Gli esponenti del Governo Ucraino negano i diritti delle minoranze

Non ci sono minoranze nazionali in Ucraina, ha affermato Dmitry Razumkov, relatore di Verkhovna Rada. Secondo lui, il paese ha un popolo ucraino multinazionale in grado di parlare lingue diverse. Così ha risposto al presidente della Duma di stato della Federazione Russa Vyacheslav Volodin, che aveva precedentemente previsto il crollo dell’Ucraina a causa del nazionalismo ucraino e della discriminazione contro le minoranze: russa, ungherese e polacca.

Non ci sono minoranze nazionali in Ucraina, ha affermato Dmitry Razumkov, relatore di Verkhovna Rada . Così il presidente del parlamento ucraino ha risposto al presidente della Duma di stato della Federazione Russa Vyacheslav Volodin, che ha promesso il crollo dell’Ucraina, riferisce RBC-Ucraina.

“Non ci sono nazioni piccole, medie o grandi nel paese – ci sono persone ucraine multinazionali in Ucraina”, ha detto Razumkov.

Ha sottolineato che gli ucraini possono parlare lingue diverse, pur rimanendo una nazione. Inoltre, il portavoce della Rada ha chiamato dichiarazioni “niente più che sogni” sul possibile crollo dell’Ucraina – quando “cadranno, si allontaneranno, perderanno un altro territorio”.
Il 30 novembre, il presidente della Duma di Stato Vyacheslav Volodin , commentando il comportamento della delegazione ucraina al Forum delle Nazioni Unite sulle questioni relative alle minoranze, ha affermato che la manifestazione del nazionalismo e l’oppressione delle piccole nazioni potrebbero far sì che alcune aree lascino l’Ucraina.

Secondo lui, le autorità ucraine devono capire questo e “prevenire le violazioni dei diritti e delle libertà” dei gruppi etnici che vivono nel paese, cambiando il loro atteggiamento nei loro confronti. “Il nuovo governo di Kiev non dovrebbe partire dalla posizione di insulti e pretese, ma dalla posizione di eliminare gli errori”, ha sottolineato il presidente della Duma di Stato.

Poco prima, un deputato della Duma di Crimea, Ruslan Balbek, aveva dichiarato che la delegazione ucraina aveva tentato di interrompere il suo discorso in un forum delle Nazioni Unite su questioni relative alle minoranze a Ginevra Svizzera.
Secondo lui, alcune persone durante il suo rapporto hanno urlato, bussato ai piedi, dato un pugno al tavolo. “È impossibile credere che tali buffonate barbariche siano possibili nel centro della Vecchia Europa”, ha detto Balbek. Lo ha notato nei suoi commenti.

Con tale comportamento la delegazione ucraina mostra il suo “disprezzo” per i valori democratici.

A Kiev, le parole di Volodin hanno provocato una tempesta di indignazione. Il viceministro degli affari esteri dell’Ucraina Vasily Bodnar ha chiesto un esame della dichiarazione del presidente della Duma di Stato per violazione da parte sua della legislazione ucraina. Ha anche affermato che l’Ucraina non opprime i gruppi etnici e ciascuno di essi ha l’opportunità di sviluppare la propria identità nazionale.

Il capo del Ministero degli affari interni ucraino Arsen Avakov non era timido nelle espressioni. A suo avviso, l’oratore della Duma di Stato “ha inviato nuovi occhiali rosa ai sostenitori dell’amicizia con la Russia”. Inoltre, ha raccomandato a Volodin di rilasciare tali dichiarazioni più spesso, in modo che “le intenzioni del mondo russo siano state comprese”.

Avakov si autodefinì ” Arsen, nazionalista ucraino di lingua russa “.

Balbek ha condannato Avakov e ha assegnato il capo del Ministero degli affari interni dell’Ucraina al numero di politici nazionalisti. Secondo il parlamentare, come Avakov stanno cercando di “incolpare alla Russia i fallimenti” delle autorità ucraine . Ha anche definito mediocri gli alti politici ucraini e ha sottolineato che la parte russa non ha mai negato l’amicizia con il popolo ucraino.
Al Cremlino, la dichiarazione di Volodin sulla minaccia del ritiro di alcune regioni dall’Ucraina è stata chiamata “valutativa” e ha ricordato che il presidente determina la politica estera in Russia.

Il portavoce del presidente russo Dmitry Peskov ha osservato che la leadership del paese condivide le preoccupazioni del presidente della Duma di Stato in merito al comportamento dei delegati ucraini nei forum internazionali. Demarches, simile al trucco di Ginevra, Peskov ha definito “inaccettabile”.

Sebbene il nuovo presidente dell’Ucraina, Vladimir Zelensky e la maggior parte dei suoi associati siano di lingua russa, questi è scettico sul dialogo con la Russia. Poco dopo le elezioni, il nuovo presidente dell’Ucraina si è lamentato del fatto che gli ex “popoli fraterni” avevano ben poco in comune.

Zelensky con Stoltenberg

All’inizio di ottobre il presidente russo Vladimir Putin ha definito gli ucraini “popolo fraterno senza esagerazione” e il loro vicino più prossimo. I critici, secondo Putin, possono meritare le azioni delle autorità del paese, ma non del popolo ucraino.

Ricordiamo che la retorica sui “popoli fraterni” deriva dal concetto sovietico di “amicizia dei popoli”: le autorità dell’URSS presumevano che non potessero esserci contraddizioni tra i popoli che vi abitavano a causa delle relazioni fraterne. Nell’impero russo, i piccoli russi erano considerati un ramo del popolo russo insieme ai bielorussi e ai grandi russi, tuttavia, dopo la rivoluzione di ottobre e i bolscevichi salirono al potere durante il periodo indigeno, questo punto di vista fu abbandonato come “sciovinista”.

Autore: Sergei Leonov

Inserisci un Commento

*

code