GLI STATI UNITI GIRANO LA NARRATIVA MENTRE MINACCIANO LA RUSSIA E LA CINA CON LE ARMI NUCLEARI

Scritto da Drago Bosnic , analista geopolitico e militare indipendente

Il mondo vive nella paura dello scontro termonucleare da quasi otto decenni. I paesi dotati di armi nucleari hanno un’enorme responsabilità al riguardo, poiché le loro azioni possono causare la distruzione del mondo come lo conosciamo, con conseguenze catastrofiche per l’umanità. All’inizio di agosto, il segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres ha dichiarato che il mondo era “a un errore di calcolo dall’annientamento nucleare”. Guterres ha aggiunto che “siamo stati finora straordinariamente fortunati” e ha chiesto una più ampia sospensione degli arsenali di tutte le potenze nucleari, ma ha anche sottolineato che la “fortuna” che il mondo ha avuto finora nell’evitare una catastrofe nucleare “potrebbe essere l’ultima” e ha esortato il mondo a “rinnovare la spinta verso l’eliminazione di tutte queste armi”.

Sebbene il Segretario generale delle Nazioni Unite abbia ragione nei suoi avvertimenti, va notato che poteri globali molto specifici stanno aumentando le tensioni fino al punto di ebollizione. Ironia della sorte, la parte che è più esplicita sulle presunte “minacce” provenienti da altri è anche l’unica parte nella storia che ha utilizzato tutti e tre i tipi (nucleare, biologico, chimico) di armi di distruzione di massa (WMD) in guerra. Chiunque abbia familiarità con la storia delle armi di distruzione di massa sa che da questa parte ci sono gli Stati Uniti d’America. La talassocrazia imperialista ha usato armi nucleari contro i civili in Giappone, così come una pletora di armi biologiche e chimiche in dozzine di altri paesi che ha attaccato dalla fine della seconda guerra mondiale.

Eppure, gli Stati Uniti hanno ancora l’audacia di accusare altri della presunta intenzione di acquisire o utilizzare armi di distruzione di massa. Negli ultimi mesi, il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha accusato la Russia di presunti piani per l’uso di armi nucleari tattiche in Ucraina . Sebbene gli Stati Uniti non abbiano fornito prove a sostegno di tali affermazioni, i media mainstream occidentali e statali continuano a ripetere a pappagallo questa narrativa, cercando ulteriormente di cementare la russofobia nelle menti delle persone normali. Secondo questi rapporti, gli Stati Uniti avrebbero “inviato diversi avvertimenti alla Russia attraverso canali secondari riguardo al possibile uso di armi nucleari in Ucraina”. Afferma un rapporto del Washington Postche “i messaggi della Casa Bianca alla Russia sono stati intenzionalmente vaghi per favorire l’incertezza a Mosca su cosa avrebbero fatto gli Stati Uniti se la Russia avesse schierato la sua arma definitiva”.

Secondo i funzionari del Dipartimento di Stato che hanno rilasciato l’intervista al Washington Post, gli Stati Uniti avrebbero “avvertato la Russia più volte” da quando Mosca ha iniziato la sua operazione militare speciale. La Casa Bianca afferma che i suoi avvertimenti alla Russia (ammesso che le affermazioni siano vere) sono stati “intenzionalmente vaghi” per “causare incertezza” a Mosca. I funzionari statunitensi insistono sul fatto che “queste minacce non specifiche scoraggeranno la Russia attraverso l’ambiguità strategica”. Il rapporto afferma inoltre che “l'”ambiguità strategica” è un concetto di politica estera intenzionalmente non trasparente progettato per indurre il nemico a non agire per paura che possa attraversare una linea rossa senza saperlo”.

Missili nucleari

I funzionari affermano che un esempio di questo approccio è la politica degli Stati Uniti nei confronti di Taiwan. Per circa mezzo secolo, Washington DC ha implementato “l’ambiguità strategica” riguardo allo status politico dell’isola. Gli Stati Uniti “si rifiutano di impegnarsi ufficialmente e legalmente ad aiutare direttamente Taiwan” nel caso in cui la Cina decidesse di riprendersela.. In tal modo, Washington DC ha “scoraggiato Taiwan dal dichiarare ufficialmente l’indipendenza”. Tuttavia, anche gli Stati Uniti non negano che “aiuterebbero direttamente il governo di Taipei”. Questo “raggiunge l’obiettivo di dissuadere Pechino” dall’intraprendere un’azione diretta per ripristinare completamente la sua sovranità sulla provincia separatista.

Tuttavia, questo concetto di politica estera nei confronti di Russia e Cina sembra cambiare. Sebbene sia di per sé estremamente rischioso, questo approccio è ancora meno escalation di quello che gli Stati Uniti hanno fatto negli ultimi mesi. La travagliata amministrazione Biden ha già iniziato ad abbandonare il concetto di “ambiguità strategica”. Da quando è entrato in carica, Joe Biden ha dichiarato che gli Stati Uniti sarebbero entrati in guerra con la Cina per Taiwan. Lo ha dichiarato pubblicamente almeno quattro volte. Da parte sua, Pechino ha risposto a queste minacce conducendo esercitazioni navali ed è già in procinto di espandere il suo arsenale strategico. Secondo vari rapporti, in risposta all’aggressione statunitense, la Cina sta investendo in un triplo del numero di armi strategiche che utilizza entro il 2030.

Mosca sta prendendo atto anche delle minacce statunitensi. Lunedì scorso, il presidente russo Vladimir Putin ha avvertito che l’esercito russo utilizzerà tutto ciò a sua disposizione per difendere il Paese e la sua integrità territoriale. L’esatta dichiarazione del presidente Putin era: “Se l’integrità territoriale del nostro paese è minacciata, utilizzeremo senza dubbio tutti i mezzi disponibili per proteggere la Russia e il nostro popolo – questo non è un bluff”. Sebbene l’avvertimento non menzionasse specificamente le armi nucleari, è chiaro che la Russia potrebbe schierarle se gli Stati Uniti tentassero di intensificare. I principali media statali occidentali e le principali società hanno immediatamente preso la dichiarazione fuori contesto e hanno iniziato a costruire la comoda falsa narrativa secondo cui la Russia avrebbe utilizzato le armi di distruzione di massa in Ucraina.

Sebbene la Russia gestisca l’arsenale nucleare più potente del mondo , non ha mai usato queste armi in guerra (a differenza degli Stati Uniti). Le armi di distruzione di massa del paese fungono da deterrente e questo era esattamente ciò che il presidente Putin intendeva nella sua dichiarazione. Sebbene il regime di Kiev rappresenti una sfida diretta alla sicurezza per Mosca, le forze convenzionali russe sono più che in grado di affrontare questo problema. Mosca ha anche annunciato una mobilitazione di basso livello, il che implica chiaramente che non prevede di utilizzare armi di distruzione di massa, poiché non ha senso inviare centinaia di migliaia di soldati in un’area che sarà presumibilmente presa di mira con armi nucleari, come affermano gli Stati Uniti .

Fonte: South Front

Traduzione: Luciano Lago

5 Commenti
  • giuseppe peluso
    Inserito alle 12:38h, 27 Settembre Rispondi

    Gli USA quando avevano il monopolio della bomba atomica ”eroicamente ” la sganciarono su Hiroshima e Nagasaki con gli effetti che sappiamo

  • Gasparino
    Inserito alle 17:35h, 27 Settembre Rispondi

    Secondo me gli States non si porrebbero domande più di tanto nel lanciare qualche boma di distruzione di massa per far capire che l’Amerika se dice una cosa la mantiene che sia Russia che sia la Cina che qualsiasi Paese devono prendere con attenzione la minaccia di Scoreggione che non si porrà la risposta da dare anche a costo di mettere l’Usa sotto attacco di possibile risposte.

  • antonio
    Inserito alle 18:30h, 27 Settembre Rispondi

    hanno appena taroccato le elezioni italiane escludendo i voti anti Nato anti Azov
    e Pro Russiia – maffia Nato Bergolly P2

    • Tacabanda1964
      Inserito alle 01:16h, 28 Settembre Rispondi

      Pensavo di essere l” unico italiano a pensare che i Referendum in Italia fossero tutti truccati !
      Sono ormai 50 anni che ho questo forte sospetto che le votazioni in Italia siano tutte truccate per far governare le destre e il centrodestra !
      Chissà se mi arriva a casa la Polizia Italiana (Digos ) ?
      Ho votato per Paragone facendo la crocetta su entrambe le schede e al momento di imbucare le due schede elettorali hanno strappato due numeri di serie dalle scheda ed erano abbinati al mio nome et cognome !

  • Giorgio
    Inserito alle 07:49h, 28 Settembre Rispondi

    D’accordo con ANTONIO e TACABANDA1964 …. il gioco elettorale è truccato ….
    come è truccato un gioco di carte dove chi tiene il mazzo (i padroni del vapore) distribuisce gli assi a chi di volta in volta gli pare più fedele (leggasi più atlantista) ….
    non resta che rovesciare il tavolo e sparare ai bari ….

Inserisci un Commento