al gruppo terroristico di prendere piede in Afghanistan”.

L’argomento più forte a favore di un ritiro degli Stati Uniti avanzato dall’amministrazione Biden è che gli Stati Uniti hanno completato la loro missione antiterrorismo in Afghanistan. L’attacco di “ISIS-K” all’aeroporto di Kabul fa crollare questo argomento, e quindi avvantaggia coloro che preferirebbero vedere l’Afghanistan permanentemente occupato dagli Stati Uniti.

Non sono nemmeno le azioni di un gruppo terroristico calcolatore: perché commettere violenza di massa in un momento così critico? Perché farlo quando tutti gli occhi sono puntati sull’Afghanistan e molti al Pentagono, nella NATO, cercano una scusa per invadere di nuovo?

Clarissa Ward della CNN è stata persino in grado di intervistare un “comandante senior dell’ISIS-K” due settimane prima dell’attacco che ha fatto questi punti. Il “comandante” ha detto alla CNN che il gruppo “stava sdraiato e aspettava il suo momento per colpire”.

Mentre il governo appoggiato dagli Stati Uniti era ancora al potere a Kabul, il “comandante” dell’ISIS-K ha detto a Ward che “non è un problema per lui superare i posti di blocco ed entrare direttamente nella capitale”. Ha persino lasciato che la troupe della CNN filmasse il suo ingresso in città.

Nell’assurda intervista, la CNN si è seduta in una stanza d’albergo con il presunto leader dell’ISIS-K e ha protetto la sua identità. Ward gli ha posto domande comicamente in anticipo come “sei interessato, in definitiva, a portare a termine attacchi internazionali?”

Screenshot dell’intervista della CNN

In risposta a una domanda sui loro piani di espansione in Afghanistan a seguito di un ritiro degli Stati Uniti, il “comandante” ha affermato che “invece di operare attualmente, ci siamo rivolti solo al reclutamento, per sfruttare l’opportunità e per fare il nostro reclutamento. Ma quando gli stranieri e le persone del mondo lasceranno l’Afghanistan, potremo riprendere le nostre operazioni”.

Cosa è cambiato?

Questo non vuol dire definitivamente che l’attacco dell’ISIS-K sia stato una falsa bandiera, ma ci sono molti buchi nella narrativa che richiedono un controllo. Vale la pena notare qui che gli Stati Uniti sono responsabili della sicurezza dell’aeroporto fino al 31 agosto, mentre i talebani controllano l’area circostante.

Inoltre, gli Stati Uniti avevano una conoscenza avanzata dell’attacco.

“A causa delle minacce alla sicurezza fuori dai cancelli dell’aeroporto di Kabul, stiamo consigliando ai cittadini statunitensi di evitare di recarsi all’aeroporto e di evitare i cancelli dell’aeroporto in questo momento”, si legge in un avviso di sicurezza del 25 agosto sul sito web dell’ambasciata degli Stati Uniti in Afghanistan. “I cittadini statunitensi che si trovano all’Abbey Gate, East Gate o North Gate ora dovrebbero partire immediatamente”.

La Gran Bretagna e l’Australia hanno emesso avvertimenti simili di “alta minaccia di attacco terroristico” e “molto alta minaccia di attacco terroristico” rispettivamente.

Il giorno seguente, un attentatore suicida si è fatto esplodere e ha ucciso decine di persone. Inoltre, secondo quanto riferito, le forze statunitensi hanno ucciso anche loro un gran numero di persone. “Molti con cui abbiamo parlato, compresi i testimoni oculari, hanno affermato che un numero significativo di persone uccise è stato ucciso dalle forze statunitensi nel panico dopo l’esplosione”, ha twittato il corrispondente della BBC Secunder Kermani, che ha riferito dalla zona.

Il giorno successivo all’attacco, il comando centrale degli Stati Uniti ha annunciato che “le forze militari statunitensi hanno condotto oggi un’operazione antiterrorismo oltre l’orizzonte contro un pianificatore dell’ISIS-K. L’attacco aereo senza equipaggio è avvenuto nella provincia di Nangarhar in Afghanistan”.

In breve, gli Stati Uniti sapevano che stava arrivando un attacco, l’attacco è avvenuto, e poi entro 24 ore gli Stati Uniti hanno annunciato di aver ucciso l’autore, dicendo “le prime indicazioni sono che abbiamo ucciso l’obiettivo” (con sei bambini uccisi nell’operazione).

Poi sabato, le forze statunitensi hanno demolito una base della CIA nel paese.

Questi fatti ci danno più domande che risposte. Perché gli Stati Uniti non sono stati in grado di prevenire l’attacco? Dando alla comunità militare e dell’intelligence il beneficio del dubbio che non sapevano chi avrebbe attaccato e quindi non avrebbero potuto impedirlo, come hanno fatto a capirlo così rapidamente dopo l’attacco? Se è stata la CIA, che è più che probabile, a fornire queste informazioni, perché i militari stanno distruggendo l’infrastruttura della CIA che potrebbe plausibilmente svolgere un ruolo nell’aiutare a capire queste cose? Questa è una domanda particolarmente preoccupante considerando che meno di poche ore prima che il New York Times riportasse che le truppe statunitensi hanno distrutto una base della CIA, il presidente Biden ha affermato che i comandanti militari lo hanno informato che un altro attacco all’aeroporto è “molto probabile” nei prossimi 24 -26 ore.

Accuse a lungo termine di supporto

Il ricercatore e commentatore Hadi Nasrallah ha osservato venerdì che il leader del gruppo di resistenza in Medio Oriente Hezbollah “ha affermato che gli Stati Uniti hanno usato elicotteri per salvare i terroristi dell’ISIS dal completo annientamento in Iraq e trasportarli in Afghanistan per tenerli come ribelli in Asia centrale contro Russia, Cina e Iran”.

Elicotteri USA evacuano terroristi

Hezbollah non è il primo attore nell’area a lanciare l’accusa agli Stati Uniti di aver istituito una ratline tramite voli in elicottero verso l’Afghanistan per l’ISIS: Russia e Iran, che confinano con l’Afghanistan, lo sono da tempo.

Come ha notato Hadi Nasrallah, la Siria e l’Iraq hanno detto più o meno la stessa cosa, con i media statali siriani SANA che nel 2017 hanno riferito che “gli elicotteri statunitensi hanno trasportato tra 40 e 75 militanti dell’ISIS da Hasakah, nel nord della Siria, in un'”area sconosciuta”.

Come ha sottolineato Hadi Nasrallah, “la stessa cosa è stata segnalata per anni in Iraq dalle [Forze di mobilitazione popolare irachene] insieme ai rapporti secondo cui gli elicotteri statunitensi hanno abbandonato gli aiuti per l’ISIS”.

Nel 2017 e nel 2018, i funzionari iraniani e russi avevano le loro domande. Il capo di stato maggiore iraniano, il maggiore generale Mohammad Hossein Baqeri, ha accusato gli Stati Uniti di “trasferire membri del gruppo terroristico Daesh (ISIS o ISIL) in Afghanistan dopo le sconfitte in Iraq e Siria” all’inizio di febbraio 2018.

“Gli americani indicano (l’esistenza) delle tensioni nella regione del sud-ovest asiatico come scusa per la loro presenza nella regione”, ha detto ai giornalisti il maggiore generale Baqeri .

Il mese successivo, Mohammad Javad Zarif , il ministro degli Esteri iraniano di lunga data che ha lasciato l’incarico all’inizio di quest’anno, ha dichiarato

“Vediamo informazioni, oltre a testimonianze oculari, che combattenti Daesh, terroristi, sono stati trasportati in aereo dalle zone di battaglia, salvati dalle zone di battaglia, incluso di recente dalla prigione di Haska [Meyna]”.

Iran e Russia hanno “costantemente affermato [d]” che elicotteri senza contrassegni stavano volando nelle regioni dell’Afghanistan dove l’ISIS aveva un punto d’appoggio. Ma come ha sottolineato Javad Zarif nel marzo 2018,

“Questa volta, non erano elicotteri senza contrassegni. Erano elicotteri americani, che portavano Daesh fuori dalla prigione di Haska. Dove li hanno portati? Ora, non sappiamo dove li hanno portati, ma vediamo il risultato. Vediamo sempre più violenza in Pakistan, sempre più violenza in Afghanistan, che assume un sapore settario”.

Come scrisse all’epoca l’ agenzia di propaganda del governo degli Stati Uniti Voice of America nel 2018, “il gruppo terroristico usa Nangarhar come base principale per lanciare attacchi altrove in Afghanistan”. Questa è la stessa provincia colpita dagli Stati Uniti con un drone senza pilota il giorno successivo all’attacco all’aeroporto.

Come notato da Voice of America, il consigliere per la sicurezza nazionale del governo afghano recentemente collassato ha offerto ai delegati russi e iraniani “indagini congiunte sulle accuse di elicotteri non contrassegnati che pilotano combattenti IS[IS] nelle zone di battaglia del paese”.

Nel febbraio 2018, il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov ha implorato gli Stati Uniti di rispondere alla domanda.

“Ci aspettiamo ancora dai nostri colleghi americani una risposta ai quesiti più volte sollevati, interrogativi sorti sulla base di dichiarazioni pubbliche rese dai vertici di alcune province afgane, che elicotteri non identificati, molto probabilmente elicotteri a cui la Nato in un modo o nell’altro è correlati, volano nelle aree in cui hanno sede gli insorti e nessuno è ancora stato in grado di spiegare le ragioni di questi voli”, ha detto Lavrov. “In generale [gli Stati Uniti] cercano di evitare risposte a queste legittime domande”.

Più tardi quel mese, Lavrov ebbe altro da dire sulla questione: “Secondo i nostri dati, la presenza dell’IS[IS] nell’Afghanistan settentrionale e orientale è piuttosto seria. Ci sono già migliaia di uomini armati”.

“Siamo allarmati perché, sfortunatamente, le forze armate statunitensi e della NATO in Afghanistan fanno ogni sforzo per mettere a tacere e negare [la presenza dell’ISIS in Afghanistan]”, ha aggiunto.

Questi misteriosi voli in elicottero nel cuore della notte hanno persino sollevato le sopracciglia del caduto governo fantoccio degli Stati Uniti. Già nel maggio 2017, un funzionario locale nella provincia di Sar-e-Pul ha affermato che due elicotteri militari sono atterrati nel cuore della notte.

“Secondo il rapporto che abbiamo ricevuto dal 2° battaglione dell’esercito nazionale afghano, che combatte sulla prima linea della battaglia a Sar-e-Pul, due elicotteri militari sono atterrati in una roccaforte del nemico alle 20:00 di giovedì scorso”, Lo ha detto ai media afghani Mohammad Zahir Wahdat, il governatore della provincia .

Miliziani ISIS in Afghanistan

Dopo i commenti di Lavrov nel 2018, il generale John Nicholson , comandante della missione della NATO in Afghanistan, ha affermato che la Russia stava esagerando la minaccia dell’ISIS in Afghanistan.

“Vediamo una narrativa che viene utilizzata che esagera grossolanamente il numero di combattenti dell’Isis [gruppo dello Stato Islamico] qui”, ha detto il Gen. Nicholson alla BBC. “Questa narrazione viene quindi utilizzata come giustificazione per i russi per legittimare le azioni dei talebani.

Questo punto di discussione è stato rafforzato dal capitano della Marina Tom Gresbeck, il direttore degli affari pubblici della missione della NATO in Afghanistan, che ha affermato che le forze statunitensi “non hanno prove di alcuna migrazione significativa di combattenti stranieri dell’IS-K. Vediamo combattenti locali che cambiano alleanza per unirsi all’ISIS per vari motivi, ma la narrativa russa esagera grossolanamente il numero di combattenti dell’ISIS che si trovano nel paese”.

Sembra che questa settimana gli Stati Uniti potrebbero essere costretti a rimangiarsi le sue parole.

*

Fonte: Global Research
Traduzione: Luciano Lago

1 Commento
  • Mario
    Inserito alle 11:58h, 08 Settembre Rispondi

    ORMAI È RISAPUTO CHE LA FECCIA EBREO SIONISTA AMERICANA HA DA SEMPRE CREATO E FINANZIATO
    I GRUPPI TERRORISTI DI TUTTO IL PIANETA

Inserisci un Commento