Gli israeliani prendono nota: la resistenza armata all’occupazione è legale, non terrorismo

Nonostante ciò che dice il diritto internazionale, il pubblico israeliano ha interiorizzato l’idea che, per definizione, non esiste una legittima lotta palestinese per la liberazione nazionale

Di Orly Noy

È dubbio che più di una manciata di ebrei in Israele possa dirvi con precisione quanti raid l’esercito israeliano ha condotto la scorsa settimana nelle città palestinesi in Cisgiordania, il numero degli arresti che hanno effettuato o del numero di persone che hanno ucciso.

Allo stesso tempo, è dubbio che ci fosse più di una manciata di israeliani che non avevano sentito parlare della sparatoria su un autobus di soldati nella Valle del Giordano, domenica 4 settembre.

Un palestinese che spara ai soldati israeliani – al contrario degli israeliani che sparano ai palestinesi – non è solo un’allarmante storia di “uomo che morde il cane”, fatto che inverte l’ordine abituale, richiedendo ampi rapporti; in tutti quei rapporti, l’evento è stato definito come un attacco terroristico e gli autori palestinesi come terroristi.

Brutalità israeliana

Non una parola su come la sparatoria abbia preso di mira i soldati di un esercito di occupazione e sia avvenuta su un territorio occupato.

I media israeliani hanno un ruolo chiave nel plasmare la coscienza pubblica per servire la macchina di propaganda dell’establishment, mantenendo il pubblico israeliano completamente all’oscuro dei fatti più basilari.

L’opinione pubblica israeliana, in generale, ha completamente interiorizzato l’idea che, per definizione, non esiste una legittima lotta palestinese per la liberazione nazionale.

Come per la completa cancellazione della linea dell’armistizio del 1949, nota anche come Linea Verde, dalla coscienza israeliana – al punto che la sola menzione della sua esistenza da parte del comune di Tel Aviv provoca minacce da parte del Ministero dell’Istruzione – così anche la coerente etichettatura di qualsiasi lotta palestinese in quanto il terrorismo oscura l’importante distinzione prevista dal diritto internazionale tra un’azione contro i combattenti e un’azione diretta contro i civili.

Un diritto legittimo
Il fatto è che il diritto internazionale riconosce il legittimo diritto di un popolo a lottare per la sua libertà, e per “la liberazione dal controllo coloniale, dall’apartheid e dall’occupazione straniera con tutti i mezzi a sua disposizione, inclusa la lotta armata”, come confermato, ad esempio, da una risoluzione dell’Assemblea generale delle Nazioni Unite nel 1990.

L’uso della forza per ottenere la liberazione è legittimo. Il modo in cui viene usata la forza è regolato dalle leggi di guerra, il cui scopo principale è proteggere i civili non coinvolti da entrambe le parti.

La sparatoria nella Valle del Giordano non ha preso di mira i civili e non può essere considerata un atto terroristico. È stato un atto di resistenza armata contro una potenza occupante, su un territorio occupato.

Il regime israeliano e la sua doverosa eco, i media israeliani, trattano ogni azione contro le forze di occupazione in terra occupata esattamente come se fossero azioni contro i civili nel cuore di Tel Aviv: come atti terroristici perpetrati da terroristi.

Questa fusione non solo nega una base legale o morale per l’atto; è anche contrario agli interessi dei cittadini israeliani.

Le relative leggi di guerra sono concepite in primo luogo per proteggere i civili che non partecipano al ciclo della violenza e per limitare tale violenza ai combattenti effettivi.

Israele, tuttavia, non riconosce tale categoria di combattenti palestinesi; dal punto di vista di Israele, qualsiasi resistenza, anche non violenta, alla sua occupazione e oppressione rappresenta un pericolo per la sicurezza che è facilmente riconosciuto come terrorismo, come quando Israele ha recentemente dichiarato che le sei più importanti ONG palestinesi sono organizzazioni terroristiche .

Questa è una distorsione a doppio senso da parte di Israele. Proprio come tratta ogni azione palestinese, anche quelle dirette contro i soldati, come atti di terrorismo, allo stesso modo Israele dipinge come legittima qualsiasi azione israeliana intrapresa contro i palestinesi, anche quando quei palestinesi sono civili.

Una tipica brutalità
Per un esempio particolarmente oltraggioso di questa politica, si considerino le conclusioni finali pubblicate dall’esercito israeliano in merito alla sparatoria mortale della giornalista Shireen Abu Akleh .
L’esercito ha inizialmente affermato che Abu Akleh è stato uccisa da colpi di arma da fuoco palestinesi , una palese bugia che è stata esposta da una serie di organi di stampa che hanno esaminato minuziosamente le prove. Anche la versione riveduta successivamente pubblicata dall’esercito è tutt’altro che congruente con le prove.

L’avvocato generale militare ha annunciato che non sarebbe stata aperta alcuna inchiesta , nonostante l’agghiacciante ammissione che Abu Akleh, con indosso un giubbotto che la identifica chiaramente come giornalista, è stata colpita a morte da un soldato usando il mirino telescopico di un fucile da cecchino – che ingrandisce il bersaglio di un fattore quattro.

Altrettanto vergognosa è stata la risposta israeliana alla piccolissima richiesta americana di “dare un’altra occhiata” alle procedure a fuoco aperto dell’esercito in Cisgiordania.

Non che l’esercito smetta di uccidere persone innocenti, Dio non voglia, né che fermi le infinite invasioni delle città della Cisgiordania, gli arresti di massa, i rapimenti notturni di bambini dai loro letti – solo che si adopererà un po’ di più, se non è troppo difficile evitare altri casi del genere.

I potenti Stati Uniti preferiscono non trovarsi impantanati in questi casi perché la vittima possiede la cittadinanza americana, come nel caso di Abu Akleh.

Anche la cortesia di prestare a parole questa richiesta minore non è stata imminente da parte di Israele, che ha risposto con la tipica brutalità . Il primo ministro Yair Lapid si è affrettato a dire agli americani che “nessuno ci detterà regole sul fuoco aperto”.

Il ministro della Difesa Benny Gantz, nello stesso spirito, ha dichiarato: “Il capo di stato maggiore, e solo lui, determina e continuerà a determinare le politiche del fuoco aperto”.

In altre parole, Israele ha messo in guardia gli americani, anzi il mondo intero: nessuno dirà a Israele quanti, chi, quando, dove o come uccideremo. E lì la questione finisce, fino alla prossima volta.

Fonte: Information Clearing House

Questo articolo è disponibile in francese sull’edizione francese di Middle East Eye .

Traduzione: Luciano Lago

2 Commenti
  • antonio
    Inserito alle 13:50h, 19 Novembre Rispondi

    Lo dicono alla Palestina ?

  • andrearossidevrgnano
    Inserito alle 14:15h, 19 Novembre Rispondi

    “rapimenti notturni di bambini dai loro letti” anche se i bambini nn avevano cosiddetto ((a)sintomatico) Corona Vìrus Disease ?

Inserisci un Commento