Gli evangelisti americani sono pronti a seguire i sionisti fino all’ Armageddon?

di Phil Butler (*)
Per tutte le persone che vogliono che la fine dei giorni arrivi prima piuttosto che dopo, basta trovare una chiesa in cui parla l’autore Dr. Mike Evans. Sarà il primo a dire alle congregazioni di 500 o più persone che bombardare l’Iran è l’unico modo per salvare Israele. L’ex guerrafondaio superstar del Club dei 700 sostiene che l’America può evitare l’Armageddon solo avviandolo. No davvero. Le congregazioni là fuori sembrano completamente pronte per l’inizio della “grande cavalcata”.

L’ultimo rapporto di Evans sul Jerusalem Post, intitolato “L’America deve bombardare l’Iran”, scatena l’odio sionista verso i musulmani sunniti e sciiti. Evans e i suoi benefattori si assicurano che ogni buon cristiano sia un odiatore degli arabi, un odiatore della Russia, un odiatore della Cina e un bigotto contro tutti e tutto ciò che non è nell’interesse di Israele. Ci si aspetta che i buoni cristiani applaudano i sionisti che fanno esplodere i bambini e le loro mamme in cielo o li seppelliscono sotto cento tonnellate di macerie a Gaza.

Appare spesso su Fox News (Rupert Murdoch), CNN World News (David Zaslav), NBC (Brian L. Roberts), ABC (Disney-Vanguard Group), CBS (Shari Redstone), Wall Street Journal (Rupert Murdoch), USA Today (Softbank giapponese), Washington Times (Chiesa dell’Unificazione – Sun Myung Moon ) e Jerusalem Post (Eli Azur).

Non è interessante il numero di proprietari ebrei che controllano questi conglomerati mediatici? E i due proprietari, non di convinzione sionista, certamente non nutrono alcun affetto nei confronti del popolo americano o dei greci, del resto. Pat Robertson del 700 Club, recentemente scomparso, ha insistito sul bombardamento dell’Iran per decenni e spesso trasmetteva da Israele durante l’apice del successo del Christian Broadcasting Network. Lo spettacolo è un bastione della cosiddetta fede giudaico-cristiana. Le basi dell’irrealistico sostegno cristiano a Israele, qualunque cosa accada, sono un argomento molto più profondo. Tuttavia, i lettori potrebbero voler dare un’occhiata all’Hudson Institute…

Per continuare, Mike Evans e il 99% dei media americani non sono i soli a invocare l’inizio dell’Armageddon domani. Mark Wallace, amministratore delegato di United Against Nuclear Iran, ha recentemente affermato: “In questo momento, l’unica risposta adeguata agli iraniani è una risposta militare”. Wallace, che scatena l’inquietudine della CIA, Wallace è anche a capo del Counter Extremism Project (CEP), il Progetto per la democrazia turca. Era anche un consigliere senior del defunto senatore e pazzo guerrafondaio John McCain. Per quanto riguarda il Progetto Turco, si tratta di un cambio di regime che nasce dal sogno unitario di spodestare il presidente turco Recip Erdoğan (vedi Gatestone e John Bolton). Durante la ricerca su Gatestone, esamina l’ereditiera di Sears & Roebuck Nina Rosenwald e il suo Fondo centrale per gli sforzi israeliani. Questa tana del coniglio di sionisti, neoconservatori ed élite dominanti è infinita, quindi andiamo avanti.

Missili Iraniani

Armageddon, ne ho parlato all’inizio. Quindi, quello che abbiamo nella squadra blu sono americani propagandati dai loro predicatori per amare Sion e odiare gli arabi. E in particolare i musulmani iraniani (vedi l’esilio dello Scià dell’Iran per il contesto). Abbiamo anche i noiosi Lord e Ladies britannici, i banchieri lussemburghesi e di Francoforte, le stesse vecchie élite reali europee, il Giappone e stati amici sparsi nelle trincee. Nella squadra rossa c’è l’Iran e praticamente l’intero mondo musulmano, probabilmente la Russia e molto probabilmente la Cina, che prendono il posto degli iraniani e di altri giocatori che vedrebbero presto le pianure di Tel Megiddo irradiate. È fondamentale esaminare la situazione ucraina e come ciò abbia migliorato le relazioni Mosca-Teheran. Più Russia e Iran sono vicini, maggiori sono le possibilità di uno scontro impensabile.

Infine, non è esagerato presumere che le chiese in America siano state a lungo infiltrate e costrette ad assumere una posizione assolutamente filo-sionista. I media e il settore finanziario sono in stragrande maggioranza anti-musulmani e filo-sionisti. Ad aggravare il problema c’è il fatto che queste istituzioni dell’Occidente sono anti-russe, anticinesi e contro tutto ciò che ostacola il dominio mondiale totale e il dominio su tutti noi.

Non è più una teoria del complotto. Stiamo finalmente assistendo all’autentica cospirazione delle élite mondiali (sioniste e altre) per governare tutto una volta per tutte. E dove andrà a finire?

“E li radunarono nel luogo che in ebraico si chiama Har-Maghedon”. – Apocalisse 16:16

*Phil Butler, è un investigatore e analista politico, un politologo ed esperto dell’Europa dell’Est, è autore del recente bestseller “ Putin’s Praetorians ” e di altri libri. Scrive esclusivamente per la rivista online “New Eastern Outlook” .

4 commenti su “Gli evangelisti americani sono pronti a seguire i sionisti fino all’ Armageddon?

  1. Non bastava loro la generosa folla che hanno di “imbecilli”? Nessuno quanto gli americani può vantare soggetti fuori dalla realtà come i stessi americani.

    Ora capisco il perché in A-m-er-ic-a tutto è preso come un gioco, peccato che a pagare tale gioco siano sempre gli altri!

  2. Ciò ci dimostra una volta di più quanto gli ebrei “pesino” negli usa e quanto riescano a manipolare quel paese …
    Geniale e perversa l’idea di manipolare la fede religiosa cristiana, particolarmente delle sette, per legarla al sionismo e all’entità sionista in Palestina.
    Un articolo veramente ottimo, breve ma intenso …

    Cari saluti

  3. I pazzi criminali anglo sionisti bramano tanto l’armageddon … sanno che avrebbe inizio in Medio Oriente, ma purtroppo per loro (e per noi che siamo dalla parte sbagliata della storia e del mappamondo), non si fermerà li, ma finirà con la distruzione, nell’ordine, di sionisti, UE, UK e USA !

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM