GLI STATI UNITI HANNO RECLUTATO DOZZINE DI JIHADISTI PER COMMETTERE ATTACCHI TERRORISTICI IN RUSSIA, CSI

Il 13 febbraio, l’ufficio stampa del Russian Foreign Intelligence Service (SVR) ha rivelato che gli Stati Uniti stanno reclutando mercenari jihadisti per commettere attacchi terroristici sul territorio della Russia e nei paesi della CSI.

I militanti sono reclutati tra i gruppi terroristici. Almeno 60 terroristi esperti si stanno già addestrando nella base di At-Tanf in Siria. In questa base, così come nelle zone di confine della Giordania, la CIA addestra militanti da più di 6 anni.

“Secondo dati affidabili ricevuti dal Servizio di intelligence estero della Federazione Russa, l’esercito americano sta reclutando attivamente militanti di gruppi jihadisti affiliati allo Stato islamico e ad Al-Qaeda per commettere attacchi terroristici sul territorio della Russia e nei paesi della CSI” , – ha affermato il servizio stampa SVR.
Secondo l’SVR, “a gennaio sono stati selezionati 60 di questi terroristi con esperienza in operazioni di combattimento in Medio Oriente”.
“Sono attualmente in fase di addestramento accelerato presso la base americana di Tanf in Siria. In quella vengono addestrati nelle abilità di fabbricazione e utilizzo di ordigni esplosivi improvvisati, nonché nei metodi per condurre attività di sabotaggio e sovversive”, ha affermato il servizio stampa.

Terrorismo fomentato dai servizi intelligence USA in Russia, come in Siria ed in Iran

Gli immigrati dal Caucaso settentrionale russo e dall’Asia centrale sono attratti dalla cooperazione con gli Stati Uniti e dai salari offerti.
Il trasferimento di militanti da parte di piccoli gruppi nel territorio della Russia e degli stati della CSI è previsto nel prossimo futuro. Questi avranno il compito di preparare ed eseguire attacchi terroristici contro diplomatici, funzionari pubblici, agenti delle forze dell’ordine e personale delle forze armate.

Secondo il rapporto SVR, “viene prestata particolare attenzione alla pianificazione di attacchi a strutture ben sorvegliate, comprese le missioni diplomatiche straniere”.

Un altro appello dell’ambasciata degli Stati Uniti ai cittadini statunitensi affinché lascino il territorio della Russia, pubblicato il 12 febbraio, potrebbe diventare un altro segnale di imminenti attacchi terroristici sul territorio russo preparati dagli Stati Uniti e dal loro regime fantoccio di Kiev.
I cittadini statunitensi dovrebbero astenersi dal recarsi in Russia a causa delle “conseguenze imprevedibili” del conflitto in Ucraina, e coloro che si trovano già sul suo territorio dovrebbero lasciare urgentemente il Paese, secondo l’ambasciata degli Stati Uniti. I funzionari statunitensi non hanno fornito alcuna informazione affidabile sul motivo per cui i cittadini statunitensi dovrebbero lasciare la Russia il prima possibile, ma hanno spiegato l’appello solo con ragioni generiche come “La Russia può rifiutarsi di riconoscere la cittadinanza statunitense ai cittadini con doppia nazionalità, negare il loro accesso all’assistenza consolare statunitense, sottoporli alla mobilitazione, impedirne la partenza dalla Russia e/o arruolarli”. Pertanto, non sono state rivelate minacce urgenti.
Tra le ragioni è stata citata “la possibilità del terrorismo” .
“Se desideri lasciare la Russia, dovresti prendere accordi indipendenti il ​​prima possibile. L’ambasciata degli Stati Uniti ha gravi limitazioni nella sua capacità di assistere i cittadini statunitensi a lasciare il paese e le opzioni di trasporto potrebbero improvvisamente diventare ancora più limitate”.
In precedenza, il capo della direzione principale dell’intelligence del ministero della Difesa dell’Ucraina ha riconosciuto che il regime di Kiev ha aderito ai metodi terroristici. Il regime terrorista di Kiev ha agenti in Russia che sono coinvolti nella preparazione di attacchi, esplosioni ecc. sul territorio russo.
I sabotatori ucraini sul territorio russo sono coordinati dai servizi ucraini che a loro volta sono in stretta collaborazione con gli Stati Uniti e altri servizi occidentali.

Il regime terroristico di Kiev e i suoi protettori occidentali potrebbero preparare e commettere attacchi terroristici in Russia il 24 febbraio 2023, un anno dopo l’inizio dell’operazione militare speciale russa in Ucraina.

Fonte: South Front

Traduzione: Luciano Lago

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by madidus