Gli Stati Uniti continuano a subire le conseguenze negative dell’assassinio del generale Soleimani (The National Interest)

Gli Stati Uniti continuano a sentire le terribili conseguenze della decisione “sconsiderata” dell’amministrazione Trump di assassinare il comandante della Forza Al Quds del Corpo delle guardie della rivoluzione islamica, il generale Qassem Soleimani.

Con l’avvicinarsi del secondo anniversario del martirio del comandante della Forza Al Quds, la rivista statunitense The National Interest ha pubblicato sul proprio sito web un articolo dell’analista politico Will Smith, diplomato alla School of International Service.

L’autore scrive che nel gennaio 2020, pochi giorni dopo l’assassinio del generale iraniano Qassem Soleimani, l’Iran si è vendicato contro l’azione criminale statunitense con un attacco balistico alla base aerea statunitense di Ain al Assad (provincia irachena di Al Anbar), che ha ferito più di 100 soldati americani.

Nel suo discorso, l’ex segretario di Stato Mike Pompeo ha affermato che l’assassinio del generale Qassem Soleimani da parte delle forze armate statunitensi in Iraq, che era contrario al diritto internazionale, “ha ripristinato la deterrenza con l’Iran”. Tuttavia, con il passare del tempo, il drammatico aumento degli attacchi agli interessi americani in Iraq ha rivelato che le false affermazioni di Mike Pompeo erano irrilevanti. A due anni dall’assassinio del generale martire Qassem Soleimani, gli Stati Uniti stanno subendo gravi conseguenze in Iraq e in tutta la regione.

“La decisione di assassinare il generale Soleimani è stato uno sconsiderato abuso di potere da parte dell’amministrazione Trump e ha portato a una reazione davvero meritata contro gli Stati Uniti”, ha scritto l’analista per la rivista The National Interest.

L’Iran ha risposto rapidamente lanciando missili contro la base aerea statunitense di Ain al Assad e ha ridefinito la sua strategia regionale con l’obiettivo di ottenere il ritiro totale delle forze militari statunitensi dal Medio Oriente.
L’autore aggiunge che la situazione in Iraq è cambiata drasticamente negli ultimi due anni a scapito degli americani.
L’attacco americano ha ucciso sia il generale Soleimani che Abu Mahdi al Mohandis, un comandante chiave delle Forze di mobilitazione popolare irachene (Hashid al Shaabi), formate nel 2014 per combattere Daesh, e che ora sono parte integrante delle forze armate irachene. Secondo Will Smith, questo ha drammaticamente aumentato il sentimento ostile nei confronti degli Stati Uniti tra queste forze irachene, alcune delle quali non hanno esitato ad attaccare basi militari e convogli statunitensi ogni volta che se ne presenta l’opportunità.

Secondo l’analista della rivista statunitense, il forte aumento degli attacchi alle forze statunitensi in seguito all’assassinio del generale Qassem Soleimani e di Abu Mahdi al Mohandes ha danneggiato in ogni modo gli interessi statunitensi in Iraq.

Oltre a mettere in pericolo la vita dei soldati statunitensi, l’aumento degli attacchi ha ostacolato le attività delle forze della coalizione internazionale a guida statunitense, costringendo gli americani a sospendere le loro normali attività per dedicare la maggior parte delle loro energie a garantire la protezione delle loro basi contro numerosi attacchi che limitano la capacità delle forze della coalizione internazionale di muoversi liberamente.

Will Smith ritiene che, oltre alle sue conseguenze in Iraq, l’assassinio criminale del generale Qassem Soleimani abbia portato la Repubblica islamica dell’Iran a perseguire ulteriormente lo sviluppo del suo programma nucleare civile.

L’Iran ha abbandonato i limiti fissati dall’accordo nucleare del 2015 stabilito nel Joint Comprehensive Plan of Action (JCPOA) subito dopo l’assassinio del generale Soleimani. Un anno dopo, nel primo anniversario del martirio del comandante della Forza Al Quds, Teheran ha annunciato l’intenzione di intensificare l’arricchimento dell’uranio. Quasi due anni dopo l’assassinio criminale del martire Qassem Soleimani, mentre a Vienna continuano i negoziati sul nucleare, l’amministrazione Biden sembra non avere opzioni serie di fronte alla sfida di una potenza nucleare iraniana.

L’analista statunitense ritiene che le conseguenze negative dell’assassinio del generale Qassem Soleimani abbiano messo sempre più in luce i limiti della forza militare statunitense di fronte a minacce e sfide asimmetriche.

Il generale Frank McKenzie, comandante del Comando centrale degli Stati Uniti (CentCom), ha affermato di recente di ritenere che gli attacchi delle forze irachene contro le basi ei convogli militari statunitensi aumenteranno nelle prossime settimane.

L’autore nota che i continui attacchi alle forze statunitensi sono il risultato dell’insistenza degli Stati Uniti nel mantenere le forze militari in Iraq. Scrive: “In definitiva, non ci sarebbe bisogno di scoraggiare gli attacchi se le forze statunitensi non fossero in Iraq. Le forze speciali irachene hanno dimostrato la loro efficacia nel combattere i resti di Daesh e gli obiettivi delle missioni di consulenza, assistenza e addestramento possono essere raggiunti senza un’impronta militare permanente degli Stati Uniti”.

Will Smith aggiunge: “La decisione di assassinare il generale Soleimani ha avuto tutta una serie di conseguenze negative per gli Stati Uniti, che si fanno sentire ancora oggi. Nonostante la campagna di massima pressione di Donald Trump contro l’Iran, è significativo che Teheran non abbia rispettato nessuna delle dodici richieste di Pompeo. La pressione massima non ha ottenuto risultati tangibili e quando Trump ha lasciato la Casa Bianca l’Iran era più forte di prima”.

In conclusione, scrive il giornalista di The National Interest: “La decisione di assassinare Soleimani riflette la tendenza degli Usa a usare la forza in modo aggressivo senza considerare gli effetti di secondo ordine che ne potrebbero derivare”.

Funerali di Soleimani a Baghdad

Le stime israeliane indicano un “grande fallimento” quando si tratta di “espellere l’Iran dalla Siria”

Le ultime stime israeliane hanno indicato quello che hanno definito un “grande fallimento” per quanto riguarda la presenza dell’Iran in Siria nel 2021, nonché lo sviluppo delle capacità della Resistenza palestinese e libanese.

Secondo un rapporto dell’editore per gli affari ebraici di Al Manar, Hasan Hijazi, i media israeliani hanno citato varie valutazioni che riferivano del fallimento dell’entità sionista nell’affrontare le “minacce” dall’Iran, in particolare per quanto riguarda la presenza in Siria, e la resistenza libanese e palestinese.

“Le sfide che Israele deve affrontare riguardo alla presenza iraniana in Siria crescono di anno in anno. Anche la capacità di muoversi liberamente nei cieli libanesi (per scattare foto e raccogliere dati sulla Siria) è stata compromessa”, ha affermato Roy Sharon, corrispondente militare israeliano per Kann News, citato dal rapporto di Al Manar mercoledì.

“Secondo le affermazioni dell’esercito israeliano, il 70% dei trasferimenti di armi dalla Siria a Hezbollah viene impedito. Questa percentuale è sicuramente imprecisa e la domanda qui: E il restante 30% e cosa include? Include armi che cambiano l’equilibrio? Questo problema preoccupa “Israele”, ha aggiunto Sharon.

Da parte sua, il commentatore israeliano degli affari arabi Zvi Yehezkeli ha affermato che nonostante le 1.600 incursioni israeliane in Siria, gli iraniani sono ancora lì, osservando che questo “indica la grande motivazione” che la Repubblica islamica ha in Siria.

“Portare l’Iran fuori dalla Siria non è cosa semplice. Gli iraniani hanno appena concluso un’esercitazione in cui hanno minacciato di attaccare il sito nucleare di Dimona. Stanno continuando con il loro progetto in Siria “, ha aggiunto Yehezkeli.

La valutazione israeliana ha anche affrontato le “minacce” della Resistenza palestinese. Itay Blumental, corrispondente militare di “Israele” Channel 11, ha riferito di un aumento delle operazioni contro l’occupazione israeliana in Cisgiordania.

“Abbiamo assistito a 61 sparatorie nel 2021”, ha detto Blumenta.
Il livello della resistenza è sempre più alto così come quello della brutalità della repressione attuata da Israele nei confronti della popolazione palestinese.

Fonte: The National Interest

Traduzione: Luciano Lago

2 Commenti
  • Francisca
    Inserito alle 14:55h, 03 Gennaio Rispondi

    Verso l’inizio avete scritto
    “del generale americano soleimani”
    invece di iraniano.

    • Redazione
      Inserito alle 16:18h, 03 Gennaio Rispondi

      Grazie per la segnalazione. Un refuso nell’articolo.
      Saluti

      La Redazione