"Onesto è colui che cambia il proprio pensiero per accordarlo alla verità. Disonesto è colui che cambia la verità per accordarla al proprio pensiero". Proverbio Arabo

Gli italiani ritengono che la UE sia un disastro completo

SONDAGGIO COMMISSIONATO DAL PARLAMENTO UE: IN ITALIA IL 61% DEI CITTADINI PENSA CHE STARE NELLA UE SIA UN DISASTRO
mercoledì 18 ottobre 2017

BRUXELLES – Cresce stentatamente la fiducia dei cittadini europei nell’Ue, ma l’Italia e’ diventata lo Stato membro dove il minor numero di persone ritiene che l’appartenenza al progetto comunitario sia un bene per il paese. Sono questi in sostanza i risultati di un sondaggio Eurobarometro pubblicato dall’Europarlamento. Solo il 39% degli intervistati in Italia ha risposto che l’appartenenza all’Unione europea e’ un bene per il paese contro il 90% in Irlanda, l’89% a Malta, l’88 in Lituania, benchè questi tre membri della Ue non facciano molto testo, date le loro condizioni e le loro dimensioni. La media europea attuale, comunque, e’ del 64 %, secondo questo sondaggio.

Per l’Italia i dati sono particolarmente negativi sul piano dei benefici per l’economia nell’essere membro della Ue. Solo il 19% degli italiani ritiene che il contribuisca alla crescita economica contro una media europea del 36%, che comunque è davvero bassa, avendo per contro il 64% dei cittadini degli stati Ue che pensano la stessa cosa della grandissima maggioranza degli italiani: la Ue è un danno all’economia.

Solo il 12% degli italiani – secondo Eurobarometro – dice che l’Ue abbia migliorato gli standard di vita contro il 19% della media europea, che ancora una volta segnala come più dell’80% dei cittadini degli stati membri Ue dichiarano d’aver peggiorato i propri standard di vita per colpa della Ue.

Inoltre, gli italiani che ritengono che la propria voce “abbia un peso” nell’Ue sono appena il 28% contro il 47% della media europea, che comunque non è la maggioranza. Migliorano invece i dati sulla fiducia degli italiani nel Parlamento Europeo con un 36% di opinioni positive: il dato e’ sopra la media europea (33%) e registra una risalita del 6% rispetto allo scorso anno. Da notare però che il vero centro decisionale della Ue non è il Parlamento, ma la Commissione Ue formata da persone che non vengono elette dai cittadini ma nominate dai circoli di potere della stessa Ue.

Secondo Eurobarometro, scende anche la percentuale di italiani che hanno una percezione negativa dell’Europarlamento (dal 32 al 24%). Quasi la meta’ degli italiani chiede un ruolo piu’ forte del Parlamento europeo (47%), in crescita di 3 punti rispetto a un anno fa, mentre il 52% e’ interessato all’appuntamento delle elezioni europee del 2019.

In generale, in linea con i precedenti sondaggi di Eurobarometro, i cittadini europei continuano a manifestare un sentimento di vulnerabilita’ e insicurezza, legato a quattro fenomeni considerati minacce: terrorismo (58%), disoccupazione (43%), poverta’ e esclusione (43%), e immigrazione (35%).

Tra le preoccupazioni seguono il cambiamento climatico (23%), il fondamentalismo religioso (23%), il crimine organizzato (22%), i conflitti armati (21%), gli estremismi politici (20%), le epidemie (10%), i cyber-attacchi, il dumping sociale e privacy (9% ciascuno). Il sondaggio e’ stato realizzato tra il 23 settembre e il 2 ottobre su un campione di 27.881 europei di eta’ superiore ai 15 anni intervistati in tutti e 28 gli Stati membri.

 

 

Redazione Milano

Fonte: Il Nord

 

 

*

code

  1. giannetto 1 mese fa

    Ma chi li fa sti sondaggi del cazzo, che inevitabilmente enfatizzano il “peso” di un’ “opinione pubblica”, nazionale e internazionale, di idioti tele-lobotomizzati e smart-phonizzati? Insomma di teste di rapa. Uomini-massa che sentenziano su quel che “gli pare” con l’unico “cervello” di cui dispongono… quello del “mi piace-non mi piace”. Si vede che si hanno ancora soldi da buttar via per scoop del genere! Mi fa piacere comunque che il nostro poppppolo abbia una testa critica moooolto più avanzata degli altri! Ho strabuzzato gli occhi! Gli ausonii all’avanguardia di una rrrevoluzzzzione anti-UE! Sarà vero? Ma no… sono gli eterni chiagnoni, …le loro commedie mi strappano un “bravò!”.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Aldus 1 mese fa

    Ma che cavolo dicono questi sondaggisti? Pare l’articolo di uno a libro paga della BCE! Ma se la gente non sopporta più né UE né governanti prezzolati, né altro di chicchessia che abbia a che fare con tutta questa struttura merdosa!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Eugenio Orso 1 mese fa

    Per liberarsi di Bce, Ue ed euro è prima necessario liberarsi dalla Nato. Senza il braccio militare globalista/ultraliberista, la Ue sprofonderebbe in un istante …
    Liberarsi dalla Nato è, però, difficile e sommamente rischioso, per ragioni che non è necessario spiegare.

    Cari saluti

    Rispondi Mi piace Non mi piace