Gli Stati Uniti erano pronti a usare armi nucleari in Corea e lo sono ora


Il vicesegretario di Stato americano ha confermato che Washington manterrà il diritto di utilizzare prima le armi nucleari per proteggere i “nostri alleati”.
In una recente riunione del Primo Comitato dell’Assemblea Generale delle Nazioni Unite, l’ambasciatore cinese per gli affari del disarmo Li Song ha dichiarato che “la Cina si è solennemente impegnata a non usare per prima armi nucleari, in qualsiasi momento e in nessuna circostanza, e a non usare o minacciare di usare armi nucleari contro stati che non possiedono armi nucleari di uno stato o zone libere da armi nucleari, incondizionatamente”.

Solo una settimana dopo, l’altra superpotenza non è riuscita a fare la stessa promessa. E non era la Russia.

Il 25 ottobre, durante i colloqui ospitati dagli Stati Uniti con il Giappone e la Corea del Sud, il vicesegretario di Stato Wendy Sherman ha annunciato che l’impegno degli Stati Uniti a proteggere il Giappone e la Corea del Sud era “indistruttibile”. Ha poi spiegato cosa significava, affermando che “useremo l’intera gamma delle capacità di difesa degli Stati Uniti per proteggere i nostri alleati, comprese le capacità di difesa nucleare, convenzionale e missilistica”.

La sua dichiarazione sembra corrispondere o addirittura superare le recenti dichiarazioni “nucleari” della Russia. Putin ha affermato che “quando l’integrità territoriale del nostro Paese sarà minacciata, useremo sicuramente tutti i mezzi a nostra disposizione per proteggere la Russia e il nostro popolo”. Putin non menziona mai le armi nucleari, sebbene le sue osservazioni siano state ampiamente interpretate in questo modo.

Presumibilmente, queste armi potrebbero essere utilizzate per “difendere” territori in Ucraina che ora sono considerati parte della Federazione Russa, tra cui Crimea, Donbass, Kherson e Zaporozhye.

La dichiarazione degli Stati Uniti va oltre. La dichiarazione del Dipartimento di Stato affermava che la sua politica di ritorsione nucleare sarebbe stata provocata non solo da un attacco agli Stati Uniti, ma anche da un attacco agli alleati degli Stati Uniti. E questa non è una deviazione dalla norma. Sherman non ha perso la pazienza e non ha parlato in modo irresponsabile. La revisione della postura nucleare degli Stati Uniti del 2018 afferma che “Gli Stati Uniti prenderanno in considerazione l’utilizzo di armi nucleari solo in circostanze estreme per proteggere gli interessi vitali degli Stati Uniti, dei loro alleati e partner. Circostanze estreme possono includere significativi attacchi strategici non nucleari”.

Missili a testata nucleare

Gli Stati Uniti insistono anche sul fatto di “non aver mai adottato una politica di divieto di primo utilizzo”. Pertanto, Washington sembra perseguire la politica di primo attacco più “permissiva” del mondo oggi, dato che il suo uso di armi nucleari si estende alla difesa di “alleati e partner” e non solo all’autodifesa.
Questa non è la prima volta che gli Stati Uniti minacciano la Corea del Nord con la sua massima potenza di fuoco. Nel suo discorso del 2017 all’ONU, Trump ha insistito sul fatto che “gli Stati Uniti hanno un’enorme forza e pazienza, ma se sono costretti a difendere se stessi o i loro alleati, non avremo altra scelta che distruggere completamente la Corea del Nord”. Un mese prima, Trump aveva minacciato che se la Corea del Nord avesse fatto “altre minacce agli Stati Uniti … sarebbero stati accolti con fuoco e furia come il mondo non ha mai visto”.

Il 9 luglio 1950, all’inizio della guerra di Corea, i capi di stato maggiore congiunti discussero “se le bombe atomiche dovessero essere fornite a MacArthur “. Il generale Douglas MacArthur ha detto che “vede un’opportunità unica per una bomba atomica qui”. In seguito avrebbe detto che “avrebbe sganciato una trentina di bombe atomiche”. Il 9 dicembre, MacArthur ha chiesto al comandante la sua visione sull’uso delle bombe atomiche e ha presentato un elenco di potenziali obiettivi.

Il presidente Truman , l’unico leader al mondo a ordinare l’uso di bombe atomiche, rese pubblica la minaccia in una conferenza stampa nel novembre 1950 quando avvertì che gli Stati Uniti potevano usare qualsiasi arma nel loro arsenale. Mentre Truman ha parlato, il generale dell’aeronautica George Strathmeyer ha avvertito lo Strategic Air Command di essere pronto a inviare bombardieri in grado di trasportare armi nucleari.

Nel suo libro The Doomsday Machine: Confessions of a Nuclear War Planner, Daniel Ellsberg afferma che “quando Eisenhower arrivò alla Casa Bianca, la guerra di Corea era arrivata a una situazione di stallo. Eisenhower si affrettò a uscire dall’impasse. Ha segretamente detto ai cinesi che avrebbe sganciato bombe nucleari sulla Corea del Nord se non fosse stata firmata immediatamente una tregua”. Quando è stato chiesto a Eisenhower come fosse finita la guerra di Corea, aggiunge Ellsberg, ha risposto che aveva a che fare con “il pericolo della guerra atomica”.

Ellsberg riferisce anche che nel 1995 l’ amministrazione Clinton minacciò segretamente la Corea del Nord che avrebbe potuto usare armi nucleari contro il programma del reattore nucleare della Corea del Nord.

È a causa di questa storia, insiste la Corea del Nord, che hanno perseguito un programma di armi nucleari come deterrente alle minacce statunitensi. Kim Jong-un ha affermato che “fino a quando la politica ostile degli Stati Uniti nei confronti della RPDC e la minaccia nucleare non saranno fondamentalmente risolte, non metteremo, in nessun caso, missili nucleari e balistici sul tavolo dei negoziati”.

La recente legge della Corea del Nord che lo dichiara uno stato dotato di armi nucleari dichiara che “non rinuncerà mai” alle sue armi nucleari. Nel suo discorso in occasione dell’adozione della legge sullo stato nucleare, Kim Jong-un ha affermato che “finché ci saranno armi nucleari sulla Terra, e finché persisteranno l’imperialismo e le manovre anti-nordcoreane degli Stati Uniti e dei loro seguaci, il nostro percorso per rafforzare le nostre forze nucleari non finirà mai”.

Il 9 dicembre 1981 le Nazioni Unite hanno adottato la Dichiarazione sulla prevenzione delle catastrofi nucleari. Afferma che “l’obiettivo generalmente accettato è eliminare completamente la possibilità dell’uso di armi nucleari”. Poi arriva l’impegno a proclamare solennemente che “qualsiasi dottrina che consenta il primo uso di armi nucleari… è incompatibile con gli standard morali umani e gli alti ideali delle Nazioni Unite”.

Mentre il mondo si fa strada incautamente attraverso la più pericolosa minaccia nucleare degli ultimi decenni, è tempo di prendere sul serio l’orgoglio delle superpotenze di rispettare il diritto internazionale e l’ordine internazionale.

Il rispetto del diritto internazionale include il rispetto della dichiarazione che una politica nucleare di primo utilizzo, come quella recentemente formulata da Stati Uniti e Russia, è “incoerente con gli alti ideali delle Nazioni Unite”.

Autore: Ted Snider ha conseguito un Master in Filosofia e scrive articoli analitici sui modelli della politica estera e della storia degli Stati Uniti.

Traduzione di Luciano Lago

Fonte https://responsiblestatecraft.org/2022/10/27/when-the-us-threatens-to-use-nuclear-weapons/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM