Gli israeliani si rendono conto di aver perso la guerra. Netanyahu è il peggior leader ebreo (media israeliani)

“Abbiamo perso la guerra”, è l’amara constatazione di Haaretz secondo cui “Netanyahu è il peggior leader degli ebrei”

Secondo il suo editorialista politico, Haïm Levinson, il fatto di aver perso la guerra “è la conclusione chiara per ogni israeliano”. “è la difficoltà a riconoscerlo che riassume lo stato d’animo dell’opinione pubblica israeliana”, aggiunge. “Siamo di fronte a una realtà chiara, acuta ed esigente, e dobbiamo cominciare ad assorbirla, a comprenderla e a trarne conclusioni per il futuro. Ma non è bello dire che abbiamo perso, quindi mentiamo a noi stessi”.

“Dopo sei mesi avremmo potuto essere altrove, ma siamo prigionieri dei peggiori leader della storia di Israele”, ha osservato Levinson nel suo articolo.

“Non è sicuro che si possa tornare al confine settentrionale in tutta sicurezza”, ha spiegato, sottolineando che “Hezbollah ha cambiato l’equazione a suo favore”.

“Ora c’è un’alta probabilità che nel corso degli anni qualsiasi viaggio verso il confine settentrionale venga preso di mira”, ha aggiunto Levinson. Non tutti i prigionieri torneranno. Qualsiasi minaccia iraniana ci scuoterà. La nostra reputazione internazionale ha subito un duro colpo. La nostra debolezza di leadership è stata messa a nudo”.

L’editorialista di Haaretz ritiene che “per anni siamo riusciti a ingannare di essere forti, con persone intelligenti e un esercito molto potente. Praticamente siamo un piccolo villaggio ebraico con un’aviazione militare”.

Parte della difficoltà nell’ammettere di aver perso deriva dalla sacralità dell’esercito, perché era proibito dire una parolaccia sull’esercito. Solo il 7 ottobre potremmo dire – a un certo punto – che è una vergogna”, ha scritto.

“Rafah è la nuova truffa venduta dalle trombe di propaganda per dirci che siamo di fronte a una vittoria”, ha detto, sottolineando che “nel momento in cui entreranno a Rafah, l’evento perderà tutto il suo significato”.

La settimana scorsa, il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu ha dichiarato di essere “ad un passo dalla vittoria”, pur insistendo che l’offensiva contro Rafah avrà luogo. L’esercito di occupazione israeliano aveva ritirato la maggior parte delle sue unità nel sud della Striscia di Gaza, dopo diverse operazioni a Khan Younes, durante le quali, secondo Hamas, sono stati uccisi almeno 15 soldati israeliani.

“La verità è che gli obiettivi della guerra non saranno raggiunti. Hamas non sarà distrutto. I prigionieri non verranno riportati indietro sotto la pressione militare. La sicurezza non tornerà”, obietta Levinson di Haaretz.

E ha proseguito: «più suonano le trombe: vinciamo, più perdiamo. Mentire è uno di questi. Dobbiamo abituarci. La vita è meno sicura di quanto lo fosse prima del 7 ottobre. Il duro colpo durerà per molti anni”, ha detto.

E per concludere: “L’isolamento internazionale non scomparirà. I morti non torneranno. E nemmeno molti prigionieri. »

Il capo del Mossad David Barnea, incaricato di guidare la delegazione israeliana per i negoziati indiretti con Hamas al Cairo, aveva informato Netanyahu che il rilascio di tutti gli ostaggi israeliani con una tregua sarebbe stato impossibile e che nel migliore dei casi avrebbero potuto essere rilasciate solo 40 persone, ha riferito il Times of Israel. .

Si fa sempre più strada tra gli osservatori israeliani il parere sfavorevole del primo ministro. In un altro articolo di Haaretz, Anshel Pfeffer afferma che “tutti saranno d’accordo sul fatto che Netanyahu è il peggior leader del popolo ebraico” e “l’unica cosa che conta per lui è il suo potere duraturo e il modo in cui la storia lo menzionerà. »

Nei media americani, il New York Times ha fatto eco al pessimismo dei media israeliani. Ha rivelato che molti all’interno dell’esercito israeliano rivolgono le loro critiche a Netanyahu “per non aver preso decisioni difficili”.

In un’analisi, il quotidiano americano ritiene che “Israele sta vacillando e rischia di perdere la guerra a Gaza”. Sottolinea che Hamas è tornato nelle aree che erano state svuotate dai miliziani.

Conbattenti palestinesi

Opinione altrettanto sfavorevole è stata espressa dal Guardian che ritiene “che Israele si trovi di fronte ad una grande sconfitta strategica legata alla sua reputazione gravemente danneggiata, anche tra i suoi sostenitori più entusiasti”.

Secondo il quotidiano britannico, “la guerra a Gaza rivela la caduta dell’Occidente che sta pagando il prezzo della sua arroganza”.

In “Israele” sentimenti negativi invadono gli israeliani a causa della continuazione della guerra nel sud e nel nord. Secondo il quotidiano Maariv, citando un recente sondaggio, il 68% di loro nutre sentimenti negativi e gli under 60 sono i più pessimisti.

Un precedente sondaggio di pochi giorni fa rivelava che il 62% degli israeliani non è soddisfatto dei risultati della guerra.

Inoltre, riferisce il canale qatariota al-Jazeera, i sondaggi mostrano anche che tre quarti degli israeliani vorrebbero che Netanyahu si dimettesse dal governo.

Impegnato in un braccio di ferro con diversi partiti israeliani e gran parte dell’opinione pubblica, volendo imporre modifiche legali contestate, che avevano profondamente diviso la società israeliana, il fallimento della sicurezza causato dall’operazione di Hamas, Flood of al-Aqsa, il 7 ottobre, danneggiò ulteriormente la sua popolarità. La sua incapacità di raggiungere i suoi obiettivi dopo 6 mesi di guerra omicida lo ha portato al punto più basso. Se perde la guerra, gli israeliani non lo perdoneranno mai. Né la storia.

Fonte: Al Manar

Traduzione: Fadi Haddad

10 commenti su “Gli israeliani si rendono conto di aver perso la guerra. Netanyahu è il peggior leader ebreo (media israeliani)

  1. Che gli ebrei non siano mai stati dei santi è cosa nota, che gli ebrei fossero stati sempre militarmente invincibili è stato possibile fino a che hanno combattuto contro pastori e guerriglieri armati solo di fucili e qualche razzetto. Quando il livello di armamenti si è alzato anche per i nemici degli ebrei si è visto crollare il castello di sabbia israeliano, sempre decantato ma mai messo a dura prova. In Medio Oriente per loro inizieranno tempi duri.

  2. E come ciliegina sulla torta di quanto esposto, sta arrivando l’attacco iraniano che non sarà dolce di sale. Meglio che abbandonano la Palestina, dopo quanto accaduto, per loro é come star seduti su una polveriera, che prima o poi li distruggerà.

  3. Il nemico di Israele sono gli ebrei, hanno perso il medioriente, il mediterraneo, e rivelato quello che sono assassini e razzisti hanno imparato dai loro amici tedeschi.

  4. II cosiddetti ebrei si sono fatti prendere in giro dalla loro “élite” fin dall’inizio: La ebraizzazione forzata di 1300 anni fa e il convincerli che sono i discendenti degli Ebrei della Palestina è stato un errore tremendo. Uno si può convertire alla religione che desidera o gli viene imposta, ma credere di avere il sangue originario è un’altra cosa. Un Italiano si può convertire al Buddhismo, ma il suo sangue non è Cinese. Da questo errore voluto, è discesa tutta quella serie di disgrazie e sventure di un Popolo che poteva godersi la vita, invece di subire angherie della sua “élite” e guerre causate dalla stessa “élite” di mediocri. Sono tutti peggiori questi appartenenti alla “élite” “ebrea”.

    1. Concordo. Di sangue diretto o meno sono comunque dei macellai pazzi e sanguinari. Invasivi e nocivi come le locuste. Saluti

  5. La soluzione finale israeliana di poter sconfiggere e bruciare tutti i nemici non ci sarà. E menomale aggiungo. Che la guerra fosse invincibile, come quella ucro visti gl’ obbiettivi irraggiungibili, ne parliamo da mesi. Scoprono l’ acqua calda i giornalisti sionisti. Quello che noto è mi repelle delle loro dichiarazioni è che colpevolizzano solo Nettanyau, ipocriti oltre che bugiardi con sé stessi. Neanche una parola di dispiacere per il GENOCIDIO della popolazione palestinese innocente. Ne’ sulle politiche razziste e prepotenti delle loro colonie. Ne’ sul loro rifiuto d’ accettare la soluzione a due stati, rigettando tutte le richieste arabe. Malvagi fino al midollo.

  6. Ora dire è scrivere che Israele ha perso la guerra sono fandonie la verita è tutt’altra cosa, non si può negare evidenzia, che Israele con queste azioni abbia perso la faccia e sia indifendibile questo si, sicuramente avrà sempre meno simpatizzanti e pochissimi amici, ma sul piano bellico a stravinto, certo gli erano degli straccioni impreparati e senza armi come potevano vincere contro un esercito forte e ben preparato.

  7. Ma di che guerra parlano????
    A gaza c’ e’ solo un genocidio.
    Queste polemiche servono solo a coprirlo, a cercare di distogliere l attenzione dai 300000 civili uccisi..con le bombe e di fame e sete!

  8. Israele si appresta a completare il genocidio a Gaza, i palestinesi , quelli che si saranno salvati, saranno quindi spostati in tende fuori dai loro territori.
    La reputazione di Israele dopo tutto ciò che ha fatto? La verità è che non gliene importa a nessuno.

  9. non è che provano vergogna e disgusto nell’aver ucciso civili inermi e a maggior ragione 20.000 bambini. non si preoccupano che hanno perso la guerra. Annientateli questi psicopatici e nazisionisti. Maledetti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM