Gli americani si dovranno forse pentire di aver sanzionato ed offeso il Ministro della difesa cinese Li Shangfu


Da Washington hanno sottovalutato questo personaggio che fa parte dello stretto staff del presidente Xi Jinping e che oggi si trova a capo della possente armata militare della RPC che incute timore agli stessi USA.
A Washington hanno iniziato a rendersi conto della gaffe in cui sono caduti quando Li Shangfu ha realizzato la sua prima visita a Mosca, ricevuto personalmente dal presidente Vladimir Putin. Non a caso la visita le ministro della RPC ha coinciso a Mosca con le esercitazioni su larga scala della flotta russa del Pacifico,messa in stato di allerta dal comando centrale russo. Un avvertimento lanciato agli Stati Uniti, alla NATO, oltre che al Giappone ed alle potenze occidentali.
Lunedì il presidente russo Vladimir Putin ha elogiato il “livello molto alto” delle esercitazioni militari nel Pacifico mentre Mosca cerca legami più stretti con la Cina di fronte allo scontro con l’Occidente .
Dal canto suo, Il ministro della Difesa russo, Sergei Shoigu ha annunciato che più di 25.000 militari, 167 navi e navi, 12 sottomarini, 89 aerei ed elicotteri stanno prendendo parte alle esercitazioni della flotta del Pacifico. Nell’ambito delle esercitazioni, i vettori missilistici strategici delle forze aerospaziali russe voleranno nella parte centrale dell’Oceano Pacifico con l’imitazione di attacchi contro gruppi di navi.
Nel corso delll’incontro di Li Shangfu con Putin e Shoigu è stata menzionata anche la partecipazione di Russia e Cina alle prossime manovre congiunte fra le due armate.
La visita del nuovo ministro della difesa cinese a Mosca è avvenuta non solo parallelamente alle esercitazioni della flotta del Pacifico, ma anche sullo sfondo di pubblicazioni periodiche sulla presunta assistenza cinese in armi a Mosca (di cui Washington accusa regolarmente Pechino ) . Giovedì scorso, il Washington Post , citando un’altra serie di documenti trapelati dal Pentagono, ha riferito che, secondo l’intelligence statunitense, la Cina aveva approvato “la fornitura di assistenza letale” alla Russia nel NVO “e aveva pianificato di mascherare l’equipaggiamento militare come oggetti civili” all’inizio di quest’anno .

Indipendentemente dai sospetti e dalle accuse in Occidente sul presunto supporto della Cina alla Russia in armamenti, gli americani vedono con preoccupazione l’intensificarsi dei contatti tra Mosca e Pechino e lo considerano come un altro passo verso la formazione di un’alleanza militare russo-cinese in Estremo Oriente. Le esercitazioni navali delle flotte di Russia e Cina nel Mar Cinese orientale (cioè vicino a Giappone, Corea del Sud e Taiwan ) avevano lo scopo di “opporsi agli Stati Uniti e ai loro alleati nella regione indo-pacifica”, ha scritto Li Shanfu, commentando la visita 17 dicembre Londra The Times .
Preoccupato anche il Giappone per per il cambio di posizione di Pechino sulla questione delle Kurile meridionali, dove la Cina ha assunto decisamente una posizione filorussa sostenendo che le isole devono mantenere il loro status attuale sotto la giurisdizione russa, con la relativa zona di controllo marittimo di circa 200 miglia marine, che coincide con gli interessi della Cina.
Allo stesso modo la Russia appoggia le rivendicazioni di Pechino su Taiwan e si dice pronta a difendere il concetto di una unica Cina contro le pretese secessioniste appoggiate da Washington.
In definitiva si può comprendere la preoccupazione espressa dai governi e dai media occidentali quando commentano le manovre russo cinesi nel Pacifico come un consoidamento dell’alleanza stratecica fra i due paesi. Il motivo principale delle esercitazioni militari nel Pacifico è il desiderio congiunto di Cina e Russia di prevenire possibili aggressioni da parte degli Stati Uniti e dei loro alleati regionali, ha osservato un esperto.
Gli Stati Uniti, considerando la Cina come un potenziale avversario, stanno conducendo ricognizioni a distanza ravvicinata, radunando attivamente i loro alleati, cercando di creare alleanze simili alla NATO nella regione Asia-Pacifico, ha detto l’esperto militare Song Zhongping al Global Times con sede a Pechino .

Flotta Cinese

D’altra parte, un certo numero di paesi potrebbe utilizzare la crisi ucraina per destabilizzare la situazione in Estremo Oriente, in relazione alla quale la cooperazione militare tra Cina e Russia è di fondamentale importanza, sottolinea Matviychuk.

“Ora c’è una situazione tale che alcuni paesi possono approfittare del fatto che stiamo conducendo un’operazione speciale in Ucraina e cercare di farci pressione in un’altra regione. Prima di tutto, questo è il Giappone”, ritiene l’esperto. – A Tokyo stanno cercando di rivedere i risultati della seconda guerra mondiale per cambiare lo status delle Isole Curili. In questo senso, le esercitazioni della Flotta del Pacifico hanno l’obiettivo principale: dimostrare che, nonostante qualsiasi circostanza, il territorio sovrano della Federazione Russa è protetto da tutte le forze e mezzi schierati nell’Oceano Pacifico .
La situazione oggettiva si sta sviluppando in modo tale che Russia e Cina abbiano gli stessi antagonisti nella regione: gli Stati Uniti e i loro alleati regionali, principalmente il Giappone.
“L’incontro del ministro della Difesa cinese con la leadership della Russia, prima di tutto, significa la creazione di un’alleanza militare non allineata, che non ha analoghi nella storia”, pensa l’interlocutore. – Non persegue finalità militari o politiche, se non la tutela della sovranità dei due Stati. Questo avvertimento è rivolto agli Stati Uniti, al blocco militare anti-cinese AUKUS, che comprende anche Regno Unito e Australia, e ovviamente al Giappone.
Il significato del messaggio è semplice: Russia e Cina sono pronte ad un’azione congiunta in caso di minacce alla sicurezza dei due Stati”.

Fonti varie

Traduzione e sintesi: Luciano Lago

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM