Gli Stati Uniti approvano il trasferimento di bombe da 500 libbre a Israele mentre sono in corso i preparativi per la guerra in Libano

La Casa Bianca avrebbe sospeso la spedizione a causa dell’invasione israeliana di Rafah
Secondo quanto riportato da Axios il 28 giugno, la Casa Bianca dovrebbe presto consegnare a Israele un grosso carico di bombe da 500 libbre, sospeso ad aprile, mentre aumentano le segnalazioni di un’invasione del Libano da parte di Israele nelle prossime settimane.

Un funzionario statunitense e uno israeliano hanno dichiarato ad Axios che si prevede che circa 1.700 bombe da 500 libbre saranno consegnate dopo la conclusione dell’operazione israeliana nella città meridionale di Rafah, probabilmente nelle prossime settimane.

Le bombe fornite dagli Stati Uniti sono state cruciali nell’aiutare Israele a uccidere un gran numero di civili palestinesi. Israele usa le bombe per distruggere case e condomini in quartieri densamente popolati, spesso uccidendo intere famiglie mentre dormono la notte. Negli ultimi otto mesi il bombardamento israeliano di Gaza ha ucciso oltre 37.000 palestinesi, in maggioranza donne e bambini.

Già nel novembre 2023, AP aveva riferito che la campagna di bombardamenti israeliani stava trasformando Gaza in un “paesaggio lunare inabitabile”.

Israele sostiene di aver bisogno delle bombe nel caso in cui il conflitto con Hezbollah al confine settentrionale si trasformi in una guerra totale, il che appare sempre più probabile.

A dicembre, il primo ministro israeliano Netanyahu ha minacciato di fare a Beirut quello che ha fatto a Gaza.

NBC News ha riferito il 27 giugno che il Pentagono sta spostando le risorse militari statunitensi più vicino a Israele e Libano per essere pronti a evacuare i cittadini statunitensi mentre gli scontri tra Israele e Hezbollah si intensificano.

Secondo funzionari statunitensi e israeliani che hanno parlato con la NBC, Israele vuole creare una zona cuscinetto di 16 chilometri sopra il confine libanese, sia attraverso negoziati che con un’invasione a tutti gli effetti.

Funzionari statunitensi e israeliani hanno detto ad Axios che una spedizione di 1.800 bombe da 2.000 libbre è ancora in fase di revisione. La Casa Bianca avrebbe sospeso la spedizione delle bombe da 2.000 e 500 libbre ad aprile a causa delle preoccupazioni per l’invasione israeliana di Rafah, dove si stavano rifugiando oltre un milione di palestinesi sfollati.

Bombe USA per Israele

All’epoca, il presidente degli Stati Uniti Joe Biden stava affrontando dure critiche da parte dei membri del suo stesso partito politico per il suo sostegno al genocidio dei palestinesi a Gaza da parte di Israele.

Tuttavia, dopo i colloqui di questa settimana a Washington, gli Stati Uniti e Israele sono riusciti a risolvere alcuni dei problemi che hanno rallentato le spedizioni di armi statunitensi in Israele, ha riferito Axios .

“Durante gli incontri a Washington, ci è stato detto che le bombe da 500 libbre saranno sganciate dopo la conclusione dell’operazione di Rafah, prevista tra due settimane”, ha affermato un funzionario israeliano.

Una fonte con conoscenza diretta degli incontri con Gallant ha detto che i funzionari della Casa Bianca hanno chiarito che non c’è alcuna sospensione sulle bombe da 500 libbre e che la pausa è solo sulle bombe da 2.000 libbre.

La scorsa settimana il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu ha pubblicato un video in cui criticava Biden per aver nascosto le bombe. Secondo due funzionari statunitensi che hanno parlato con Axios , il video faceva sembrare che il presidente Biden stesse “prendendo ordini da Netanyahu”.

Fonte: The Cradle

Traduzione: Luciano Lago

8 commenti su “Gli Stati Uniti approvano il trasferimento di bombe da 500 libbre a Israele mentre sono in corso i preparativi per la guerra in Libano

  1. Quando mancano le vittorie ……….. aumentano i litigi ! L’agitazione denota appunto che le cose vanno male. I padroni dell’occidente così vanesi e così fessacchiotti. Altro che egemonia…………………….. qui ci vogliono gli psicofarmaci per i poveri padroni esausti da tante batoste ! Coraggio, dovete soccombere ! Le repubbliche delle banane sono molto comiche. c.v.d.

  2. Gli israeliani sono impazziti un altra invasione senza aver concluso niente con la prima, si vogliono suicidarsi economicamente!

  3. Finché c’è la mummia criminale biden c’è guerra, ma ci sarà comunque anche se il vecchio assassino morirà, perché è un burattino schifoso delle bestie ebree che dominano gli usa.

    Cari saluti

    1. Quando questo essere demoniaco se ne andrà all’inferno per l’eternità festeggerò molto bene. La cattiveria sua e del suo entourage non ha precedenti. Per arricchire gente già straricca stanno ammazzando centinaia di migliaia di persone. La giustizia divina esiste e con questi criminali sarà spietata

  4. La schifosa ipocrisia americana. Questa assurda dichiarazione sulla sospensione della fornitura delle bunkerblaster da 900kg, 2000lb, ad Israele. Le toldboy come le chiamano i beoni albionici sono in servizio dal lontano 1944. Forse vogliono farci credere che Israele non me possiede?! Perché se gl’ americani non ne forniscono a Tel Aviv, così dicono, nulla vieta ai malvagi di produrle in proprio o prenderle dagl’ inglesi. Patetici e falsi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM