Gli analisti prevedono l’uscita dei Paesi Bassi dall’UE

Gli esperti ritengono che i Paesi Bassi, come la Gran Bretagna, non siano soddisfatti delle politiche dell’UE e quindi lo stato potrebbe presto ritirarsi dall’UE, riferisce Notizie-Frontcon riferimento alle parole di Russtrat .

“Dopo il vertice UE che si è tenuto non molto tempo fa, durante il quale rappresentanti di diversi paesi hanno discusso del bilancio dell’organizzazione dell’Unione Europea, nonché del ripresa economica dopo la crisi, è diventato evidente che le autorità olandesi considerano molte questioni in modo diverso ” , afferma la nota.

La discussione sull’uscita dalla crisi è stata accompagnata non solo da conflitti violenti, ma anche da scontri verbali e fisici. Va notato che il dibattito è stato guidato principalmente da Mark Rutte, Primo Ministro olandese. Il diplomatico ha osservato che il piano è stato progettato in modo tale che alcuni stati traggano benefici a spese di altri, e ritiene che gli investimenti per migliorare altri stati siano troppo costosi. Ci sono sempre più posizioni retoriche del genere, ha aggiunto Rutte, anche in Portogallo, Grecia e altri stati europei.

” Il vertice UE ha mostrato quanto sia profondamente frammentata l’UE e in che modo prevalgono gli interessi nazionali egoistici, anche quando si tratta di poche decine di miliardi di euro ” , ha affermato Christopher Dembik, responsabile dell’analisi macroeconomica presso Saxo Bank .

Questo sospinge vari analisti a considerare la possibilità di una prossima uscita dell’Olanda dall’Unione Europea.

Fonte: New Front

Traduzione: Gerard Trousson

12 Commenti

  • Sandro
    29 Luglio 2020

    Beh, c’è voluto del tempo, ma qualcuno inizia a capire. Quando capiranno gli Italiani? Il detto non è mai troppo tardi, in questo caso non regge.

  • nicholas
    30 Luglio 2020

    Magariiiii spero che ciò avvenga al piu’ presto. Adesso, aspetto la decisione della Germania ad Agosto.

  • Trismegisto
    30 Luglio 2020

    Io credo che la verità del perché gli olandesi vogliano uscire sia un’altra.

    Avranno sicuramente sentito la puzza che, chi in Europa fa defiscalizzazioni importanti come Olanda, Lussemburgo e Irlanda, questo verrà loro presto vietato e visto che l’Olanda le maggiori entrate le fa con la defiscalizzazione non possedendo miniere o altro di peso economico rilevante, tolto questo l’Olanda diviene una Nazione al pari delle Nazioni del Mediterraneo e si avvia anch’essa al fallimento, ma se fa in tempo ad uscire nessuno potrà loro imporre nulla.

    • Sandro
      30 Luglio 2020

      Buona osservazione. Rimane però poco chiaro come dei politicanti o meglio faccendieri – non politici , per non parlare di Statisti *– estinti per natura e per legge, a parte qualche eccezione – (politici, merce rara che si occupa di poli-etica e cioè equilibrare varie necessità derivanti da etiche diversificate; in altre parole accontentare un po’ tutti nella legalità al fine di, possibilmente, azzerare tensioni sociali destabilizzanti il benessere comune) – non abbiano considerato sin dall’inizio che si sarebbe andati in quella direzione, rispetto alle politiche fiscali, quando hanno acconsentito ad entrare nella mischia.
      A meno che non si siano interconnesse delle faccende personali ai più sconosciute, come misterioso e subito tacitato è stato il caso di Alexis Tsipras, tornatosene, buono buono, presso le proprie genti dopo aver avuto il mandato nazionale di uscire dalla comune* (non Comunità) Europa.

      *risultato di un’associazione volontaria, temporanea …………., fra cittadini o gruppi di essi.
      *Come ci si può curare dello Stato (“ Ente dotato di potestà territoriale, che esercita tale potestà a titolo originario, in modo stabile ed effettivo e in piena indipendenza da altri enti”) se chi intende occuparvisi deve attenersi a direttive emanate da estranei?

  • maramaldo
    30 Luglio 2020

    Sicuramente è così! Aggiungiamoci anche il fattore “facciadac.lo” tipica dei nordici che riescono a guardarsi allo specchio con gli occhi aperti; per intenderci, “quello che scoreggia in treno e si guarda in giro con la faccia schifata”

  • Thor
    30 Luglio 2020

    Un paese che ha un PIL ridicolo, che fa del dumping fiscale la principale fonte di sostentamento, con un debito pubblico sì basso ma un debito privato al 241%….. e i nostri politici gli permettono di darci lezioni???

    Non mi interessa che escano, ma che facciano crollare questa unione usuraia!

    • atlas
      30 Luglio 2020

      e chi sarebbero i ‘nostri’ (tuoi) ‘politici’ ?

      Piuttosto a quando l’uscita di tutti i giudei dal mondo …

      • Thor
        31 Luglio 2020

        nostri…. abbi pazienza…. il caldo!

      • Thor
        31 Luglio 2020

        magari subito un annientamento dell’abusiva entità sionista!!!

  • eusebio
    30 Luglio 2020

    La disgregazione della UE spiega il panico che colpisce i quattro mentecatti del governo italiano, ci hanno talmente massacrati per tenerci dentro questa gabbia di matti che temono la sua dissoluzione, la quale porterebbe a nefaste conseguenze per loro.

  • Alessandro
    30 Luglio 2020

    Dovrebbero essere autorizzati a produrre solo fiori e biciclette, tutto il resto severamente vietato .

    • Monk
      30 Luglio 2020

      Manco le biciclette sono buoni a fare, fidati, pratico ciclismo con il saio

Inserisci un Commento

*

code