Gli Houthi avvertono: “Quali che siano le conseguenze, Israele non avrà sicurezza nel Mar Rosso”

Lo Yemen ribadisce che le vie navigabili internazionali sono sicure per tutte le navi tranne quelle israeliane o quelle dirette verso i territori occupati.

Sanaa ha dichiarato esplicitamente che solo le navi israeliane, quelle dirette verso Israele o le navi affiliate, sono obiettivi di attacchi, e che tutte le altre navi, provenienti da qualsiasi parte del mondo, non saranno prese di mira ”, ha detto giovedì il portavoce del movimento popolare yemenita Ansarolá, Mohamad Abdel Salam, in dichiarazioni offerte alla rete europea Euronews .

Riguardo alla coalizione navale che gli Stati Uniti intendono formare per fermare gli attacchi delle forze armate yemenite contro gli interessi israeliani nel Mar Rosso, Abdel Salam ha sottolineato che il loro vero e unico obiettivo è proteggere Israele, e non sono riusciti a convincere il mondo su possibili rischi nel Mar Rosso o nel Mar Arabico.

A questo proposito, ha osservato che gli Stati Uniti hanno cominciato a fare pressione su alcune compagnie di navigazione affinché interrompano il transito delle loro navi attraverso il Mar Rosso, costringendo così alcune nazioni ad unirsi alla coalizione.

Lo Yemen ha messo in guardia gli Stati Uniti e i suoi partner sulla militarizzazione del Mar Rosso e ha affermato che intensificherà i suoi attacchi contro i nemici se il blocco di Gaza continuerà.

Missili degli Houthi in parata a Sana’a

Il funzionario di Ansarollah ha precisato che il blocco dello Yemen contro il nemico sionista si basa su principi religiosi, etici, umanitari e nazionali, e Sana’a “comprende le conseguenze di questa decisione, ma le ripercussioni più gravi si avrebbero se la questione della Palestina fosse non affrontata e il popolo palestinese abbandonato al genocidio.” ” .

Dall’inizio della guerra genocida dell’entità sionista contro la Striscia di Gaza il 7 ottobre, lo Yemen ha lanciato diversi round di attacchi missilistici e droni contro obiettivi israeliani e ha promesso di impedire il passaggio di navi dirette verso i territori occupati attraverso il Mar Rosso.
Lo Yemen ha più volte assicurato di garantire una navigazione sicura nel Mar Rosso a tutte le navi, ad eccezione di quelle destinate ai porti del regime israeliano. Tuttavia, ha promesso di continuare le operazioni finché Israele non fermerà la brutale campagna di aggressione contro Gaza, che ha causato la morte di oltre 21.000 civili.

Nota: Basterebbe una telefonata del pres. Biden a Netanyahu per imporgli di bloccare lo sterminio dei palestinesi a Gaza, minacciando di sospendere la fornitura delle bombe USA che utilizza Israele, e tutto sarebbe risolto, gli Houthi non colpirebbero più le navi dirette a Israele e la situazione si normalizzerebbe. Una telefonata può salvare molte vite ma Biden non la farà mai. Il vecchio guerrafondaio preferisce la guerra e Washington vuole prendere a pretesto gli Houthi per colpire l’Iran. Avranno qualche sorpresa.

Fonte: Hispan Tv

Traduzione e nota: Luciano Lago

7 commenti su “Gli Houthi avvertono: “Quali che siano le conseguenze, Israele non avrà sicurezza nel Mar Rosso”

  1. Facendo riferimento alla Nota in coda all’interessante articolo, credo che la telefonata di biden a netanyahu almeno per ora non arriverà e il massacro a Gaza continuerà senza contrasti con il supporto usa, perché il demente senile biden è eterodiretto e chi ne muove i fili è ebreo o almeno filo-sionista … Ricordiamoci che gli usa regalano circa 3,8 miliardi di dollari l’anno all’entità sionista, sottraendoli alla loro popolazione, mente oltre 14 miliardi di “regalie” aggiuntive sono ancora bloccati al senato, per merito di Trump in veste di “guastatore” e dei suoi.

    Le armi e le munizioni usa, oltre che le iniezioni di dollari, sono fondamentali per la sopravvivenza dell’entità sionista in Palestina, altro che il turismo!

    Cari saluti

    1. Se i pirati con partaerei Dwight David Eisenhower e flotta oseranno attaccare le basi dei patrioti yemeniti di Ansarullah, capiranno che gli Huthi sono diventati maestri nella saturazione delle difese aeree del nemico, fin dai tempi dei bombardamenti in arabia saudita, cioè lanceranno una sufficiente quantità di missili e droni in modo da saturare le batterie antiaeree e antimissile presenti sulle unità di scorta alla portaerei … e qualche oggetto passerà di sicuro lo sbarramento, indenne, con buone probabilità di colpire la Eisenhower (forse anche altre unità minori) e fare dei bei danni ai pirati internazionali.

      Cari saluti

  2. Le portaerei americane contro gli Houthi non servono, quindi Israele è meno forte di quel che sembra,forte con vecchi, donne e bambini, e alla fine perderà Israele

  3. Il vecchio guerrafondaio fa quello che hanno sempre fatto tutti i suoi connazionali fin dagli albori essendosi essi fondati sullo sterminio di 25 milioni di nativi americani ed avendo essi come festa nazionale proprio quella che celebra l’inizio di questo sterminio. Gli S.U. sono sempre stati in guerra contro qualcuno per tutta la loro storia ed hanno fondato il loro “sviluppo” e la loro dominazione proprio su di essa. Ad esempio per comandare a bacchetta noi europei hanno utilizzato 2 guerre mondiali. L’indole statunitoide è questa e lo dimostra il fatto che negli S.U. ci sono 320 milioni di armi regolarmente registrate (in media una per abitante) più tutte quelle numerosissime non legali.
    Gli S.U. sono un gigantesco cancro piazzato là tra i due oceani che spara metastasi in ogni parte del mondo e sono loro il principale ostacolo che si frappone verso la vera libertà che può essere basata solo su un equo sviluppo di tutta l’umanità.

  4. Ma se questi beduini riuscissero come dite voi a saturare lo spazio aereo coi loro missili e colpissero una nave americana , cosa pensare succederebbe ? speriamo per la povera popolazione yemenita , gia ridotta alla fame che una cosa del genere non succeda mai… piuttosto auguriamoci che Iran e Israele si mettano a massacrarsi tra loro , fino all ultimo scopa cammelli … e poi petrolio a fiumi , tappeti fatti a mano a basso costo ….

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM