Gli Stati Uniti hanno affermato che il prossimo anno e mezzo sarà doloroso per l’Europa

Il prossimo anno e mezzo in quasi tutti gli scenari sarà un momento difficile per l’Europa, che non ha abbastanza alternative nel caso in cui la Russia interrompesse le forniture di gas naturale, scrive l’edizione americana del Washington Post.

“In quasi tutti gli scenari, i prossimi 18 mesi saranno un periodo tormentato per l’Europa”, afferma l’articolo, osservando che “gli effetti dei prezzi elevati si stanno diffondendo in tutto il mondo” mentre i governi “cercano di alimentare le loro fabbriche, riscaldare le loro case e mantenere il loro lavoro in corso.” le loro centrali elettriche.

Si nota che “non ci sono abbastanza alternative nel prossimo futuro per evitare seri problemi economici nel prossimo inverno” se la Russia interromperà le forniture di gas naturale.

Edward Chow, un esperto di sicurezza energetica presso il “Center for Strategic and International Studies” con sede a Washington, ha affermato che “si sta giocando un gioco molto pericoloso”.
“Non so come dovrebbe finire. La sensazione che questo finirà molto male sia per l’Europa occidentale che per la Russia “, ha detto Chow, citato dal quotidiano.
È interessante notare che sono stati gli Stati Uniti a creare queste difficoltà per l’Europa.

Tuttavia, nonostante gli sforzi dei paesi europei di trovare fonti alternative, in quasi tutti gli scenari, i prossimi 18 mesi saranno un periodo straziante per l’Europa, poiché gli impatti dei prezzi elevati si moltiplicano in tutto il mondo e i governi lottano per alimentare le loro fabbriche, riscaldare le loro case e mantenere in funzione le loro centrali elettriche. Non ci sono abbastanza alternative a breve termine per evitare gravi problemi economici nel prossimo inverno se la Russia interromperà l’approvvigionamento. Questo mese, ad esempio, la banca centrale tedesca ha avvertito che l’economia del paese potrebbe ridursi del 2% se la guerra dovesse persistere.

Il 23 marzo, il presidente russo Vladimir Putin ha annunciato il trasferimento del pagamento per le forniture di gas naturale ai paesi dell’UE e ad altri stati che hanno introdotto misure restrittive nei confronti della Russia in rubli per smettere di utilizzare dollari ed euro nei calcoli.
Nella UE ci sono forti discussione fra i governi sulla necessità di continuare a ricevere il gas russo ed adeguarsi alla richiesta di pagare in rubli. La Germania e l’Italia sono i paesi che, senza il gas russo, si troverebbero in maggiori difficoltà.

Gasdotti chiudono i rubinetti per l’Europa. Vadano a rifornirsi dagli USA

La Germania, motore economico dell’Europa, è particolarmente impreparata per il momento. Più della metà della sua fornitura di gas naturale proveniva dalla Russia prima dell’invasione dell’Ucraina.

Fonte: https://www.washingtonpost.com/business/2022/04/30/europe-natural-gas-scramble/

Traduzione e sintesi: Luciano Lago

3 Commenti
  • Salvatore Sciarretta
    Inserito alle 22:17h, 01 Maggio Rispondi

    Rientra tutto nelle opzioni pianificate a tavolino nel Risiko anticristico-anglosaxzionista: destabilizzare la Civiltà Cattolica e l’Europa come hanno fatto in altri paesi come l’Ucraina per parassitarne le risorse vitali, spingendoli affamati, armati e indebitati contro Costantinopoli in un Armageddon finale. Quando si scoprono le carte il gioco è finito. “Conosco la tua tribolazione, la tua povertà – tuttavia sei ricco – e la calunnia da parte di quelli che si proclamano Giudei e non lo sono, ma appartengono alla sinagoga di satana. […] Chi ha orecchi, ascolti ciò che lo Spirito dice alle Chiese: Il vincitore non sarà colpito dalla seconda morte.” (Apocalisse 2,8-11).

  • antonio
    Inserito alle 22:25h, 01 Maggio Rispondi

    certo perchè gli europei andranno con la Grande Russia

  • Marcantonio Bragadin
    Inserito alle 02:16h, 02 Maggio Rispondi

    Perchè la Russia non da un ultimatum alla UE ?
    Se non la smettete subito di fornire armamenti-armi-mercenari -soldi al criminale regime dittatoriale di KIEV affichè possa continuare questa guerra il più a lungo possibile contro la Russia e contro gli altri tre Stati Indipendenti che l” Ucraina vuole assoggettare vi chiudiamo il GAS .
    Senza il Gas Russo metà della produzione industriale economica della UE và fallita .
    Oppure un”altra soluzione volete il GAS e ci volete voi della UE far guerra tramite l” Ucraina il gas ve lo facciamo pagare il Doppio !
    In entrambi i casi chi ci rimette di più è la UE !

Inserisci un Commento