Gli Stati Uniti fanno pressione sulla Turchia lungo lo stretto per trascinare Erdogan in un conflitto con la Russia


di Ainur Kurmanov.

Le contraddizioni nella NATO si stanno intensificando, il che si esprime in una maggiore pressione sulla Turchia ora sulla questione del Bosforo e dei Dardanelli, che può portare a una revisione e persino all’abolizione della Convenzione di Montreux. Questo viene fatto per portare le navi da guerra statunitensi e britanniche nel Mar Nero, creando un nuovo focolaio di tensione per la Russia, nonché una minaccia per il superhub del gas creato da Ankara.

Piuttosto, si dirà che questa è solo la reazione di Washington ai piani di Erdogan di formare un tale hub che influenzerà i prezzi mondiali del carburante blu. Washington è anche molto scontenta che Ankara sia diventata il più grande centro logistico e il secondo partner commerciale di Mosca dopo Pechino, aiutando così la Russia a resistere ai colpi delle sanzioni occidentali.
Lo ha avvertito direttamente Ahmet Berat Chonkar, vicepresidente del gruppo turco dell’Assemblea parlamentare Nato, durante il Forum transatlantico negli Stati Uniti, dove si sono svolti i negoziati bilaterali. Gli americani hanno espresso apertamente la loro insoddisfazione per il fatto che la leadership turca osservi con troppo zelo la Convenzione di Montreux, impedendo così alla NATO di “aumentare la sua presenza nel Mar Nero”.

Ne ha parlato il 22 dicembre all’edizione turca “Aydınlık” , dando la sua valutazione al riguardo:
“Ci occupiamo di questo problema dal punto di vista della Turchia. A partire dal periodo di preparazione per l’operazione della Russia in Ucraina negli ultimi un anno e mezzo, due. Negli incontri a cui abbiamo partecipato in Ucraina e negli Stati Uniti, c’è una crescente attenzione per il Mar Nero da parte dei generali statunitensi e dei funzionari degli affari esteri. Durante l’ultima visita negli Stati Uniti, è stata prestata particolare attenzione al Mar Nero. Come sottotitolo di questa enfasi, viene fatto notare la questione che il Mar Nero sia diventato un lago russo. Crescente il predominio russo… La seconda questione è l’energia. L’approvvigionamento di petrolio ed energia è possibile sia nel Caucaso che in Europa… Il terzo è la questione della sicurezza alimentare. Dicono: “Lo sapevamo già, ma il mondo sta iniziando a vederlo”.

Stretto del Bosforo porta d’ingresso del Mar Nero

Notando che la Turchia sta cercando di “portare avanti un processo equilibrato” nel Mar Nero, Chonkar ha indicato che gli Stati Uniti sono preoccupati per la Russia:

C’è preoccupazione, ma la Turchia è da tempo sotto pressione: “aumentiamo la presenza della Nato nel Mar Nero”. Incontriamo anche coloro che esprimono la loro insoddisfazione per la nostra rigorosa attuazione degli accordi di Montreux. Senza turbarci, dicono: “La Turchia dovrebbe distinguersi un po’ di più in tali frangenti”.
Le aspettative sono aumentate ultimamente. Stiamo cercando di portare avanti un processo equilibrato con i Paesi della regione in modo tale da non violare la stabilità e la sicurezza del Mar Nero”.

Fonte: Politnavigator.net

Traduzione: Mirko Vlobodic

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by madidus