GLI HOUTHI HANNO ATTACCATO LA EILAT ISRAELIANA, UNA PETROLIERA AMERICANA NEL MAR ROSSO

Il 19 marzo, la città di Eilat, nel sud di Israele, ha subito un attacco missilistico dagli Houthi yemeniti (movimento Ansar Allah). Il portavoce militare dello Yemen, Yahya Saree, ha riferito che diversi missili da crociera hanno preso di mira obiettivi nell’area di Umm al-Rashrash vicino alla città, che è un importante porto israeliano. Secondo l’ufficiale militare, i missili hanno colpito tutti gli obiettivi designati.

L’esercito israeliano ha riconosciuto che l’esplosione avvenuta nell’area è stata causata dall’impatto di un missile da crociera proveniente dallo Yemen.

Petroliera USA

Questo è il primo attacco riuscito a Eilat da parte delle forze yemenite. Gli altri attacchi con droni sono stati lanciati dalle fazioni della resistenza dal territorio siriano.
Inoltre, gli Houthi hanno riferito di un altro attacco contro una nave americana in viaggio nel Mar Rosso. Un rappresentante del movimento ha affermato che la petroliera americana Mado è stata colpita da missili antinave.

La Marina yemenita ha condotto un’operazione utilizzando diversi missili antinave, che hanno preso di mira la nave americana Mado nel Mar Rosso”, ha detto Yahya Saree.

Questa nave trasporta gas di petrolio liquefatto e naviga sotto la bandiera delle Isole Marshall.

Gli Houthi hanno attaccato oltre 60 navi affiliate a Israele e altre di proprietà di Stati Uniti e Regno Unito nel Mar Rosso e nel Golfo di Aden dallo scorso novembre in risposta alla guerra israeliana e all’assedio di Gaza. In risposta, negli ultimi mesi gli Stati Uniti e il Regno Unito hanno lanciato centinaia di attacchi contro le aree controllate dagli Houthi nello Yemen.
Almeno 34 persone sono state uccise negli attacchi. Nonostante questo, gli Houthi continuano nei loro attacchi alle navi collegate a Israele e Stati Uniti.

Fonte: South Front

Traduzione: luciano Lago

8 commenti su “GLI HOUTHI HANNO ATTACCATO LA EILAT ISRAELIANA, UNA PETROLIERA AMERICANA NEL MAR ROSSO

  1. Bene, benissimo, non solo gli Houthi colpiscono navi affiliate o dirette verso lo stato sionista e le unità navali della flotta imperialista, schierate a loro protezione, ma dispongono di missili da crociera con gittata in grado di colpire direttamente i porti ebraici ! I grandi strateghi occidentali pensavano che con qualche settimana di furia genocida su Gaza avrebbero distrutto Hamas e liberato gli ostaggi, e che, con la loro flotta, e i raid arei sullo Yemen, avrebbero fermato gli Houthi a garanzia della cosiddetta “libertà di navigazione”, cioè dei rifornimenti per l’entità sionista ! Credo proprio che abbiano sbagliato qualcosa ! https://www.nuovogiornalenazionale.com/index.php/estero/16751-israele-telecamera-conferma-missile-houthi-su-eliat.html

    1. possa un giorno succedere,,,,una grande festa universale di tutti i popoli liberi che con umiltà abbiano onorato la vita ed il bene comune,
      ho l’impressione che se ne stiano creando le basi,,,,,

  2. Gli Yemeniti sono di poche parole, non sono chiassosi come i rozzi cowboy e c. …………………….. ma DISTRUGGONO E AFFONDANO il nemico. Le FF. AA. Yemenite si confermano micidiali. L’arsenale ha avuto nuove armi e sono in arrivo sorprese …………………………. missili con gittate di 5.000 km ………….
    l’Ucraina e l’Italia sono nel raggio operativo …………………Ha ha ha ha ha !!!!!!! Tremate “élite” di ignoranti !

  3. È evidente ormai il completo fallimento delle operazioni naziusa Prosperity Guardian ed Aspides. Nonostante siano state istituite una per distruggere la Minaccia yemenita al passaggio dei natanti per Suez, l’ altra per impedire ai convogli marittimi d’ essere colpiti. E non solo Ansarallah attacca ancora e sempre in maggior numero le imbarcazioni, ma attacca anche il territorio sionista. Infatti di tale figura demmerda, i media occidentali, manco hanno il coraggio di parlare. Stolti.

  4. La Resistenza Irachena ha bombardato 2 volte in una settimana l’aeroporto Ben Gurion a Tel Aviv. La fase due degli attacchi, già iniziata, è volta a fare il blocco dei porti israeliani, e stanno pure bombardando le basi americane.

  5. L’ escalation d’ attacchi d’ Ansarallah dimostra sul campo il totale fallimenti delle missioni nazi Usa Prosperity Guardian ed Aspides. La prima più che altro concentrata ad attaccare lo Yemen per neutralizzare i guerriglieri. La seconda sulla carta a garantire l’ incolumità dei convogli marittimi. Un insuccesso clamoroso totalmente coperto dalla propaganda Nato.

  6. Volere è potere !
    Lo Yemen vuole vendicarsi per i bombardamenti Israeliani e atti di guerra che Israele ha fatto a danno dello Yemen negli ultimi 10 anni !
    Lo Yemen ha deciso perciò di prendere due piccioni con una solo fava : 1) mettere fine alla invasione dello Yemen da parte di Arabia Saudita paesi USA & NATO ed Israele che ormai dura da circa 14 anni !
    2) Lo Yemen cerca anche di porre fine al Genocidio del popolo Palestinese compiuto da Israele con la complicità dei paesi USA & NATO . Con il blocco parziale navale commerciale lo Yemen pacificamente metterà fine al Genocidio Palestinese !
    Lo Yemen attaccano direttamente Israele con vecchi armamenti vetusti oppure con nuovi armamenti rozzi e sempliciotti molto economici vuol far capire che ha la capacità militare è umana di colpire e sfidare le più potenti e ben armate forze armate esistenti al mondo che sono quelle Israeliane malgrado siano aiutate militarmente dagli USA & NATO !

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM