Gli Stati Uniti hanno deciso di fermare The Polar Silk Road

Gli Stati Uniti hanno deciso di fermare The Polar Silk Road

Per affrontare le crescenti sfide poste da Russia e Cina nell’Artico, gli Stati Uniti “ hanno bisogno di persone resilienti e attrezzature resilienti ”
Dicono che il film preferito del miliardario recluso Howard Hughes fosse Ice Station Zebra del 1968.

Sorvegliato e servito dal suo fedele staff mormone agli ultimi due piani del Desert Inn e del casinò di Las Vegas, lo guardò più e più volte, mentre dava ordini per telefono al misterioso ex agente della CIA Howard Hunt.

Secondo Wikipedia, il film ruota attorno a un sottomarino statunitense inviato nelle lande gelate del Polo Nord per recuperare un satellite sovietico pieno zeppo di istantanee strategiche delle basi statunitensi.

L’atmosfera della Guerra Fredda diventa ancora più fredda quando il sottomarino, con a bordo un espatriato russo, un agente segreto britannico e un capitano della marina americana, viene sabotato durante il viaggio.
Interpretato da Rock Hudson e Patrick McGoohan, alla luce di oggi e senza effetti speciali in CGI, il film non regge del tutto e la premessa è pura Hollywood.

O lo è? La Guerra Fredda si estenderà all’Artico?

Secondo un gruppo di esperti di sicurezza nell’Artico, per affrontare le crescenti sfide economiche e di sicurezza poste da Russia e Cina, gli Stati Uniti “hanno bisogno di persone resilienti e attrezzature resistenti”, ha riferito USNI News .

L’elicottero dell’esercito CH-47F Chinook si trova in cima a una montagna nelle Alpi in Germania, 21 ottobre 2020 (foto dell’esercito americano di Staff Sgt. Garrett Dipuma)
La visione di Mosca dell’estremo nord come “la Mecca russa” e l’ambiziosa iniziativa di Pechino sulla Via della Seta Polare presentano ostacoli economici agli Stati Uniti, hanno detto gli esperti.

Parlando questa settimana, il Magg. Generale dell’Air Force in pensione Randy Kee ha detto che l’Artico ha dimostrato di essere una regione “dove la tecnologia è sempre sfidata” dalle estreme condizioni.Le condizioni difficili rendono le operazioni militari “piuttosto impegnative e piuttosto proibitive”.

Questo rimane il caso ora, mentre le temperature aumentano e causano l’innalzamento del livello del mare a livello globale, insieme a condizioni meteorologiche più violente. Rende anche la rotta del Mare del Nord, che la Russia rivendica come propria, più attraente come rotta di navigazione verso l’Europa, in particolare per la Cina, ha riferito USNI News.

Questo apre l’Artico a una maggiore esplorazione e sfruttamento delle risorse minerali e naturali, un altro obiettivo cinese di diversificare i suoi fornitori di energia.
Sul fronte della sicurezza, Kee, ora con il Wilson Center, ha detto che il modo migliore per “migliorare le sfide è attraverso accordi di partenariato” – come NATO e NORAD con i canadesi – e mantenere una base aerea a Thule, in Groenlandia.

(Nota del redattore: Migliorare è un discorso militare del Pentagono per migliorare le cose – ho dovuto cercare anche io.)

Truppe USDA nell’Artico

E mentre esercizi come Trident Juncture erano elementi costitutivi importanti, Kee ha detto che “dobbiamo tornare in scala” sull’entità degli Esercizi Rimfrost della Guerra Fredda per affrontare la nuova situazione militare e i cambiamenti climatici, ha riferito USNI News.

Kee, parlando durante a forum online dell’Hudson Institute , ha aggiunto che le strategie artiche dei servizi “classificheranno le sfide e le opportunità” nella regione.

Tra le sfide alla sicurezza per Washington e gli alleati c’è l’approccio a doppio binario della Russia nell’Artico: costruire porti e aeroporti che possono essere utilizzati per scopi civili per la produzione e la spedizione di energia, il turismo e il trasporto commerciale transpolare, nonché la proiezione della potenza militare, Richard Weitz di Hudson.
“L’Artico è il quarto muro” nel pensiero della sicurezza della Russia, ha detto. A differenza dei suoi confini occidentali, orientali e meridionali, Mosca può operare “senza dover competere con gli altri” nell’estremo nord.
È di gran lunga la più grande nazione dell’Artico, ha riferito USNI News.

A segno di quanto sia diventato importante l’Artico, il Cremlino designa la regione come quinto distretto militare. Ha spostato i caccia Mig-31 negli aeroporti e ha dispiegato missili ipersonici, mentre sta rafforzando le navi di difesa costiera che sono in grado di operare nel ghiaccio come piattaforme armate.

Inoltre, la penisola di Kola è il principale porto d’origine della flotta sottomarina russa di missili balistici, ha affermato Bryan Clark di Hudson.
“Il monitoraggio per [l’attività dei sottomarini] è importante”, ma la Marina degli Stati Uniti opera solo nell’estremo nord nelle condizioni più favorevoli, ha detto Clark. La sua flotta di superficie non è indurita dal ghiaccio.

Anche la Russia ha suscitato grande scalpore all’inizio di questo mese quando ha schierato uno dei suoi sistemi di difesa aerea più avanzati, l’S-300V4, su un’isola settentrionale contesa rivendicata dal Giappone, ha riferito Nikkei Asia .

Mezzi russi nell’Al’Artico

Da diversi anni Mosca è in missione per rafforzare la propria presenza militare nel nordest asiatico. Per contrastare gli Stati Uniti, la Russia ha potenziato le sue armi nella sua area dell’Estremo Oriente, ha commissionato nuove navi per la sua flotta del Pacifico e ha notevolmente ampliato la cooperazione militare con la Cina.

La Russia dice che l’S-300V4 è andato in onda il 1 dicembre su Iturup, noto come Etorofu in Giappone. L’isola è uno dei quattro collegamenti meridionali della catena delle Isole Curili rivendicata da Tokyo, che si riferisce a loro come i territori del nord.

Questo mette sofisticati missili russi alle porte di Hokkaido, l’isola principale più settentrionale del Giappone.

Clark ha anche notato un altro vantaggio militare russo nell’Artico.

Poiché le comunicazioni satellitari sono irregolari e ci sono pochi sensori nella regione, un attacco di guerra elettronica russo “può facilmente accecare” i pochi che operano lì.
“Non hanno molta capacità di recupero”, ha detto. Questi fatti rendono la guerra elettronica “più preoccupante che in altre regioni” che deve essere affrontata.
Per quanto riguarda l’approccio della Cina, Weitz ha detto che invece di essere conflittuale come lo era sei anni fa chiedendo il riconoscimento come un caso speciale negli affari artici, Pechino sta “enfatizzando il vantaggio per tutti”.

La Polar Silk Road sta spingendo gli investimenti nelle infrastrutture, compresa la posa di cavi di comunicazione sottomarini, così come i porti, gli aeroporti e le autostrade “per costruire una leva” e per influenzare le nazioni più piccole nell’Artico come la Groenlandia.
la Cina ha anche intensificato la ricerca e gli sforzi scientifici nella regione, ha riferito USNI News.

Howard Hughes potrebbe aver avuto ragione, dopotutto.

Fonte: Asia Times

Traduzione: Luciano Lago

Inserisci un Commento