Gli europei meritano ciò che li attende?

di The Saker

Sono nato in Svizzera, probabilmente il cuore dell’Europa, e da europeo di nascita, se non di cultura, penso di dover affrontare la questione della responsabilità dell’europeo comune per quanto sta accadendo in Ucraina e in Serbia.
Non credo nella colpa collettiva, quindi la risposta breve è “no”.

Ma credo nelle conseguenze e credo nella giustizia di Dio (e nell’amore, ovviamente!). In altre parole, non credo che tu possa commettere cattive azioni e farla franca: prima o poi dovrai pagare, soprattutto se non ti penti delle tue cattive azioni.
Inoltre, sono consapevole che l’UE è una colonia/protettorato americano, ma lo era anche gran parte del mondo.

Perché può esserci una reale resistenza all’Impero in America Latina o in Africa e nessuna nell’UE? Cuba dovrebbe iniziare a inviare soldati, medici e ingegneri nell’UE (sto scherzando!)?

[Quando ero bambino, ricordo tutti i movimenti di protesta e di resistenza che esistevano in Europa, che fossero gli ambientalisti antinucleari (per lo più pacifici), i sindacati in sciopero, la RAF in Germania, l’IRA in Ulster, l’ETA in Spagna o anche i vari gruppi etnici curdi, armeni, palestinesi e altri che erano impegnati in vari gradi di resistenza violenta contro lo stato. Anche nella piccola Svizzera, abbiamo avuto gli autonomisti del Giura con metodi creativi di resistenza! Ciò non significa che approvo tutto questo, solo che ricordo un periodo in cui in Europa c’era una vera resistenza. Gli europei di oggi sono in grado di resistere in modo significativo a qualcosa di questi tempi? ne dubito fortemente].
Penso che possiamo tranquillamente affermare che l’UE è la colonia più docile, codarda e più fedele all’Impero. Come mai ? Probabilmente perché tutte le altre colonie sapevano che il loro status coloniale non sarebbe mai cambiato sotto il dominio anglo-sionista, mentre gli europei speravano in qualche modo di ” elevarsi ” come ” barboncini ” di zio Sam . E, in fondo, l’imperialismo è nato in Europa (con le Crociate) e non nel Nuovo Mondo.

Si potrebbe pensare che ormai anche il politico più stupido dell’UE si renderebbe conto che le sanzioni anti-russe danneggiano quasi esclusivamente l’Europa. Eppure cosa vediamo? Sono ancora lì e raddoppiano ancora una volta. Guarda questo titolo: ” L’UE è pronta a congelare i beni della società madre di RT – media “. Leggetelo, vedrete che è una repressione diretta e insindacabile della libertà di espressione. E mentre agli europei doppiamente ben intenzionati e politicamente corretti piace (mal)citare Voltaire e proclamare con orgoglio ” Non sono d’accordo con quello che dici ma difenderò fino alla morte il tuo diritto di dirlo “, quando in realtà non lo fanno non importa.

Non è nuovo.

Quando gli anglo-sionisti lanciarono una guerra di aggressione TOTALMENTE ILLEGALE contro la nazione serba e un paese, la Jugoslavia, che era un membro fondatore del Movimento dei Non Allineati, gli orgogliosi europei lo fecero (vedi immagine).
Al meglio !

Molti hanno partecipato attivamente al martirio della nazione serba. Di nuovo. Allo stesso modo in cui gli europei hanno tradito i serbi nella seconda guerra mondiale. E ora lo stanno ancora facendo (vedi le minacce dell’UE al Kosovo).

E, attenzione, per tutti questi anni il terrorismo dell’UCK in Kosovo è stato pienamente sostenuto e persino aiutato da KFOR ed EULEX (quest’ultima entità chiamata modestamente Missione dell’Unione Europea sullo Stato di diritto in Kosovo ) (il corsivo è nostro).
E, ancora una volta, dal Vecchio Continente si sente solo un silenzio assordante. O quello o minacce.
Il saggio ammonimento di Yehuda Bauer è stato da tempo dimenticato:
Non sarai una vittima.
Non sarai un aggressore.
E soprattutto,
non sarai uno spettatore.

Rendendo l’UE complice dell’aggressione americana contro la Serbia, gli Stati Uniti si sono assicurati per sempre la lealtà degli europei, poiché ora non sono solo legati da legami culturali o coloniali, ma sono anche complici dello stupro della Serbia, del Maghreb e il Mashreq, l’Afghanistan e tutti gli altri paesi che soffrono sotto il giogo dell’Egemone.

L’attacco anglo-sionista alla Jugoslavia è stata la Kristallnacht del diritto internazionale, l’evento che ha causato tutti gli orrori che vediamo oggi. Eppure, lungi dal comprendere (e persino ammettere!) il crimine di aggressione (il peggior crimine del diritto internazionale, al di sopra persino del genocidio o dei crimini contro l’umanità!) e dal mostrare alcun rimorso, i leader europei hanno mantenuto la rotta mentre i ” comuni ” i cittadini europei l’hanno semplicemente ignorato come i bravi barboncini che sono diventati.

E per favore non darmi l’ argomento ” abbiamo affrontato un nemico troppo forte ” o ” non abbiamo potuto fare niente “. Come minimo, ogni europeo potrebbe seguire l’appello di Solzhenitsyn e ” non vivere di bugie “. Ma non potevano nemmeno farlo. Mille anni di propaganda ed eresia anticristiane hanno dato origine a una società che non crede più nemmeno alla nozione di “ verità ”. Non c’è da stupirsi che non riescano a smettere di mentire…

Penso che sia ovvio che se non hai rispetto per te stesso, non otterrai nemmeno rispetto dagli altri. Penso anche che sia giusto dire che l’UE è diventata la società più disprezzata del pianeta. E Putin non è il solo a definire l’Ue “ lo zerbino degli Stati Uniti ”: la stessa opinione prevale in gran parte dell’Area B.

Ecco, credo, la risposta corretta alla domanda che ho posto sopra: gli europei si meritano quello che sta per succedere loro? Dato che ciò che sta accadendo a loro è del tutto autoinflitto, penso che la risposta inconfutabile sia un sonoro ” SI “.

Se no, di chi è la colpa? Russia? Stati Uniti ? Patatine al formaggio? Gli “ ebrei ”? Immigrazione? Musulmana?

Parlando degli Stati Uniti, almeno gli americani hanno votato per Trump (due volte). Il fatto che non facesse (quasi) alcuna differenza è irrilevante, almeno il popolo degli USA ha provato a resistere! In effetti, anche sotto l’attuale repressione del dissenso, penso ancora che ci sia una percentuale molto più alta di americani capaci e disposti a resistere rispetto agli europei.

Quindi oggi voglio fare qualcosa che non ho mai fatto prima. Ho intenzione di ripubblicare ancora una volta quello che ho postato una volta: l’intervista del colonnello Douglas Macgregor del Dr. Michael Vlahos. Considero questa conversazione così importante che merita di essere pubblicata una seconda volta. Prima di lasciarvi con questi due uomini, vorrei solo aggiungere quanto segue:

Questi due uomini sono della generazione che ho avuto come insegnanti durante i miei anni nelle università americane (1986-1991) e per i quali ho ancora il massimo rispetto. Non significa che io sia necessariamente d’accordo con tutto quello che hanno fatto, detto o scritto, niente affatto. Ma posso rispettare questi uomini non solo per la loro straordinaria intelligenza, ma anche per essere uomini d’onore e verità, e veri patrioti del loro paese (al contrario di quelli che sventolano semplicemente la bandiera).

È la generazione di uomini come David Glantz o Lester W. Grau, ufficiali americani che hanno davvero studiato con cura la dottrina militare sovietica (autori come Reznichenko, Gareev o Ogarkov) e che, grazie ai loro studi, non sono arrivati ​​a odiare la Russia o Russi per niente, ma li considerano colleghi professionisti e patrioti. Avendo avuto il privilegio di trascorrere un po’ di tempo con le persone che insegnavano all’Accademia militare di Frunze (ho anche finito per scrivere un piccolo libro con uno di loro), posso attestare che i grandi strateghi russi avevano anche un grande rispetto per il loro colleghi americani .
Il contrasto con i mostri neocon ” dal seminterrato ” non potrebbe essere maggiore.

Credo sinceramente che nella conversazione che segue, ogni argomento e ogni frase sia importante perché mostra ciò che questa generazione di americani competenti e onorevoli pensa dei (molti) abomini a cui assistiamo oggi. Posso sinceramente dire che auguro a loro e alla loro causa ogni successo.

Per quanto mi riguarda, abbiamo lo stesso nemico.

https://www.youtube.com/watch?v=zIIM043x_FI&t=6s

Possa il loro esempio di resistenza (perché esattamente di questo si tratta) ispirare altri europei (ce ne sono già alcuni) a seguire il loro esempio.


Infine, e nello spirito del mio post di oggi, vi lascio con un fantastico video musicale francese: ” Indignez-vous ” di HK e dei Saltimbanks.
Chissà, forse questo video sveglierà qualche europeo in più?

fonte: The Saker

Traduzione: Luciano Lago

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM