Gli obiettivi strategici della Russia – a seguito del crollo dell’impero americano

di Alastair Crooke

Una leadership debole ha sollevato il coperchio del vaso di Pandora dell’Europa.

La situazione diventa psicotica. Quando ascolti i leader dell’UE, che ripetono tutti a pappagallo la stessa “buona notizia” come pappagalli, trasmettono comunque una preoccupazione fondamentale – senza dubbio un riflesso dello stress psichico di ripetere da una parte “L’Ucraina sta vincendo: la sconfitta della Russia è vicina”, mentre d’altra parte sanno che è vero l’esatto contrario : l’Europa non può sconfiggere un grande esercito russo sul continente dell’Eurasia.

Anche il Colosso di Washington limita l’uso della potenza militare americana a conflitti che gli americani possono permettersi di perdere – guerre perse contro avversari deboli che nessuno potrebbe contestare se il risultato non fosse una sconfitta, ma una sorta di “vittoria”.

Eppure la guerra contro la Russia (sia essa finanziaria o militare) è significativamente diversa dal combattere piccoli movimenti ribelli mal equipaggiati e dispersi, o dal collasso economico di Stati fragili, come il Libano.

La spacconata iniziale degli Stati Uniti è esplosa. La Russia non è crollata a causa dell’assalto finanziario di Washington, né ha sperimentato un cambiamento di regime caotico come previsto dai funzionari occidentali. Washington ha sottovalutato la coesione sociale della Russia, il suo potenziale militare latente e la sua relativa immunità alle sanzioni economiche occidentali.

La domanda nelle menti dell’Occidente è cosa faranno i russi dopo: continuare a indebolire l’esercito ucraino, riducendo al contempo le scorte di armi della NATO? O dispiegare le forze offensive russe che si stanno radunando in tutta l’Ucraina?

Insomma, proprio l’ambiguità tra la minaccia di un’offensiva e la sua attuazione fa parte della strategia russa volta a mantenere l’Occidente in una situazione di squilibrio e dubbio. Queste sono le tattiche di guerra psicologica per le quali il generale Gerasimov è famoso. Verrà, da dove verrà e dove andrà? Non lo sappiamo.

I tempi della Russia non saranno determinati dal calendario politico occidentale, ma da quando e se un’offensiva diventa favorevole agli interessi russi. Inoltre, Mosca tiene d’occhio due fronti: la guerra finanziaria (che potrebbe favorire un dispiegamento militare più lento per consentire l’aumento dei livelli di sofferenza economica) e la situazione militare (che può o meno favorire la lenta e graduale estirpazione della capacità ucraina combattere). L’ex consigliere senior del Segretario alla Difesa degli Stati Uniti, il colonnello Douglas Macgregor, prevede un importante dispiegamento di forze nel prossimo futuro. Potrebbe avere ragione.

Putin con lo Stato Maggiore

Quest’ultima considerazione va collocata in un contesto più ampio: la Russia è soprattutto impegnata nella ritirata dell’egemonia americana e nell’espulsione della Nato dal “cuore” asiatico. I russi sanno da tempo che il “sistema dell’ordine mondiale” è insostenibile (le strutture del secondo dopoguerra sono già chiaramente visibili nello specchietto retrovisore). E sia la Russia che la Cina sanno che non esiste un modo grazioso – o una scorciatoia – per disfare un sistema così vasto.

Sanno che l’Occidente è inaffidabile e destinato a cadere. Negli ultimi anni, la Russia e la Cina hanno ristrutturato le loro economie e rafforzato i loro eserciti, preparandosi così all’inevitabile crollo dell’impero americano (incrociando le dita purché questa “caduta” non porti all’apocalisse).

In pratica, Russia e Cina hanno cercato di moderare questo crollo, per quanto possibile. Nessuno beneficia di un’implosione incontrollata degli Stati Uniti. Tuttavia, gli Stati Uniti stanno andando troppo oltre con il loro progetto ucraino e la Russia utilizzerà questo conflitto per facilitare la fine dell’impero americano: non c’è davvero altra opzione.

Come sottolinea Kelley Beaucar Vlahos in “The American Conservative” , le fazioni americane hanno pianificato la “sepoltura” della Russia per molti anni. In effetti, uno dei fatti più dannosi che emergono dall’esposizione di Twitter Files di Matt Taibbi è: ” L’aggressività dei legislatori del Congresso e dei funzionari delle agenzie federali nel diffondere una narrativa cinica che ha messo all’angolo il gigante dei social media, creando allo stesso tempo lo spauracchio russo che perseguita gli Stati Uniti in politica estera e la sua posizione nella guerra in Ucraina oggi ”.
Questa storia inventata della Russia che cerca di distruggere la democrazia americana ha indotto il pubblico ad accettare una nuova guerra contro la Russia.
Questa lotta esistenziale non può fermarsi ora: si potrebbe dire che europei e americani sono in una bolla in cui tutto è visivo e “tutto” è immediatezza e teatro delle pubbliche relazioni – e tutti noi dobbiamo giocare a questo gioco. Secondo loro i russi e i cinesi, dovrebbero pensare allo stesso modo: nessun valore, nessuna fede in qualcosa che non sia quello che appare meglio sui media mainstream.

Visto in questa luce, è davvero uno shock culturale, che riflette l’incapacità dell’Occidente di mostrare empatia. L’Occidente può sinceramente credere che l’attenzione di Putin sia principalmente focalizzata sui rating – proprio come lo è per Macron, Scholz e Biden – e che quando le ostilità finiranno, gli affari continueranno come al solito. . Potrebbero sinceramente non capire che non è così che pensa il resto del mondo.

In questo spirito, c’è il neme che “la guerra è un affare… Molti carri armati, ora dateci gli F-16! Non appena Stati Uniti, Germania e altre potenze della NATO hanno annunciato la consegna di un gran numero di carri armati all’Ucraina, Kiev ha immediatamente chiesto la consegna di aerei da combattimento F-16. In effetti, il funzionario della difesa ucraino Yuriy Sak ha commentato sfacciatamente la relativa facilità del “prossimo grande ostacolo” per l’acquisizione di aerei da combattimento F-16:
“ Non volevano darci artiglieria pesante, poi l’hanno fatto. Non volevano darci HIMARS [missili], quindi lo hanno fatto. Non volevano darci carri armati, ora ci danno carri armati. A parte le armi nucleari, non c’è altro che non otterremo ”.

Questo è un ottimo esempio della sindrome della “guerra come impresa” – e la politica riguarda la raccolta di fondi. Ciò significa che gli F-16 sono i prossimi, e questo significa per la Polonia: gli F-16 non sarebbero basati su una base aerea in Ucraina. Ed espandere lo spazio di battaglia alla Polonia porterebbe inevitabilmente a più “guerra come business”: carri armati, portaerei corazzati e F-16. Il complesso militare si fregherà le mani dalla gioia.

Com’era prevedibile, la frustrazione dei fanatici della guerra per l’incapacità collettiva dell’Occidente di arginare l’ondata della sconfitta ucraina continua a crescere, ed è stata ulteriormente aggravata dal rapporto della “Rand Corporation” (finanziato dal Pentagono) la scorsa settimana, che costituisce una confutazione forense della giustificazione per la guerra in Ucraina. Sottolinea che, anche se sono gli ucraini a combattere, le loro città rase al suolo e la loro economia decimata, questo non corrisponde agli interessi ucraini.

Il rapporto avverte che gli Stati Uniti dovrebbero evitare un “conflitto prolungato”, affermando che la vittoria per l’Ucraina è “impossibile” e “improbabile” – e mette in guardia in modo significativo dall’estendere il conflitto alla Polonia. Viene inoltre evidenziata la possibilità che gli Stati Uniti possano inavvertitamente scivolare in una guerra nucleare su diverse “questioni”.

Su quest’ultimo punto, il rapporto Rand è preveggente: questa settimana, il capo della delegazione russa presso l’OSCE ha pubblicamente avvertito che se i proiettili occidentali all’uranio impoverito o al berillio perforanti fossero stati dispiegati in Ucraina – come hanno fatto gli Stati Uniti in Iraq e Jugoslavia con conseguenze devastanti: la Russia considererebbe tale dispiegamento come l’uso di bombe nucleari sporche contro la Russia, con le conseguenze che ne derivano.
Se c’erano dubbi sulle “linee rosse” russe e sulla loro ubicazione, ora non ce ne sono più. Per essere chiari, “conseguenze” significa una possibile risposta nucleare russa. L’Occidente è stato avvertito.

Missili russi Ipersonici

Se la frustrazione legata al fallimento del progetto militare ucraino è la “causa”, la disperazione ne è la conseguenza.

“Come te, lo sono, e penso che l’amministrazione sia molto contenta di sapere che il Nord Stream 2 ora è, come ti piace dire, un pezzo di metallo in fondo al mare”, ha dichiarato la Victoria Nuland la l’ultima settimana. Questa affermazione mostra l’impotenza, più di ogni altra cosa (tradotto, dice Nuland, va bene ragazzi, non siamo impotenti poiché – occhiolino – siamo comunque riusciti a distruggere il gasdotto per l’UE).

L’intera campagna di pubbliche relazioni a favore dell’invio di più carri armati sembra più un tentativo di sollevare il morale degli ucraini e dei loro sostenitori in Europa (dato che i carri armati non cambieranno le sorti della guerra). Lo stesso vale per le proposte politiche presentate dal Segretario di Stato, Blinken, e Victoria Nuland la scorsa settimana. Sembra che siano stati redatti sapendo che sarebbero stati respinti a Mosca, e lo sono stati.

Tuttavia, per rendere giustizia alla combinazione Blinken-Nuland, se i neocon sono disperati nell’eseguire i loro piani di guerra – che quasi invariabilmente finiscono in modo disastroso – sono bravissimi a manipolare gli stati affinché diventino i propri complici – contrariamente ai propri interessi nazionali.

Dove i neoconservatori hanno avuto mano libera è sulla distruzione dell’Europa, politicamente, economicamente e militarmente. Gli stessi Stati Uniti (e il resto del mondo) devono essere assolutamente stupiti dal grado di sottomissione europea e dal controllo assoluto della leadership dell’UE che questi neoconservatori hanno esercitato.

I membri della NATO non sono mai stati fortemente uniti dietro la crociata di Washington per indebolire fatalmente la Russia. Le persone nell’UE (soprattutto francesi e tedeschi) non amano i sacchi per cadaveri. Ma i neocon hanno individuato correttamente il tallone d’Achille dell’Europa: Polonia, Lituania, le altre repubbliche baltiche e la Repubblica Ceca. I neocon americani si sono alleati con questa fazione russofoba radicale che vuole smembrare e pacificare la Russia e impadronirsi delle leve della politica estera dell’UE a spese di Francia e Germania.
Queste ultime rimasero silenziose e impotenti a Bucarest nel 2008, quando fu aperta la “porta” della NATO alla Georgia e all’Ucraina.
Una leadership debole ha sollevato il coperchio del vaso di Pandora europeo, permettendo a tutte le vecchie animosità, gelosie e ambizioni nude europee di fuggire come vapori oscuri. C’è qualcuno che può chiudere questo coperchio adesso?

Alastair Crook

fonte: Strategic Cuture

Traduzione: Luciano Lago

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM