Gli Stati Uniti hanno già iniziato a bombardare l’Afghanistan dall’esterno del Paese

di Daave DeCamp

Giovedì il segretario alla Difesa Lloyd Austin ha affermato che l’esercito americano ha già avviato le cosiddette ” capacità oltre l’orizzonte ” per le operazioni in Afghanistan, che è il gergo del Pentagono significa spiare e bombardare il paese dall’esterno dei suoi confini.

Austin ha dichiarato al Comitato per i servizi armati del Senato che le missioni di combattimento e sorveglianza vengono condotte in Afghanistan da aerei lanciati da portaerei nel Golfo Persico o da basi aeree che si trovano nelle nazioni del Golfo. [Non è chiaro contro chi (contro i talebani o contro ISIS) poiché si suppone che ci sia un cessate il fuoco USA-talebani ma che è stato ripetutamente violato dagli Stati Uniti.]

Il presidente dei capi di stato maggiore congiunti, il generale Mark Milley, ha affermato che la “grande maggioranza” delle missioni di droni MQ-9 Reaper all’interno dell’Afghanistan viene effettuata dall’esterno del paese.

Austin ha rifiutato di confermare un rapporto del New York Times secondo cui il Pentagono stava considerando di fornire supporto aereo al governo afghano nel caso in cui una grande città come Kabul sembrasse cadere nelle mani dei talebani dopo che le truppe statunitensi hanno lasciato il paese. Fino a questo momento, i funzionari statunitensi hanno solo accennato a futuri attacchi aerei in Afghanistan dopo il ritiro contro gruppi come al-Qaeda o ISIS.

Autorizzare attacchi limitati contro i talebani o qualsiasi altro gruppo all’interno dell’Afghanistan dopo il ritiro sarebbe solo una continuazione della guerra. I talebani la vedrebbero anche come una violazione dell’accordo di Doha, il che renderebbe il gruppo meno propenso a proseguire i colloqui di pace con il governo afghano.

Truppe USA in Afghanistan

Austin ha anche detto al Congresso che il Pentagono stava ancora lavorando per stabilire una base militare in un paese vicino per rendere più facile il bombardamento dell’Afghanistan dopo il ritiro. “Quello che stiamo cercando è la capacità di accorciare le gambe andando avanti stazionando alcune capacità nei paesi vicini. È ancora un lavoro in corso”, ha detto.

Secondo quanto riferito, gli Stati Uniti hanno cercato di concludere un accordo di base con paesi regionali come il Kirghizistan, il Tagikistan o l’Uzbekistan. Ma finora non sono stati presi accordi. Il Pakistan ha pubblicamente negato che ospiterà nuovamente le truppe statunitensi, ma il fatto che gli aerei da guerra statunitensi abbiano recentemente utilizzato lo spazio aereo pakistano per bombardare l’Afghanistan ha sollevato dubbi su un possibile accordo segreto tra Islamabad e Washington.

Martedì, il comando centrale degli Stati Uniti ha dichiarato che il processo di ritiro è stato completato per oltre il 50% , sebbene il comando non abbia rivelato il numero delle truppe. Quando il presidente Biden ordinò il ritiro, gli Stati Uniti avevano tra le 2.500 e le 3.500 truppe nel paese. Alcuni dovrebbero rimanere indietro per proteggere l’ambasciata americana a Kabul.


Nota: Anche i contingenti di altri paesi si stanno ritirando dall’Afghanistan, incluso il contingente italiano che, per la missione supporto degli USA, ha caricato sul bilancio pubblico statale una spesa per decine e decine di miliardi, sottraendoli alle spese più urgenti come quelle sanitarie o per il riassetto del territorio che in Italia frana in continuazione. La fallimentare missione era stata decisa per compiacere i padroni di Washington e la NATO che, notoriamente, è uno strumento militare esclusivamente al servizio degli interessi egemonici degli Stati Uniti d’America.

Fonte: Antiwar.com

Traduzione e nota Luciano Lago

10 Commenti
  • atlas
    Inserito alle 18:23h, 12 Giugno Rispondi

    Qabil e Habil, i primi Figli di Adam. Da quì il nome della Capitale Kabul. Ecco perchè per i giudei quella terra non deve avere mai pace. Ma non si vince con gente così forte

  • Giorgio
    Inserito alle 19:40h, 12 Giugno Rispondi

    Accidenti …… questo ci dà pure lezioni di Corano e Bibbia ……
    tanto di cappello ……. e noi che lo mandavamo a fan culo un giorno si e l’altro pure …….
    Chissà in quali altri campi del sapere è così preparato ……. pendiamo dalle sue labbra …..

  • ARMIN
    Inserito alle 20:24h, 12 Giugno Rispondi

    Gli anglosassoni sono SFORTUNATI, JELLATI in Afghanistan sin dall’ottocento, quano gli inglesi, noti gentiluomini falsoni, furono costretti a ritirarsi nella neve e freddo dell’inverno da Kabul ……..
    fu un disastro ESEMPLARE. Gli inglesi furono presi in giro in continuazione dagli Afghani, del tipo “consegnate i cannoni e vi lasceremo andare” (ci cascavano come dilettanti).
    il loro capo era malato, tutto è andato a rotoli, furono massacrati.. ……. Ci fu un solo sopravvvissuto, lasciato apposta dalla Resistenza a testimoniare. la DISFATTA.
    Auguri.

  • antonio
    Inserito alle 01:22h, 13 Giugno Rispondi

    cani di giuda

Inserisci un Commento