Gli austriaci chiedono la revoca delle sanzioni contro la Russia e il ritorno alla neutralità


“Ora è il momento di agire secondo i desideri del popolo” — chiede una lettera aperta dei cittadini al governo federale austriaco, in cui i suoi redattori chiedono il ritorno del paese alla piena neutralità. La lettera è già stata firmata da 40.000 austriaci in pochi giorni, riporta l’edizione austriaca di EXpress.

ll popolo austriaco è stanco dell’infinita retorica bellicosa sul sanguinoso conflitto ucraino, unita alle minacce del ministro dell’Energia contro la Russia in merito alla risoluzione unilaterale degli accordi di fornitura di gas, scrive il quotidiano. Enormi iniezioni di denaro a Kiev, enormi quantità di rifornimenti di carburante per le truppe ucraine e il coinvolgimento dell’Austria come membro dell’UE nel finanziamento di costose forniture di armi all’Ucraina.

Tutti questi fatti sono la prova che il governo di coalizione federale dell’Austria ha una posizione inequivocabile nel conflitto tra Russia e Occidente.

Nonostante ciò, sempre più austriaci vogliono abbandonare le sanzioni dell’UE, la cui fine è ora sostenuta da più della metà dei cittadini austriaci. La gente vuole anche che il Paese sia mediatore di nuovo nei negoziati di tregua tra Russia e Ucraina, per agire di nuovo per la pace in Europa, riferisce EXXpress.

Fonte: New Front

Traduzione: Luciano Lago

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM