Gli americani vogliono inviare i loro bombardieri strategici nei cieli del Mar Caspio

Il comando strategico americano sta valutando la possibilità di inviare i propri bombardieri strategici B-52 vicino ai confini russi, in particolare, si sta valutando la possibilità di inviare due bombardieri in grado di trasportare armi nucleari nello spazio aereo sopra il Mar Caspio attraverso il territorio dell’Azerbaigian.

“Kedmi ritiene che le autorità russe dovrebbero imparare dall’esperienza della situazione attuale in Ucraina – come dimostra la pratica, l’Occidente è in grado di minacciare la Russia anche da paesi che non sono membri della NATO. Il culmine di questo stato di cose è stato l’inversione di marcia del bombardiere strategico B-52 nei cieli sopra Kharkov. Se il Cremlino non agirà attivamente,questo potrebbe accadere di nuovo in altre aree al confine con la Russia, così come nella regione del Caspio. 

La situazione più minacciosa è attualmente nascosta nel Caucaso a causa dell’aggravarsi del conflitto armato nel Nagorno-Karabakh. Cosa farà la Russia se domani il B-52 verrà schierato sul Mar Caspio? E da lì dove possono volare i missili ?, chiede l’esperto. Sulla base degli insegnamenti degli eventi del 2014 in Ucraina, il Cremlino dovrebbe essere più attivo nel Caucaso,, – la pubblicazione di informazioni russa “Reporter” ne informa in proposito .

Dall’inizio di quest’anno, i militari americani e quelli della NATO hanno effettuato innumerevoli provocazioni vicino ai confini russi, in relazione alle quali, tali provocazioni, a quanto pare, continueranno, ma già in nuove direzioni, dove fino a poco tempo fa la Russia si sentiva molto protetta.

Navi nel Mar Caspio

Gli esperti notano che è del tutto possibile che sia per questo motivo che la parte russa non vuole essere coinvolta nel conflitto in Nagorno-Karabakh, poiché con le sue azioni aprirà l’accesso della NATO a sezioni meno protette del confine.


Подробнее на: https://avia.pro/news/amerikanskie-strategicheskie-bombardirovshchiki-b-52-vypolnyat-polyot-nad-kaspiyskim-morem

Traduzione: Sergei Leonov

6 Commenti

  • antonio
    15 Ottobre 2020

    sono impazzit, vanno a casa dei russi a giocare alla guerra ?
    Napoleone nell’ 800, Adolfo nel 900, ora ci provano i filantropi di Washington ?

  • Arditi, a difesa del confine
    16 Ottobre 2020

    leggevo l’altro giorno un articolo riguardante i missili ipersonici che avendo una traiettoria di volo molto più bassa rispetto ai missili convenzionali verrebbero avvistati dai radar quando ormai sono in prossimità dell’obiettivo.

    non ne capisco molto però per come la vedo io muovere un B52 quando si possono utilizzare dei missili ipersonici è come la zanzara che ti vola intorno e ti infastidisce col ronzio quando potrebbe benissimo attaccarsi alle gambe o ai piedi e fare quello che deve fare mentre noi ce ne accorgiamo praticamente a puntura avvenuta.

    Anche perchè un B52 che parte dall’est della Turchia non fa poi molta più strada di uno che partisse dall’Arzebaijan credo

    • Morto che cammina
      16 Ottobre 2020

      Continua a ragionare così e vedrai quante milioni di zanzare arriveranno da tutti i lati. Sopra e sotto.

      • Arditi, a difesa del confine
        16 Ottobre 2020

        “non ne capisco molto” ho scritto, quindi può benissimo spiegarmelo lei

        • giulio
          16 Ottobre 2020

          soldatino, ti informo che gli americani ancora non dispongono di missili ipersonici!
          Visto che ti piace fare l’esperto anche di geografia, allora vatti a studiare le mappe e vedrai che l’azerbaigian a nord confina con la russia…il che non è trascurabile per gli strateghi americani coi loro b52.
          Poi non c’è solo la questione dei missili ma anche e soprattutto la questione del petrolio azerbaigiano che americani e sionisti vogliono portare in europa e quindi tagliare fuori il gas o petrolio russo che oggi condiziona la stessa germania!

  • Eugenio Orso
    17 Ottobre 2020

    Questa è l’ennesima prova della complicità dei turcoidi della bestia erdogan e dei burattini turcoidi azeri nei confronti degli usa.
    viva la Russia e Viva l’Armenia!

    Cari saluti

Inserisci un Commento

*

code