Gli Stati Uniti abbandoneranno Taiwan?

Scritto da Brandon Weichert tramite RealClearWorld.com,

Addio, grande competizione di potere e ciao, competizione strategica”, questo è ciò che il portavoce del Pentagono dell’amministrazione Biden ha recentemente dichiarato a Daniel Lipmann alla rivistaa Politico .
Secondo gli analisti, questi commenti segnalano uno spostamento verso un atteggiamento americano più cooperativo, persino conciliante, nei confronti del Partito comunista cinese. Inoltre, il 6 ottobre il presidente Joe Biden ha dichiarato ai media di aver “parlato con [il presidente cinese Xi Jinping] di Taiwan. Siamo d’accordo che ci atterremo all’accordo di Taiwan”.

L’accordo a cui si riferiva Biden era il Taiwan Relations Act del 1979, un accordo ambiguo stipulato tra Cina e Stati Uniti in cui Taiwan sarebbe stata trattata dagli Stati Uniti come un paese straniero senza essere formalmente riconosciuta come tale . Mentre l’accordo del 1979 consente la fornitura di aiuti militari americani a Taiwan in modo tale che Taiwan possa “mantenere una capacità di autodifesa sufficiente”, i termini di questo accordo consentono agli americani di sottrarsi a Taiwan ogni volta che è conveniente per Washington. così.

La chiamata Biden-Xi è arrivata sulla scia della sfacciata violazione da parte della Cina della zona di identificazione della difesa aerea di Taiwan (ADIZ) durante la settimana del 1 ottobre. A quel tempo, la Cina ha schierato più di 50 aerei da guerra per violare l’ADIZ di Taiwan, testando la rete di difesa aerea oberata di lavoro di Taiwan e spingendo i militari dell’isola al punto di esasperazione.
Ad un certo punto, si verificherà un grave errore di calcolo tra Cina e Taiwan, un errore che potrebbe scatenare un’altra guerra mondiale che Washington non è preparata o disposta a combattere.

In risposta alla recente aggressione cinese contro Taiwan, gli Stati Uniti hanno schierato due gruppi d’attacco di portaerei vicino a Okinawa. Queste potenti navi da guerra americane si sono unite al gruppo d’attacco delle portaerei della Royal Navy britannica. Anche un gruppo di navi da guerra provenienti da Giappone, Nuova Zelanda, Canada e Paesi Bassi si è unito alla flottiglia guidata dagli americani.

La flottiglia aveva lo scopo di dissuadere Pechino da qualsiasi ulteriore atto di aggressione durante un punto debole nelle relazioni tra Pechino e Washington.

Pechino probabilmente non è rimasta impressionata.

La deterrenza funziona solo su un avversario che è disposto ad abbandonare l’obiettivo che stai cercando di impedire a quell’avversario di raggiungere. Francamente, Pechino vuole Taiwan più di quanto Washington voglia tenere l’isola lontana dalla Cina.

L’attuale situazione in Cina è particolarmente pericolosa per il governo continuo di Xi Jinping. Mentre l’economia cinese sta attraversando una massiccia riorganizzazione che potrebbe abbattere il regime di Xi, il sovrano cinese sta cercando di distrarre il suo popolo attraverso potenti manifestazioni di nazionalismo, come il recupero della provincia cinese “perduta” di Taiwan.

Il presidente Biden, nel frattempo, è assediato da crisi ovunque.

L’economia americana vacilla sull’orlo del debito mentre l’inflazione continua senza sosta, un arresto del governo incombe, le fragili catene di approvvigionamento non possono tenere il passo con l’aumento della domanda, gli americani evitano di tornare al lavoro a favore di maggiori pagamenti del welfare e il COVID-19 continua a imperversare negli Stati Uniti . Per compensare queste minacce economiche alla presidenza di Biden, la Casa Bianca cercherà probabilmente di ottenere un nuovo accordo commerciale con la Cina che limiterà l’inflazione e genererà scambi.

Inoltre, il presidente Biden teme una catastrofe climatica globale provocata dall’uomo. Sia lui che il suo zar del clima, John Kerry, hanno insistito per anni sul fatto che la Cina fosse la chiave per frenare il cambiamento climatico antropogenico. Lungi dal corteggiare la guerra con la Cina, l’amministrazione Biden sta probabilmente cercando di riportare le relazioni a quelle che erano prima dell’ascesa di Donald Trump nel 2016.

Non importa cosa dica il presidente Biden, è improbabile che impiegherà le forze statunitensi per difendere Taiwan. Secondo un sondaggio del 2021 condotto dal Chicago Council on Global Affairs, solo il 41% degli americani sostiene che il potere militare degli Stati Uniti venga utilizzato per difendere Taiwan. Pertanto, non è politicamente opportuno per Biden rischiare un’altra guerra mondiale, almeno secondo i sondaggi, non più di quanto lo fosse per Biden mantenere le forze statunitensi in Afghanistan.

Schieramento navale cinese vicino Taiwan

Pechino si sta rapidamente avvicinando al momento in cui è pronta a scoprire il bluff di Washington su Taiwan.

Se Biden si rifiutasse di agire militarmente per prevenire un’invasione cinese di Taiwan, Pechino probabilmente offrirebbe a Biden l’inutile premio di consolazione di un vuoto accordo sul clima e un nuovo accordo commerciale che dia potere alla Cina a lungo termine.
La diminuzione del potere americano continuerà sotto Biden finché non rimarrà più nulla dell’ordine mondiale guidato dagli americani.
Con le uniche opzioni per l’America che sono la guerra mondiale o la capitolazione, senza un vero leader che raduni il popolo americano per sostenere ciò che è giusto (per loro) e per tracciare un nuovo corso, cos’altro ci si può aspettare oltre al crollo del potere americano nell’Indo-Pacifico?

Fonte: Zero Hedge

Traduzione: Luciano Lago

28 Commenti
  • Bobo merenda
    Inserito alle 23:19h, 18 Ottobre Rispondi

    Oltretutto i cinesi hanno lanciato un missile ultrasonico che ha praticamente fatto il giro completo del globo e gli Yankees nemmeno se ne erano accorti. Credo che, ora come ora, Biden e il suo staff quando vanno al cesso, la più dura che fanno la si può imbottigliare! Altro che guerra!

  • Nicholas
    Inserito alle 01:47h, 19 Ottobre Rispondi

    Prima crollano gli Usa, meglio è per tutti noi.
    Spero ciò accada al più presto, per il bene della: umanità

  • Mardunolbo
    Inserito alle 03:22h, 19 Ottobre Rispondi

    qui il commento di Edward Luttwack, a proposito di Taiwan e la questione :
    https://formiche.net/2021/10/tutte-le-balle-supersoniche-di-xi-parla-edward-luttwak/

    • atlas
      Inserito alle 04:59h, 19 Ottobre Rispondi

      che infimo personaggio che sei, maledetto da Dio sin da quando sei nato. Tu e il tuo amico democratico. Leggiti questo piuttosto, che t’interessa. Tu mi porti un porco, io ti porto direttamente nel porcile https://twitter.com/ismaylyusuf/status/1450284395353579520/photo/1

      • Mardunolbo
        Inserito alle 00:54h, 20 Ottobre Rispondi

        Ti prude eh, apostata ? La tua cultura da carabbeniero ti fa citare Ra-sputin(o) .Mi sembra in linea !

        • atlas
          Inserito alle 12:25h, 20 Ottobre Rispondi

          prude più a tua moglie. Il perchè lo sai

    • atlas
      Inserito alle 06:09h, 19 Ottobre Rispondi

      intanto è crepato Colin Powell (per il TG di ‘covid’ naturalmente, un’altra balla chimica), Di mendacio truffaldino, malattia cronica (e si era anche vaccinato (non dalle bugie però). Lo vorranno i demoni ? O attueranno un distanziamento fisico. Mah, pare che il fuoco purifichi tutto …

    • Arditi, a difesa del confine
      Inserito alle 10:25h, 19 Ottobre Rispondi

      “Per loro fortuna hanno in Occidente un coro di persone che canta le lodi della grande strategia militare di Sun-Tsu e diffonde isterismo. Dovuto a questa percezione distorta del mondo diviso fra dittature, sempre efficienti e perfette, e democrazie, confuse e casiniste”
      .
      e qui di discepoli del comunismo cinese se ne trovano a pacchi…

      • atlas
        Inserito alle 12:17h, 19 Ottobre Rispondi

        quì si trovano ANTIDEMOCRATICI. E tutto ciò che vi concorre è idoneo all’uopo. Tu capisci pure come più ti pare di capire. Ma non capisci. Nè capirai. Proprio non vuoi capire. Non puoi capire. Non riesci a capire. Capisci benissimo che non sei in grado di capire però capisci senza capire non essendo in grado di capire. Capisco

        • Arditi, a difesa del confine
          Inserito alle 14:32h, 19 Ottobre Rispondi

          eccone appunto uno, tra i piu confusi pero’ perche si dichiara nazionalsocialista ma poi se ne esce con w la cina comunista (dimenticando che nel 1942 un paese nazionalsocialista dichiaro’ guerra (e quasi distrusse) un paese comunista) pero’ poi si ricorda del discendente del re panzone e quindi pure monarchico
          insomma, un pout-pourry, una banderuola che si muove in base a dove soffia il vento, oggi w il re, domani w il supremo xi, dopodomani w adolf
          e meno male che lei capisce 😀

          • atlas
            Inserito alle 14:41h, 19 Ottobre

            capisco che non puoi capire Freda, ma leggiti almeno Mario sotto. E continuerai a non capire

          • atlas
            Inserito alle 15:00h, 19 Ottobre

            se mi mettessi sotto vento, come fai invece tu, imprudentemente, verrei investito dalla democrazia. Capisci invece che se il Principe Carlo di Borbone non è intenzionato a rientrare autorevolmente a Napoli e Palermo il W IL RE è sempre attuale. Attualissimo. Perchè, a differenza dell’italiano Mussolini che è morto, secondo il Codice Ferdinandeo (primo Socialista al mondo secondo l’esempio della casa-lavoro di San Leucio) in assenza del Sovrano la Sovranità è Popolare. E Il Regno delle Due Sicilie non è stato mai abrogato. Dire W IL RE (Borbone) vuol dire sempre W le Due Sicilie. Con qualsiasi sistema politico la Sovranità Popolare riterrà dotarsi. E a questo punto se proprio non l’hai capito io sono Fascista (nel senso dell’idea Sociale e Nazionale, e la mia Nazione sono le Due Sicilie) e Nazional Socialista dalla nascita. Sono SICURO che non hai capito, ma leggo che invece hai capito benissimo

          • atlas
            Inserito alle 15:01h, 19 Ottobre
  • Pippo
    Inserito alle 06:59h, 19 Ottobre Rispondi

    Spero anche io che crolli il potere giudaico-satanico Anglosionista, ma non credo che i Cinesi siano tanto meglio.

    • Pippo
      Inserito alle 11:00h, 19 Ottobre Rispondi

      Sono io “Pippo” e non ho scritto io il commento. Per cortesia cambi subito nickname, altrimenti si ingenerano equivoci e confusione. Di ” Pippo” ne deve esserci solo 1. Grazie mille.

    • Pippo
      Inserito alle 11:10h, 19 Ottobre Rispondi

      La soluzione di tutti i problemi del pianeta; economia, giustizia, civiltà e tutto il resto, sarebbe stata l’affermazione del 3° Reich. La storia purtroppo è andata diversamente, quindi a questo punto posso solo dirvi una cosa: ” si salvi chi può…” perché le prospettive future saranno terrificanti! Comunque le ricordo ancora cortesemente di cambiare il suo nickname.

      • atlas
        Inserito alle 12:11h, 19 Ottobre Rispondi

        è il sistema del sito che deve cambiare, attendiamo fiduciosi alle dichiarazioni di Luciano Lago (gira e rigira un troll democratico di merda, che NON desiste. Un giulio, una piattola)

  • Mario
    Inserito alle 11:58h, 19 Ottobre Rispondi

    QUANDO SI CAPIRÀ CHE IL MALE ASSOLUTO DI TUTTA L’UMANITÀ SONO GLI EBREI ……….
    ALLORA SI COMINCERÀ A COMPRENDERE CHE QUESTI ASSASSINI DA 300 ANNI CIRCA SONO RESPONSABILI DI TUTTO QUELLO CHE È SUCCESSO ………….. E DI QUELLO CHE STA SUCCEDENDO…………

    • atlas
      Inserito alle 19:05h, 19 Ottobre Rispondi

      e mi chiedo se non sia anche tu il troll democratico malefico sotto mentite spoglie. Nonostante sia un piacere leggerti

  • atlas
    Inserito alle 13:21h, 19 Ottobre Rispondi

    Pippo chi? Pippo che si fa le pippe ?

    • atlas
      Inserito alle 18:55h, 19 Ottobre Rispondi

      figlio di puttana troll democratico di merda. Io ti scovo anche in Groenlandia

  • Giorgio
    Inserito alle 18:52h, 19 Ottobre Rispondi

    Intanto facciamo un brindisi alla morte del criminale Colin Powell ………..

    • atlas
      Inserito alle 19:02h, 19 Ottobre Rispondi

      lo sto già facendo. Ho bevuto tanta di quella birra (con noci di macadamia) e gelato al limone con vodka da uno che lo fa spettacolare con i LIMONI da ieri sera che mi sono addormentato alle 19 e svegliato a mezzogiorno. Tranne piccole interruzioni per le Orazioni quotidiane della sera e dell’alba (gli Angeli mi svegliano sempre). Quando toccherà a Kissinger credo che non mi reggerò in piedi per parecchio tempo. Mi ha chiamato poi ultimamente una cubana conosciuta quest’estate tornata da Roma. Ha poco più di 20anni ma è esigente. Negroide, come il Powell. Ma tutta un’altra cosa, lei è viva

      • Giorgio
        Inserito alle 11:48h, 20 Ottobre Rispondi

        Il giorno che ci libereremo anche di Kissinger o Soros ……. ci inventeremo festeggiamenti speciali ……
        intanto W Cuba e le cubane …….

    • Mardunolbo
      Inserito alle 01:09h, 20 Ottobre Rispondi

      Il Colin Powell il marcio generale che sventolò una provetta di nulla per condannare l’Iraq di Saddam Hussein è morto di COVID reale NONOSTANTE fosse vaccinculato. Fu ricoverato in emergenza in ospedale ma il virus , felice di trovare un vaccinculato pronto per essere colonizzato, ha colonizzato fino all’indigestione ed il “coloured” è defunto ! Amen, non lo si rimpiange e l’apostata Atlas si ubriaca gioiosamente e garrisce per la giovane cubana cavalla da monta che lo chiama al telefono.. Ognuno ha le sue letizie che denotano la sua schiatta. Colin mostrò una provetta, foto mondiale. Atlas mostra i glutei (coperti) nelle genuflessioni rituali islamiche, immagine madornale che lo accompagnerà nel giorno del Giudizio

      • atlas
        Inserito alle 12:40h, 20 Ottobre Rispondi

        cristiani in Siria (nulla a che vedere con le manfrine di quì), si prostrano col volto a terra esattamente come i musulmani. E come faceva a suo tempo Gesù (riportato nel vangelo di Luca). Ciao nè

  • eusebio
    Inserito alle 20:08h, 19 Ottobre Rispondi

    Il blocco eurasiatico stringe le fila, una forza navale congiunta russo-cinese ha attraversato il Mar del Giappone passando per lo stretto che divide Sakhalin da Hokkaido, cinesi e nordcoreani testano un missile ipersonico dopo l’altro tanto per far capire agli USA che fine farebbero le loro costosissime porterei, le quali verrebbero colpite da missili ipersonici antinave che volano a Mach 5, Mosca ha invitato il capo di stato maggiore iraniano per colloqui urgenti, e non a caso mentre l’esercito siriano si avvicina al Golan per liberarlo Hezbollah ha fatto sapere di avere 200000 uomini pronti ed addestrati, forse per far intendere che li può scatenare sulla Galilea occupata dai sionisti da un momento all’altro.
    Potrebbe anche darsi che russi e iraniani si siano consultati su eventuali azioni militari comuni contro l’Azerbaigian filosionista, pare che l’Iran abbia già scatenato sul territorio azero la milizia sciita locale Huseynun, un regime azero sciita sarebbe utile all’Iran e alla Russia, in quanto nemico di Israele e del regime salafita turco.

    • atlas
      Inserito alle 00:43h, 20 Ottobre Rispondi

      è dal 1979 che lo sciismo iraniano appoggia la fratellanza salafita

Inserisci un Commento