Gli Stati Uniti dirottano una petroliera iraniana, lamentano che l’Iran stia facendo lo stesso


di Pierre Oliver

La Marina degli Stati Uniti ha annunciato giovedì (27 aprile) che i commando iraniani avevano sequestrato una petroliera battente bandiera delle Isole Marshall nel Golfo di Oman. La nave Advantage Sweet Suezmax trasportava petrolio dal Kuwait a un porto statunitense a Houston. Il sequestro è stato rapidamente condannato dall’amministrazione Biden, con gli Stati Uniti che hanno chiesto al governo iraniano di rilasciare immediatamente la petroliera. Ma si sono semplicemente dimenticati di menzionare che 3 giorni prima le autorità statunitensi avevano dirottato la petroliera Suez Rajan che trasportava petrolio greggio iraniano in Cina, dirottandolo negli Stati Uniti.
Mentre l’ incidente di Advantage Sweet ha fatto notizia a livello internazionale, le azioni di Washington contro la Suez Rajan (una petroliera greca che trasportava petrolio iraniano) sono state rigorosamente taciute o nascoste ai media.

L’azione precedentemente non annunciata degli Stati Uniti contro la Suez Rajan getta nuova luce sulla decisione dell’Iran di impadronirsi della Advantage Sweet . Le autorità statunitensi sono arrivate ad un’ammissione tardiva: un funzionario statunitense ha affermato che “ la detenzione di giovedì sembra essere una rappresaglia per un precedente sequestro statunitense di petrolio iraniano, che l’Iran ha recentemente tentato di recuperare. »

Questa non è la prima volta che gli Stati Uniti hanno dirottato una serie di petroliere iraniane negli ultimi anni per presunta violazione delle sanzioni statunitensi, compresi i recenti interventi contro navi dirette verso la Siria pesantemente sanzionata.

Ma in nome di cosa gli Stati Uniti si arrogano il “diritto” di abbordare e dirottare la petroliera iraniana? C’era un carico di droga o traffico di esseri umani camuffato nelle stive della petroliera? No, in questo caso il petrolio è iraniano ed è stato oggetto di un commercio del Paese con la Cina. Niente di meno riprovevole.

Gli Stati Uniti usano il pretesto delle sanzioni che essi stessi impongono, a coloro che avrebbero violato regole che essi stessi hanno promulgato o imposto. Questo è ciò che chiamano il loro ” ordine mondiale basato su regole ” (le loro) ma che sembra sempre più un sistema tirannico, simile alla mafia, schierato a beneficio dei propri interessi o degli oligarchi.

Gli Stati Uniti si comportano come le bande che stabiliscono i loro posti di blocco sui territori che considerano loro – senza riguardo per nessuno – e ne approfittano con la superiorità delle loro armi per rubare, per dirottare a loro profitto la ricchezza che transita nelle loro portata. Come fanno ancora oggi in Siria dove impongono la presenza delle loro basi e delle loro forze armate permettendo loro di rubare petrolio dal sottosuolo siriano anche lì.

Piuttosto che i “super-poliziotti” del mondo, gli Stati Uniti si comportano come i “super-predatori” o la “super-feccia” del pianeta. Per una nazione che si definisce “sotto lo sguardo di Dio”, gli Stati Uniti dovrebbero temere ritorsioni.

fonte: Young Nation

Traduzione: Gerard Trousson

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM