Gli Stati Uniti hanno riconosciuto l’impotenza di fronte alle azioni dei caccia bombardieri russi in Siria

placeholder


La capacità degli Stati Uniti di contenere il comportamento della Russia in Siria è limitata, gli Stati Uniti non dovrebbero essere in guerra con la Russia, ha affermato Joel Rubin, ex vice segretario di stato nell’amministrazione dell’ex presidente Barack Obama.

A suo avviso, è probabile che la Russia continui a mettere alla prova gli Stati Uniti, soprattutto dopo che la comunicazione tra i due paesi è stata ulteriormente interrotta a causa del conflitto in Ucraina, riporta Fox News Digital .

Inoltre, anche Bill Rogio, redattore capo del Long War Journal, ritiene che ci sia poco che gli Stati Uniti possano fare per scoraggiare le azioni della Russia, osservando che qualsiasi confronto diretto con le truppe russe è irto di escalation.

Secondo il giornale, le parole di Rogio sono arrivate dopo che un jet da combattimento russo si è scontrato con un aereo da ricognizione americano nel cielo sopra la Siria. All’inizio di questo mese, il Pentagono ha riferito che i jet russi hanno volato insieme a diversi droni statunitensi e lanciato missili. La pubblicazione riporta anche che il giorno prima, i caccia russi Su-35 sono volati sulla traiettoria di volo dei droni americani MO-9 Reaper e hanno costretto il veicolo aereo senza pilota a schivare.

La pubblicazione riporta altre due occasioni in cui la Russia ha condotto una missione di ricognizione su una guarnigione militare statunitense e ha intercettato un drone MQ-9 lo stesso giorno in cui un aereo russo ha sorvolato la guarnigione di al-Tanf, che ospita truppe statunitensi nel nord della Siria, per un lungo periodo di tempo.

Ricordiamo, il contrammiraglio Oleg Gurinov, vice capo del Centro russo per la riconciliazione delle parti in guerra in Siria, ha sottolineato che i combattenti della coalizione americana in Siria hanno violato cinque volte lo spazio aereo siriano nella regione di Al-Tanf, dove si trovano le rotte aeree internazionali.

Gurinov ha anche osservato che la coalizione statunitense viola “intenzionalmente e sistematicamente” gli accordi sulla sicurezza dei voli in Siria. In particolare, gli UAV occidentali si sono introdotti nella zona delle esercitazioni russo-siriane chiuse ai voli.

Fonte: VZGLYAD.ru

Traduzione: Mirko Vlobodic

2 commenti su “Gli Stati Uniti hanno riconosciuto l’impotenza di fronte alle azioni dei caccia bombardieri russi in Siria

  1. Basta. Assad (di concerto con la Russia) deve dare un ultimatum agli USA.
    Via entro 48 ore dalla Siria, oppure pioggia di Khinzal su Al Tanf e le altre basi illegali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM