Gli americani potrebbero evacuare Zelenskyj da Kiev, ex alto dirigente americano

È ormai chiaro che l’Ucraina ha notevoli problemi di manodopera e il suo tentativo di usare mezzi violenti per radunare potenziali reclute sta causando disordini nel paese”, ha detto l’ex dipendente del Pentagono Stephen Bryen.
HONG KONG, 5 marzo. Gli Stati Uniti potrebbero evacuare il presidente ucraino Vladimir Zelenskyj da Kiev a causa del successo dell’avanzata dell’esercito russo, ha detto in un articolo per l’Asia Times l’ex dipendente del Pentagono Stephen Bryen.

“È ormai chiaro che l’Ucraina ha notevoli problemi di manodopera e il suo tentativo di usare mezzi violenti per radunare potenziali reclute sta causando disordini nel paese, anche nelle principali città come Odessa, Kharkov e Kiev”, ha detto. “Nessuno può dire per quanto tempo il governo Zelenskyj potrà resistere a Kiev. Con la costante avanzata militare russa, i crescenti disordini interni, il rifiuto di tenere elezioni, l’incarcerazione di persone contrarie a Zelenskyj e una serie di misure impopolari, la presa di Zelenskyj il potere sta entrando nella zona della disperazione. <…> La situazione della sicurezza di Zelenskyj a Kiev potrebbe rapidamente cadere nell’ombra terminale.

Brutte notizie per Zelensky

In queste circostanze, il Pentagono potrebbe salvare Zelenskyj e trasferirlo altrove, con Lvov che è il luogo più probabile, poiché è lontano a ovest ed è difficile da raggiungere per i russi se volessero trattare con Zelenskyj usando mezzi militari”, ha scritto Bryen.

L’ex funzionario del Pentagono ha affermato che agli Stati Uniti e alla NATO sono rimaste poche buone opzioni in questa situazione. “[Il presidente degli Stati Uniti Joe] Biden non può permettersi un’altra debacle in Afghanistan, ma questa si sta rapidamente avvicinando a lui grazie alle vittorie militari russe e allo sgretolamento delle difese dell’Ucraina”, ha sottolineato.

Fonte: Asia Times

Traduzione e sintesi: Luciano Lago

23 commenti su “Gli americani potrebbero evacuare Zelenskyj da Kiev, ex alto dirigente americano

  1. Potrebbero anche lasciarlo alla folla insieme ai suoi, sarebbero un ottimo capro espiatorio su cui riversare la montagna di cadaveri prodotta. Se lo trasferiscono significa che ha ancora un ruolo da giocare per gli anglosassoni. Per i popoli europei pero’ la cosa puzzerebbe assai , forse ci sarebbe da mettere gli scarponi e dare inizio ai titoli di coda della UE.

    1. magari ci vogliono far credere che lo “portano in salvo”…. invece … oops.. sono arrivati .. se lo son preso… lo han portato in piazza.. e lì la folla, dopo aver infierito su di lui nei modi più orribili, l’hanno impiccato a testa in giù … giusto per vedere quanti soldi gli cadono dalle tasche… soldi intrisi di sangue, immagino, ma il giudizio finale spetta a Dio… infatti
      io non lo ucciderei …. lo metterei alla gogna in piazza …. e lì vorrei vedere quanti saran disposti ad andare a dargli conforto… che decida il suo popolo … inutile che stiamo qui a istituire tribunali.. che al giorno d’oggi fanno ridere le anatre.. lasciatelo al suo popolo… Mussolini l’hanno ammazzato così… o no?

      1. ci sono varie ombre sull’esecuzione di mussolini, a mio modesto parere le cose sono andate molto diversamente dalla narrazione ufficiale (come sempre)

    2. Ciao Giovanni, ottima riflessione. Vorrebbero che avesse un altro ruolo. Lo penso anche io. Credo che i Nato, ancora da stabilire se tramite trattativa o più improbabilmente con il proseguo ad oltranza del conflitto ibrido, voglia cinturare una parte dell’ Ucraina. La ripetizione europea del conflitto Korrano del ’54. Saluti

  2. Finalmente. Scappa parassita assassino. Spero che la giustizia divina, e pure russa, ti acchiappi lo stesso.

    1. ….sicuramente. Ricordi com’è finito il capo dei famigerati “caschi bianchi” (ex agente dell’MI 6)?

      1. Ciao Nessuno, ammetto con umiltà che non so di preciso a che ti riferisci. Posso andare per deduzione, non ero nato ancora al tempo. Sono del 73. Sono quasi certo tu ti riferisca al conflitto israelo-arabo del 67. Non al Vietnam. Incidente della nave americana affondata da Tel Aviv? Saluti

        1. Perdonami sono stato un po vago. James Le Mesurier è stato co-fondatore di quella masnada di fasulli detti “caschi bianchi” durante il conflitto Siriano (tutt’ora in corso). Spacciandosi per organizzazione umanitaria in realtà questo gruppo era fiancheggiatore dell’ISIS; quando grazie all’intervento Russo il governo di Assad è stato messo in sicurezza e l’ISIS ridotto ai minimi termini, il corpo di questo “benefattore” è stato rinvenuto ad Instambul privo di vita (novembre 2019). Alcuni accreditano la tesi del suicidio per accuse infamanti, altri la tesi di un omicidio.
          cordialmente

          1. No no rileggendo eri stato preciso. Sono io che all’ ora di cena faccio fatica a leggere. Inoltre sti caratteri senza occhiali ammetto di vederli a stento. Avevo capito caschi blu, e sbagliato periodo storico. Inoltre le poche notizie scritte sui quotidiani, e le pochissime testate on line nel 2011, mi avevano tenuto all’ oscuro del fatto. Grazie per l’ illuminazione. Un bugiardo doppiogiochista filosionista in meno. Caschi bianchi? Una cagata americana per avvicinare i giovani, sempre più stanchi ed avulsi, alla guerra. Spero che in ben pochi si facciano allettare. Cari saluti

  3. Le forze del male sono in stato di agitazione e frustrazione, poveracce, esse che si credevano onnipotenti. Ha ha ha ha ha !!!!!

  4. Zelenskyller: così mi è sembrato, un pagliaccio vestito a festa per uccidere un popolo: ora, i suoi mandanti considerano la possibilità di mollarlo: cadono uno.alla volta gli idoli e chi li idolizza: i media, sempre più screditati.
    W Putin!
    Slava Rossii!

  5. Agli sconfitti dai russi dal ciarlatano Johnson in poi si aggiunge la squallida Nuland ; aspettiamo al varco Macron, Von der Leyen, Draghi , Scholz e gli altri squallidi traditori dei propri popoli

    1. Ciao Stalker, faccio un ipotesi. Non ritenendo più sicura Kiev essendo una grande città già bombardata più volte, e dato il continuo avanzare dei russi ritengo stiano lavorando ad uno spostamento di capitale. O quantomeno degl’ alti comandi di governo. In una zona sicura tipo Leopoli, vicino al confine polacco. Magari precedentemente allestita. Una specie di ripetizione della separazione Koreana. Saluti

  6. La “comicità” del sig. Zalensky (ebreo) ha portato alla morte centinaia di migliaia di ucraini + altri milioni fuggiti dal paese. Contemporaneamente si devono aggiungere milioni di ettari di fertilissime terre ucraina vendute a prezzi di saldo a 3-4 multinazionali controllate a loro volta non si sa bene da chi…Chissà perchè ma quando certi personaggi raggiungono il potere succedono sempre guerre, massacri e, SOPRATUTTO, travasi di proprietà.

  7. Dopo la Nuland aspettiamo che cadano birilli gli altri responsabili di due guerre perdute compresi i propagandisti che ci hanno asfissiato, torturato con il lavaggio del cervello

    1. Massimo disprezzo per i propagandisti. Corresponsabili delle morti e delle sofferenze che provoca la guerra che sostengono con le loro biro sporche di sangue!

  8. Il comico drogato zelensky non lo vedrei sul Gran Sasso, nel parco nazionale, a Campo Imperatore, ma molto meglio in usa, nel parco nazionale di Yellowstone … anche se il povero orso Yoghi, con il fido Bubu, sempre a caccia di cestini del picnic, non gradirebbe di sicuro e direbbe, facendo il saluto militare: “Ranger Smith, Ranger signore … c’è un intruso!”

    Se il ministro della difesa statunitoide austin, capo del pentagono (e dei parchi nazionali?) non sarà già morto di cancro, meglio che se lo porti là …

    Cari saluti

  9. Forse, gli occidentali sanno di un probabile colpo di stato???
    Oppure facendo scappare il comico ed il suo staff , l’occidente avrà una scusa per giustificare la sconfitta senza perdere troppo la faccia?
    Vedremo cosa accadrà.
    L’ukraina come l’Afghanistan!

  10. Non è la prima volta che un dittatore Fascista-Nazista scappa con i soldi che ha rubato al suo popolo negli USA !
    Da sempre la “democratica” america Fascista aiuta i suoi dittattori fantoccio a scappare negli USA !
    Con la speranza che gli ex dittatori fascisti ex puppazzi degli USA gli possano tornare utili !
    Sogni USA sempre infranti !
    Tutti i dittatori comunisti malgrado gli USA e i suoi satelliti della paesi della NATO abbiano sempre tentato di eliminarli usando ogni mezzo anche incivile e spendendo miliardi di dollari hanno quasi sempre fallito !
    Tutti i dittatori comunisti sono protetti dal loro stesso POPOLO che sta bene ed è ben trattato per questo motivo è molto difficile farli cadere !
    Tutti i dittatori fascisti fantoccio creati dagli USA e dai paesi NATO sono dittatori che affamano i loro popoli perciò quando scappano via con i soldi negli USA o nei paesi NATO non ci sarà mai nessun loro ex suddito che desidera il ritorno del loro dittatore fascista Filo-USA !

    1. Perfetto TACABANDA … ormai conosciamo a memoria il lungo elenco di sanguinari tiranni messi al potere dagli anglo americani, che una volta sconfitti sono fuggiti negli USA con il malloppo sottratto al proprio popolo, alcune volte i loro stessi mandanti non gli hanno permesso di godersi l’esilio dorato, tappandogli la bocca per sempre … non sto a ripetere l’elenco … Batista da Cuba, Lon Nol dal Vietnam del sud, Reza Palhavi dall’Iran, Somoza dal Nicaragua, Marcos dalle Filippine e tantissimi altri ! Uno dei prossimi potrebbe essere il comico, a meno che venga eliminato sul posto dai propri mandanti, se lo riterranno più utile da morto, giustiziato dalla resistenza ucraina o centrato da un missile russo !

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM