Gli Stati Uniti al lavoro preparano Taiwan alla guerra con la Cina

di Vladimir Platov (*)
Gli anni che hanno preceduto la prima e la seconda guerra mondiale sono spesso definiti dagli storici “febbre diplomatica”, a causa della mobilitazione attiva di diverse potenze in tutto il mondo in alleanze sia palesi che segrete. Tuttavia, tale attività non mirava a prevenire i conflitti, ma solo a rafforzare la loro posizione in vista della guerra imminente che era sempre stata il loro obiettivo.

Sfortunatamente, qualcosa di simile può essere visto negli ultimi tempi nel comportamento degli Stati Uniti, sia in termini di “unire le forze” sul possibile fronte di battaglia europeo di Washington contro la Russia, sia nella regione dell’Asia-Pacifico (APAC) nell’affrontare la Cina. Le recenti politiche e azioni statunitensi – alla vigilia del Congresso del Partito Comunista Cinese – sono state caratterizzate dalla creazione di blocchi anticinesi, esercitazioni su larga scala senza precedenti nell’APAC e vicino ai confini cinesi e varie provocazioni.

Dopo una visita provocatoria a Taiwan della presidente della Camera dei rappresentanti degli Stati Uniti Nancy Pelosi all’inizio di agosto, la situazione intorno all’isola, così come le relazioni tra la Cina e gli Stati Uniti in generale, è peggiorata. La Cina, che considera l’isola una delle sue province, ha condannato la visita, vedendola come un sostegno degli Stati Uniti al separatismo taiwanese.

Nell’interesse del contenimento della Cina, la Casa Bianca sta provocando tensioni intorno all’isola di Taiwan, violando clamorosamente il principio One China, che un tempo gli americani accettavano come una delle condizioni principali per normalizzare le relazioni USA-Cina. Nel perseguire la strategia anti-cinese, solo nel mese di agosto quattro delegazioni con rappresentanti dell’establishment politico statunitense a vari livelli si sono recate a Taiwan. Apparentemente in coordinamento con Washington, anche alcune delegazioni politiche dell’Unione europea hanno compiuto visite provocatorie a Taiwan e hanno mostrato sostegno agli oppositori di Pechino sull’isola.

Contemporaneamente alle iniziative politiche anti-Pechino, subito dopo la visita di Nancy Pelosi, le acque territoriali cinesi nello Stretto di Taiwan iniziarono ad essere violate più frequentemente dalle navi americane con il pretesto della libertà di navigazione. Il 27 agosto, ad esempio, due navi della marina statunitense, gli incrociatori missilistici USS Antietam e USS Chancellorsville, hanno effettuato un passaggio dimostrativo e provocatorio attraverso lo stretto di Taiwan, al quale il ministero degli Esteri cinese si è fortemente opposto. Per contrastare qualsiasi ulteriore provocazione da parte degli Stati Uniti, l’esercito cinese è stato messo in massima allerta, secondo Shi Yi, un funzionario dell’Eastern Theatre Command dell’Esercito popolare di liberazione (PLA). Il 28 agosto, le forze armate di Taiwan hanno registrato l’avvistamento di 23 aerei dell’EPL e otto navi dell’EPL in mare e nello spazio aereo vicino a Taiwan.

Forze aeree cinesi

Il 29 agosto il portavoce del ministero degli Esteri cinese Zhao Lijian ha commentato la provocazione di Washington. “Le navi militari statunitensi battenti bandiera della libertà di navigazione stanno dando prova di forza. Questo non è un impegno per la libertà di navigazione, ma una provocazione contro di questa e un danno deliberato alla pace e alla stabilità nella regione. La parte cinese chiede ancora una volta agli Stati Uniti di smettere di evirare, diluire e pervertire il principio One China, rispettare rigorosamente la sovranità e l’integrità territoriale degli altri paesi e le norme internazionali di base sulla non interferenza negli affari interni degli stati e attuare efficacemente le disposizioni dei tre comunicati congiunti Cina-USA”.

Continuando ad aggravare la situazione intorno a Taiwan, all’inizio di settembre le autorità statunitensi hanno annunciato l’intenzione di vendere armi e attrezzature militari per un valore di 1,1 miliardi di dollari a Taiwan.

Unità navali cinesi

Allo stesso tempo, il 14 settembre la commissione per le relazioni estere del Senato degli Stati Uniti ha approvato un disegno di legge che prevede un’espansione completa del sostegno a Taiwan, compreso il supporto militare. Oltre a imporre sanzioni a Pechino con il pretesto di cercare di preservare la stabilità nella regione Asia-Pacifico, ha affermato Jim Risch, il repubblicano anziano del Comitato, commentando il voto. In sostanza, questa iniziativa dei legislatori statunitensi cerca di rivedere la politica statunitense nei confronti di Taiwan e, per estensione, della Cina continentale. Il disegno di legge renderebbe Taiwan un “importante alleato non NATO” degli Stati Uniti, aumentando i suoi aiuti militari (non solo armi difensive ma anche offensive, compresi i missili) a $ 4,5 miliardi nei prossimi quattro anni, rendendolo il più grande destinatario dopo Israele , Egitto e Ucraina. Lo ha già detto la Cinache, se approvato, il nuovo disegno di legge sarebbe stato uno shock per le relazioni USA-Cina. E l’ambasciatore cinese negli Stati Uniti, Qin Gang, ha detto al vicesegretario di Stato Wendy Sherman in una riunione del 23 agosto che le relazioni tra Cina e Stati Uniti sarebbero state interrotte se la legge fosse entrata in vigore.

Coprendo la sua politica aggressiva nei confronti della Cina con la presunta possibilità di una “invasione” cinese di Taiwan, il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha assicurato in un’intervista alla CBS che l’esercito americano si sarebbe alzato per difendere Taiwan.

Tuttavia, spingendo la Cina all’azione militare, gli Stati Uniti, stima Bloomberg , potrebbero trovarsi in una posizione terribile in caso di conflitto con la Cina entro mesi o addirittura settimane dallo scoppio delle ostilità. Gli arsenali del Pentagono sono vuoti a causa di importanti consegne di armi a Kiev. E l’esercito cinese oggi è molto tecnicamente attrezzato. Difendere Taiwan sarà quindi molto costoso, con gli Stati Uniti che dovranno pagare un prezzo proibitivo sia in termini di personale che di attrezzature.

La Marina degli Stati Uniti è ora scarsamente preparata, in numero inferiore a quella cinese, e le basi navali statunitensi sono impreparate, ha sottolineato l’ex contrammiraglio della Marina americana Charles Williams in un articolo per The Hill . Inoltre, gli Stati Uniti non possono più agire su due fronti; contro Russia e Cina contemporaneamente.

Il Times avverte inoltre che gli Stati Uniti subirebbero pesanti perdite e impiegherebbero anni per riprendersi da un conflitto aperto con la RPC, citando l’analisi del centro di studi strategici e internazionali con sede a Washington. In particolare, i suoi analisti prevedono che gli Stati Uniti perderanno una parte significativa della loro flotta e circa 900 aerei da combattimento che difenderanno Taiwan dalla Cina.

Nell’affrontare la Cina, è improbabile che gli alleati regionali aiutino gli Stati Uniti, e persino la Germania, che intende, secondo le osservazioni fatte all’inizio di settembre dall’ispettore generale della Bundeswehr generale Eberhard Zorn, di “aumentare la sua presenza militare nella regione indo-pacifica per contenere la Cina”.

Nonostante queste azioni provocatorie di Washington e la spinta di Taipei all’azione militare, il governo della RPC ha riaffermato la sua determinazione a perseguire la riunificazione nazionale con Taiwan. Il portavoce del ministero degli Esteri cinese Mao Ning ha ribadito l’altro giorno che la questione di Taiwan è strettamente una questione interna alla Cina e gli Stati Uniti non hanno il diritto di interferire in essa.

*Vladimir Platov, esperto di Medio Oriente, in esclusiva per la rivista online “ New Eastern Outlook

Traduzioe: Luciano Lago

1 Commento
  • Sarabanda 82
    Inserito alle 17:13h, 26 Settembre Rispondi

    Fanno bene gli Usa a tastare il terreno ai Cinesi xche anche loro tante parole ma fatti ZERO se non volevano la Pelosi sull’isola potevano intercettare il suo aereo e farli cambiare rotta stessa cosa x le 2 navi da guerra passate x lo stretto blocco aeteonavale e cambiare rotta, invece nulla e gli americani se la ridono sotto i baffi tanto lo sanno che nessuno prenderà una qualsiasi iniziativa contro di loro.

Inserisci un Commento