GLI ESPERTI PARLANO DELLA SEMPRE PIU’ STRETTA INTERAZIONE TRA RUSSIA E CINA IN ASIA

La Russia e la Cina non soltanto competono nei mercati asiatici, ma trovano anche un equilibrio di accordi e interessi reciproci, come hanno detto gli esperti durante la conferenza asiatica del Valdai Club.

La decima conferenza asiatica del Valdai Club “Asia centrale ed Eurasia: cooperazione multilaterale per affrontare le sfide del tumulto globale” si terrà a Samarcanda dal 10 all’11 novembre. Più di 60 esperti di undici paesi discuteranno di una vasta gamma di questioni e problemi di interazione interregionale.

“Naturalmente c’è competizione tra i paesi. Ma il significato di questa competizione, stranamente, suona come cooperazione ”, – Andrei Bystritsky, presidente del Consiglio del Fondo per lo sviluppo e il sostegno del Valdai Club ha risposto alle domande sulla possibile concorrenza tra la Russia e il mercato cinese in Asia centrale.

L’esperto ha osservato che l’interazione dei due paesi della regione, da un lato, porta nuove iniziative tecnologiche, dall’altro, determinate regole del gioco, un quadro normativo stabilito.

“Mi sembra che in questa fase tutto sia positivo. C’è abbastanza ragione, volontà e consenso per trovare modi, compromessi. Il punto qui è trovare un dialogo, un equilibrio con i mega progetti cinesi ”, – ha aggiunto Bystritsky.

“Dire che Cina e Russia sono concorrenti in Asia – penso che sia sbagliato”, – ha dichiarato Alexander Lomanov, professore dell’Istituto nazionale di ricerca di economia mondiale e relazioni internazionali.

L’esperto ha ricordato che a giugno i leader dei due paesi hanno proclamato l’ingresso delle relazioni russo-cinesi in una nuova era.

“La parola chiave qui è fiducia”, – ha detto Lomanov.

Secondo lui, oggi sta emergendo un nuovo contesto per la cooperazione regionale tra Pechino e Mosca, incluso quello in Asia centrale.” Questo è un nuovo stato di cose, non era così né dieci, né quindici anni fa”, – ha aggiunto l’esperto.

Il primo giorno della conferenza, si è tenuta una sessione bilaterale speciale “Russia-Uzbekistan”. Lunedì è prevista la discussione di una vasta gamma di questioni e problemi di interazione tra i paesi dell’Asia centrale e i principali attori regionali: la Federazione Russa, la Cina e l’India, nonché gli Stati Uniti e l’UE.

Premiers di Russia e Cina

Nota: tutto lascia prevedere che sarà l’Asia il motore di sviluppo mondiale per i prossimi anni. Bisogna considerare che Cina, India e i paesi industrializzati dell’area Asean formano l’area mondiale a maggior crescita.
Nonostante la guerra dei dazi, inaugurata dagli USA, l’area mondiale che nel 2019-2020 presenta le maggiori opportunità di crescita e di esportazioni, per imprese che operano in economie ad alto costo del lavoro, è di gran lunga quella formata da Cina, India e dalle economie più industrializzate dell’area Asean (Association of South-East Asian Nations): Vietnam, Filippine, Malesia e Indonesia. Per questo motivo l’asse costituito da Cina, Russia e India ha la possibilità di surclassare la dimensione economica attualmente costituita dall’area dei paesi dell’OCSE, dove l’Unione Europea presenta una situazione di stagnazione e bassa crescita.

https://en.news-front.info/2019/11/10/experts-tell-about-the-interaction-of-russia-and-china-in-asia/

Fonte: News Front.

Traduzione e nota: Luciano Lago

Inserisci un Commento

*

code