Gli eserciti statunitensi e israeliani simulano attacchi contro l’Iran in un’esercitazione aerea congiunta

L’esercito di occupazione israeliano mercoledì (30 novembre) ha rilasciato immagini e dettagli di una serie di esercitazioni aeree congiunte tenutesi con l’esercito statunitense questa settimana, simulando attacchi contro l’Iran ei suoi alleati nella regione.

Durante le esercitazioni, che hanno avuto luogo sull’entità sionista e sul Mar Mediterraneo, quattro caccia F-35i dell’esercito di occupazione israeliano, accompagnati da quattro caccia F-15 americani e da un aereo di rifornimento aria-aria americano KC-135, rifornito di carburante diversi aerei da combattimento F-16i dell’esercito di occupazione, hanno riferito i media israeliani.
“La direzione dell’intelligence ha condotto una simulazione approfondita che riproduce una campagna contro paesi lontani”, ha aggiunto l’esercito di occupazione, apparentemente riferendosi all’Iran.

“Queste esercitazioni sono una parte fondamentale della crescente cooperazione strategica dei due eserciti in risposta alle preoccupazioni comuni in Medio Oriente, in particolare quelle poste dall’Iran”, ha affermato l’esercito di occupazione.
L’esercitazione congiunta è stata decisa durante il viaggio negli Stati Uniti del capo di stato maggiore dell’esercito di occupazione Aviv Kochavi la scorsa settimana, dove ha tenuto incontri con alti funzionari statunitensi per cinque giorni.
Il generale israeliano aveva affermato che i due eserciti dovrebbero accelerare i piani per preparare azioni offensive contro l’Iran.

La scorsa settimana, Kochavi ha affermato che le attività congiunte con le forze armate statunitensi in Medio Oriente si “espanderanno in modo significativo” nel prossimo futuro.

Comandant iraniano

Capo dell’esercito iraniano: Iran pienamente pronto a contrastare qualsiasi minaccia straniera

Il comandante in capo dell’esercito iraniano afferma che le forze armate del paese sono pienamente pronte ad affrontare qualsiasi minaccia straniera a cui potrebbe trovarsi di fronte alla Repubblica islamica.

“Le unità navali della Marina iraniana sono attualmente impegnate nella difesa degli interessi della Repubblica islamica in alto mare”, ha detto il maggiore generale Abdolrahim Mousavi durante una cerimonia tenutasi mercoledì nella capitale Teheran.

“Le unità [militari] delle Forze di Terra sono di stanza ai confini del paese in completa prontezza. Anche la nostra Air Defense Force osserva e sorveglia lo spazio [aereo] del paese 24 ore su 24; cos la nostra Forza Aerea pattuglia costantemente i cieli dell’Iran”, ha aggiunto il comandante.

Altrove nelle sue osservazioni, Mousavi ha sottolineato la necessità della vigilanza della nazione per sventare i complotti riguardanti la “guerra ibrida” dei nemici contro la Repubblica islamica.

Fra i mezzi degli avversari per prendere di mira il Paese vi potrebbe essere semplicemente un proiettile composto dalla loro “voce, immagine e discorso”, ha affermato il generale.

“A volte, questo proiettile sparato durante la guerra colpisce e lascia impatti distruttivi senza che ce ne rendiamo conto”.

Apparentemente il comandante si riferiva alla guerra psicologica a tutto campo che i media anti-iraniani hanno condotto nei confronti della Repubblica islamica negli ultimi mesi.
Tuttavia la Repubblica Islamica dell’Iran ha messo in allarme il suo apparato missilistico per neutralizzare qualsiasi attacco per via aerea o marittima contro l’Iran e il comandante iraniano ha fatto intendere che, ad ogni attacco, seguirà una rappresaglia contro le basi e gli interessi del nemico.

Nota: Tutto indica che è già iniziato il conto alla rovescia per un attacco all’Iran che sarà condotto da una forza aerea integrata Israeliana e Statunitense.

Fonte: Al ManarPress Tv

Traduzione e nota: Luciano Lago

1 Commento

Inserisci un Commento