Gli europei di fronte alla vecchia e nuova politica estera degli Stati Uniti

Al momento dell’insediamento, l’amministrazione Biden ha approvato il cambio di paradigma nella politica americana. Dopo le deviazioni, i tentativi ed errori e gli approcci mezzo fico e mezzo chicco che hanno caratterizzato gli ultimi due decenni, la nuova squadra prosegue e consolida la transizione iniziata dall’odiato predecessore: il XXI secolo sarà dominato, senza qualsiasi ambiguità, dal confronto con la Cina. Il resto – compresi gli altri avversari, così come gli alleati europei – tutto sarà interpretato, elaborato e, se necessario, strumentalizzato secondo questo duello.

Cina, Cina, Cina…

Già sotto l’amministrazione Obama, Cina e Russia sono state identificate come le due potenze “revisioniste” che cercano di “sfidare alcuni elementi dell’ordine mondiale dominato dagli Stati Uniti”. I documenti della presidenza Trump, e ancor più l’Interim National Strategy della nuova squadra di Biden, mettono i riflettori soprattutto sulla Cina: ” l’unico concorrente potenzialmente in grado di coniugare le sue attività economiche, diplomatiche, militari e la sua potenza tecnologica per porre un sfida duratura a un sistema internazionale stabile e aperto ”1 .
Non sorprende che l’Alleanza Atlantica sia stata esortata ad adeguarsi il prima possibile. Lo farà al vertice di Londra del dicembre 2019, con un timido primo riferimento: “la Cina presenta “sia opportunità che sfide, alle quali dobbiamo rispondere insieme, come un’Alleanza”.

Alla Conferenza di Monaco del febbraio 2021, il Segretario generale della NATO ha formalmente nominato la Cina prima nelle sfide. Gli alleati europei sono d’accordo ma sono comunque preoccupati per la credibilità delle garanzie americane: da tempo gli Stati Uniti abbandonavano la dottrina che prevedeva di combattere due guerre contemporaneamente. Lo ha recentemente confermato il presidente democratico del Comitato delle forze armate al Congresso: dobbiamo ” ammettere che non possiamo dominare ovunque, soprattutto non nei conflitti simultanei ” .
Ma tutti hanno a cuore questo monito dell’ottimo Stephen M. Walt: “Per salvare la NATO, gli europei devono diventare nemici della Cina” . Il presidente dell’Assemblea parlamentare della NATO, il deputato democratico Gerald Connolly, dice la stessa cosa, in un modo leggermente più elegante: “Gli Alleati devono raddoppiare i loro sforzi per affrontare insieme questa sfida [della potenza emergente della Cina] se vogliono che l’Alleanza possa mantenere la sua rilevanza”,4 .

La Russia come spaventapasseri

I documenti strategici americani fanno una sottile distinzione: la Cina viene presentata come il principale ” rivale strategico “, la Russia come un ” disgregatore “, colui che ” destabilizza “.”. Che li menzionino sempre, però, non è affatto banale. L’essenziale, per gli Stati Uniti, è la loro politica di contenimento della Cina, e l’attivazione della leva europea è fondamentale per raggiungere questo obiettivo. Tuttavia, maggiore è la minaccia russa, più facile è arruolare gli europei in questa “grande strategia”. Washington può assicurarsi la lealtà dei suoi alleati europei, a loro volta divisi, in due modi: o come protettore affidabile per coloro che sono più esposti alle inclinazioni russe; oppure facendo in modo che diventi impossibile la cooperazione tra Mosca e gli alleati occidentali che sarebbero tentati, come Parigi, Berlino o Roma.

Da qui la fermezza dell’amministrazione Biden di fronte alle mobilitazioni russe al confine ucraino nell’aprile 2021 da un lato, e le sue pressioni accompagnate da minacce sul gasdotto russo-tedesco Nord Stream 2 dall’altro. In entrambi i casi, si tratta di garantire che, per usare le parole di Jens Stoltenberg, ” la solidarietà strategica nella NATO abbia la precedenza sull’autonomia strategica europea ” . Il terzo pezzo del puzzle è l’accesso americano alla politica di difesa dell’UE. Appena lì, la nuova squadra ha ottenuto la partecipazione al progetto “mobilità militare”, parte di un pacchetto di iniziative volte, in linea di principio, a rafforzare l’autonomia europea. Come ha affermato l’ex consigliere del Pentagono Robert D. Kaplan: “La NATO e la difesa europea autosufficiente non possono entrambe prosperare. Solo uno dei due può, e il nostro interesse è che questa sia la NATO. L’Europa sarà quindi una risorsa e non un handicap per noi, quando affronteremo la Cina” .

La disintegrazione dell’Europa
Per gli osservatori esterni abbastanza lontani la diagnosi è ovvia: più che Cina o Russia, che comunque non sono banali, è l’immigrazione in massa – con i cambiamenti demografici e le problematiche culturali che essa comporta – che è, per i decenni a venire, la sfida predominante per il nostro continente. Il diplomatico universitario di Singapore Kishore Mahbubani lo descrive molto chiaramente nel suo recente libro, molto notato oltreoceano, ” Ha vinto la Cina?” . Secondo lui: a causa della sua “sfortunata geografia”, per l’Europa, “è molto plausibile la prospettiva di essere invasa da milioni di migranti che arrivano in piccole imbarcazioni”. Se le condizioni politiche ed economiche non miglioreranno rapidamente nel continente africano, l’Europa può aspettarsi, continua, “che decine, se non centinaia di milioni di africani bussino alla sua porta”.

Migranti in attesa di entrare

Data la portata e la complessità del pericolo, gli europei avranno bisogno di tutti i possibili alleati. Nella lotta al terrorismo islamista propriamente detto, gli Stati Uniti continuano ad essere un prezioso alleato (o di quest’ultimo quando risulta utile), sia operativamente che nell’intelligence. Tuttavia, si trovano in una situazione demografica e geografica completamente diversa: possono certo essere minacciati da alcuni attentati sanguinosi, ma non nella loro coesione sociale, nella loro cultura, nella loro esistenza. Non solo quindi concentreranno la maggior parte delle loro energie su qualcos’altro, la Cina, ma non appena uno si occuperà delle altre dimensioni della sfida, Washington potrà persino trovarsi in contrapposizione ideologica.

Come il presidente Obama che, nel suo famoso discorso al Cairo nel 2009, ha teso la mano al mondo musulmano diffamando, senza nominarla, la Francia: “ È importante che i paesi occidentali evitino di impedire ai musulmani di praticare la loro religione come desiderano, per esempio, dettando cosa dovrebbe indossare una donna musulmana. Non possiamo mascherare l’ostilità nei confronti della religione sotto le spoglie del liberalismo ”. Al contrario, dice, ” il governo degli Stati Uniti sta usando i tribunali per proteggere il diritto delle donne e delle ragazze di indossare l’hijab e per punire coloro che le sfidano “. A causa del totale fraintendimento in America circa la nozione stessa di laicità che riducono alla sola libertà religiosa, il presidente Biden e il suo entourage rimarranno su questa linea, se non di più.

Di fronte alla doppia sfida dell’immigrazione di massa e dell’Islam politico, l’Europa avrebbe altri alleati naturali, ma non unanimi in Europa e visti con un occhio molto negativo in America: la Cina e la Russia. Pechino potrebbe essere un partner particolarmente utile per la stabilizzazione e lo sviluppo dell’Africa. Quanto a Mosca, Jean-Pierre Chevènement, rappresentante speciale del presidente Macron per la Russia, osserva: “ In fondo abbiamo gli stessi avversari, le stesse preoccupazioni, le stesse preoccupazioni nell’ordine internazionale. È un Paese molto grande, cento nazionalità, venti milioni di musulmani. Il terrorismo, lo sanno, lo hanno dovuto sopportare a Mosca, a Beslan in Cecenia. Pertanto, abbiamo ancora degli interessi comuni ” . Tranne che Washington richiederà un allineamento impeccabile dei suoi alleati sulla sua politica nei confronti di questi due paesi.

Un recente rapporto del Congressional Research Service degli Stati Uniti osserva: ” I funzionari europei si lamentano regolarmente del fatto che gli Stati Uniti si aspettano un supporto automatico da loro ” . In effetti, quando gli europei sentono il presidente Biden dire che l’America “guiderà il mondo” ancora una volta e “unirà l’Alleanza”, sanno che sarà loro chiesto di allinearsi con il loro più potente alleato.
In ogni caso, qualunque sia l’amministrazione americana, la reazione degli europei è la stessa. La loro “eccessiva deferenza verso gli Stati Uniti”, definita come tale da un ex consigliere del Dipartimento di Stato e dall’ex direttore britannico dell’Agenzia europea per la difesa, è evidente ogni volta, inevitabilmente. Sotto Donald Trump le concessioni venivano fatte per paura, per scongiurare il malumore del presidente americano, sotto Joe Biden era per sollievo, ringraziarlo per non averli trattati troppo apertamente.

L’asimmetria fondamentale della relazione non cambia. All’epoca, il generale de Gaulle criticò Washington per aver sostituito la semplice consultazione all’ideale della codecisione. Da allora, anche le consultazioni sono rare. Gli alleati hanno dovuto affrontare un fatto compiuto per la decisione di Joe Biden di ritirarsi dall’Afghanistan (anche se i soldati americani fornivano solo un quarto della forza della forza internazionale). Hanno assistito, stupiti, alle proteste dell’amministrazione Biden che nel giro di pochi giorni ha qualificato Vladimir Poutin di “killer” e la Cina di “genocida” di fronte agli uiguri e “la più grande minaccia alla stabilità internazionale”. Paralizzati dall’idea che la minima deviazione non potesse mettere a repentaglio la partnership con l’America, gli europei si rassegnarono.

Il Segretario di Stato Anthony Blinken partecipa in videoconferenza al Consiglio Affari Esteri di fine febbraio 2021, che decide sull’attuazione di nuove sanzioni contro la Russia. Un mese dopo, l’Ue impone le prime sanzioni in 30 anni contro la Cina, per il trattamento degli uiguri, in coordinamento con Washington. Il tutto sotto la costante minaccia di rappresaglie americane contro le aziende europee, grazie al regime di sanzioni extraterritoriali. Il ministro della Difesa tedesco, alla vigilia delle elezioni americane, non aveva avvertito che ” le illusioni dell’autonomia strategica devono finire ” ? Gli altri leader europei si sono affrettati ad aderirvi e Parigi resta, come sempre, l’unica a ripetersi: l’autonomia strategica è la sine qua non per «poter pesarci e non diventare vassalla di questa o quella potenza. più dire la nostra ” .

*
L’ambasciatore cinese a Bruxelles aveva riso, sulla rinuncia alla revoca dell’embargo sulle armi alla Cina, sulla “patetica sottomissione” degli europei “incapaci di prendere le proprie decisioni senza farsi influenzare da altri poteri”. . Oggi, l’ex consigliere per la sicurezza nazionale Herbert McMaster li avverte: o si schierano con Washington contro la Cina, o scelgono la “schiavitù” a Pechino. . Le due visioni si completano e si rafforzano a vicenda. Confermano l’osservazione fatta dal presidente francese: a meno che non assumano pienamente un’ambizione di autonomia, gli europei “avranno la scelta tra due domini” in un mondo “strutturato intorno a due grandi poli: gli Stati Uniti d’America. e la Cina”. . Il ministro degli Esteri dell’UE Josep Borrell sostiene valorosamente che “Non dobbiamo scegliere tra i due. Dovrà suonare come la canzone di Sinatra ‘My Way’” . Dimentica che la suddetta canzone è solo un adattamento di quella di Claude François, il cui titolo è molto più in linea con l’avversione pavloviana degli europei per qualsiasi idea di emancipazione: “Come al solito”.

Gli europei di fronte alla vecchia-nuova politica estera americana, Impegno n° 131 (estate 2021) , ASAF ( Associazione per il sostegno dell’esercito francese ).

fonte: https://hajnalka-vincze.com

Inviato da Dominique Delaward

Traduzione: Gerard Trousson

8 Commenti
  • mario
    Inserito alle 20:11h, 11 Ottobre Rispondi

    ammazzare ebrei per la liberta”………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………….

    • Giorgio
      Inserito alle 08:37h, 12 Ottobre Rispondi

      Abbiamo capito che a Mario non piace l’entità sionista ……. in questo sito non piace a nessuno …….
      essi (gli anglo sionisti per essere precisi) sono i nemici n. 1 dell’umanità ……. e mi piacerebbe fossero rasi al suolo …….
      ma non si può ripetere sotto ogni articolo, un copia incolla di frasi fatte, a prescindere di cosa si parli ……..
      è solo autolesionista verso il sito …… a meno che sia questo lo scopo …….

    • Arditi, a difesa del confine
      Inserito alle 12:01h, 12 Ottobre Rispondi

      e la “liberta” quale sarebbe, quella dei suoi amici cinesi, quelli del credito sociale?
      ma vada ad appendersi ad un lampione…

      • Giorgio
        Inserito alle 18:12h, 12 Ottobre Rispondi

        Ma perchè questa animosità …… mi riferivo solo al commento di Mario …….
        il mio anti sionismo è a prova di bomba ……. ma Mario sotto ogni articolo piazza il suo disco rotto …….

        • Arditi, a difesa del confine
          Inserito alle 19:00h, 12 Ottobre Rispondi

          la mia era una replica a tale Mario, non a lei, il mio post ed il suo sono paralleli ergo sono una risposta al post superiore
          avessi risposto a lei il mio post risultava spostato verso destra rispetto al suo per la scala gerarchica
          purtroppo questo sistema di commenti favorisce non poco le incomprensioni su chi sta rispondendo a chi

        • Arditi, a difesa del confine
          Inserito alle 19:01h, 12 Ottobre Rispondi

          mi riferivo a mario difatti
          (commento precedente in moderazione per chissa’ quale motivo, bah)

  • marco m.ferro
    Inserito alle 22:29h, 11 Ottobre Rispondi

    Obama come joe Bidè era il presidente di nessuno, ma solo dei poteri oscuri che l’hanno messo li con la forza e l’inganno e dispetto della legalità democratica. al momento opportuno fu gettato via come una scarpa vecchia e marcia….

  • eusebio
    Inserito alle 19:25h, 12 Ottobre Rispondi

    Sinceramente a me pare un’analisi sfornata da un think tank anglosionista, che gioca sulla solita contrapposizione cristiani-musulmani per far godere l’ebreo, comunque il rapporto Russia-Europa si sta riconfigurando grazie al sapiente uso da parte russa dell’arma del gas, il prezzo del quale sta toccando anche i 1900 dollari a metro cubo, e in Ucraina sono già nel panico per un inverno che alla faccia di Greta si preannuncia piuttosto freddo, quindi Zelensky probabilmente sarà obbligato a firmare la resa e ad accettare il cosiddetto formato Normandia.
    Nel resto d’Europa l’avere aderito alla politica energetica della produzione di elettricità da vento e sole senza che sia stata sviluppata una evoluta tecnologia di accumulo dell’elettricità prodotta, visto il costo astronomico del litio per la produzione delle batterie, tanto che l’ENEL qualche tempo fa aveva studiato il modo di usare le batterie delle auto elettriche circolanti come accumulatori di massa dell’energia prodotta, ceduta attraverso una rete di ricarica molto evoluta, il costo dell’elettricità sta schizzando alle stelle e molte produzioni industriali incluso l’acciaio cominciano a diventare antieconomiche.
    Ciò sprofonderà il vecchio continente in una gravissima crisi economica e sociale, con conseguente dissoluzione della UE e della NATO, e la probabile egemonia politica, economica (grazie al gas) e militare della Russia, mentre gli USA dopo essere finiti in default a causa del gigantesco debito pubblico federale arrivato a 29 trilioni di dollari, ormai non più rifinanziabile, si richiuderanno su se stessi dopo avere chiuso tutte le basi militari che hanno all’estero, magari lasciando lì le armi tipo Afghanistan, e passeranno anni a ripagare le decine di trilioni di debiti che hanno accumulato.
    Non è escluso che vista la continua entrata di immigrati ispanici molto prolifici, 3 figli a coppia, gli USA non diventino un paese neolatino perlopiù cattolico, anche molto più popoloso.

Inserisci un Commento