Gli Stati Uniti addestrano gli equipaggi degli Emirati Arabi Uniti nella campagna di bombardamenti sullo Yemen


Un recente rapporto ha rivelato la complicità attiva degli Stati Uniti nella letale guerra a guida saudita in Yemen, rivelando che il Pentagono gestisce un programma di addestramento aereo al combattimento per il personale degli Emirati Arabi Uniti.

Secondo un documento ufficiale del Comando Centrale dell’Aeronautica USA del dicembre 2017, ottenuto da Yahoo News mercoledì, gli Stati Uniti “hanno scortato 6 F-16 degli EAU in missione “RED FLAG”; gli istruttori USA hanno assistito 150 aviatori in esercitazioni impegnative per prepararsi alle operazioni di combattimento nello Yemen “.

Il file, pubblicato tramite il “Freedom of Information Act”, ha inoltre fornito un ulteriore rapporto dettagliato fornito dall’Air Force Air dell’Aeronautica statunitense presso la base aerea di al-Dhafra, vicino ad Abu Dhabi.

“Il personale dell’unità combattente ha avanzato il programma di addestramento per piloti di caccia F-16 degli EAU; 3 piloti hanno effettuato 243 sortite aere di istruzione / 323 ore di volo che hanno creato 4 nuovi istruttori e 29 aerei da combattimento che sono stati immediatamente schierati per operazioni di bombardamento nello Yemen “, si legge nel documento.

William Hartung, direttore del Progetto per le armi e la sicurezza presso il Centro per la politica internazionale, ha dichiarato che il programma di formazione è un altro esempio del profondo coinvolgimento degli Stati Uniti nell’aggressione militare contro lo Yemen in corso da marzo 2015.

“I piloti addestratori che continuano a bombardare obiettivi civili in Yemen sono ancora un’altra forma di complicità statunitense in una guerra brutale che è andata avanti per troppo tempo”, ha detto a Yahoo News. “Se l’amministrazione di [Donald] Trump è seria nel far sì che l’Arabia Saudita e gli Emirati Arabi Uniti negoziano in buona fede per la pace nello Yemen, dovrebbero interrompere l’addestramento e altre forme di sostegno militare fino a quando non faranno la loro parte per porre fine alla guerra”.
Con il sostegno dell’Occidente, l’Arabia Saudita e i suoi alleati regionali, compresi gli Emirati Arabi Uniti, hanno lanciato la devastante campagna militare contro lo Yemen per riportare al potere l’ex governo sostenuto da Riyad.

La campagna di bombardamenti indiscriminati ha prodotto un numero enorme di vittime civili calcolato in diverse decine di migliaia, fra cui moltissimi bambini e donne, mentre il blocco aeronavale ha creato una grave crisi umanitaria con insorgere di pestilenze quali il colera e altre gravi infezoni. L’Arabia Saudita spera di vincere il conflitto affamando la popolazione, secondo quanto riferito da Organizzazioni umanitarie.

Bombardamenti nello Yemen

Nel gennaio 2016, l’Arabia Saudita ha riferito che i consulenti militari statunitensi e britannici erano nel centro di comando e controllo per gli attacchi contro lo Yemen e avevano accesso a liste di obiettivi.

Rappresentanti del movimento di Houthi Ansarullah e militanti fedeli all’ex regime del governo saudita hanno condotto colloqui di pace in Svezia lo scorso dicembre, durante i quali hanno raggiunto una tregua nella città portuale del Mar Rosso di Hudaydah, tra gli altri accordi.

Strage e colera nello Yemen

Hartung si è lamentato della complicità degli Emirati Arabi Uniti nella guerra allo Yemen, affermando: “Il ruolo degli EAU è spesso trascurato, ma loro, e le milizie che addestrano, armano e finanziano, sono stati implicati in violazioni diffuse dei diritti umani, inclusa la tortura”.”Gli Emirati Arabi non sono meno responsabili dell’Arabia Saudita per il massacro nello Yemen, ma il governo di Washington non è stato ritenuto responsabile delle sue azioni in alcun modo significativo”, ha aggiunto.

Fonte: Press Tv

Traduzione e sintesi: Luciano Lago

1 commento

  • atlas
    19 Gennaio 2019

    cosa c’è scritto sulle magliette del Milan ? Fly Emirates ?

Inserisci un Commento

*

code