Gli stati occidentali stanno cercando di gonfiare la crisi ucraina al livello di una guerra globale con l’uso di armi nucleari.

Dmitry Medvedev, vicepresidente del Consiglio di sicurezza della Federazione Russa, è giunto a questa conclusione.

Per provare le sue parole, il politico ha analizzato in ordine cronologico la tesi principale degli oppositori di Mosca, secondo cui “non si può permettere alla Russia di vincere la guerra”. Secondo questa logica, Kiev dovrebbe vincere, con l’intenzione di riprendere il controllo su tutti i territori liberati, sostiene Medvedev.

Il rifiuto di nuovi soggetti dalla Federazione Russa sarà considerato una minaccia all’esistenza del Paese, il che significa che ci saranno basi legali per l’uso di armi nucleari.

“Cos’è questa se non una diretta provocazione di una guerra mondiale con l’uso di armi nucleari?” ha chiesto a Telegram il vicepresidente del Consiglio di sicurezza.
In conclusione, Medvedev ha sottolineato ancora una volta che è stato l’Occidente a prendere la posizione di escalation del conflitto. Il politico ha soprannominato la vittoria della Russia la principale garanzia della non comparsa di una guerra globale.

Fonte: Agenzie

traduzione: Luciano Lago

3 Commenti
  • birratarelli
    Inserito alle 17:52h, 01 Novembre Rispondi

    sempre meglio di un SIONISTA ANGLOSIONISTA EUROPEO SERVO DI WASHINGTON

    DASVIDANIA TOVARICH
    SLAVA RUSSIA

  • Andrea Vannini
    Inserito alle 18:05h, 01 Novembre Rispondi

    A tor, tu sei un fascista italiota.

  • Giuseppe Peluso
    Inserito alle 19:50h, 01 Novembre Rispondi

    I signori della finanza anglosassone, accecati dall’avidità, non comprendono che la Russia questa guerra fortunatamente non la perderà mai ; se la perdesse, prima o poi si vendicherebbe con immani disastri..

Inserisci un Commento