"Onesto è colui che cambia il proprio pensiero per accordarlo alla verità. Disonesto è colui che cambia la verità per accordarla al proprio pensiero". Proverbio Arabo

Gli alleati europei degli USA e della NATO sono “terrorizzati” per la fine delle vecchie certezze

di  Pepe Escobar

Trump ha ragione – La NATO è obsoleta, e se l’Europa vuole combattere i nemici immaginari, dovrebbe pagarsi le spese a modo suo
Terrorizzati da Trump, gli eurocrati di Bruxelles in questi ultimi giorni hanno trasmesso i loro timori ad Asia Times circa la fine della NATO, la fine dell’Organizzazione mondiale del commercio, persino la fine dell’UE.
Il livello d’isteria è giunto al culmine. Dopo il vertice della NATO a Bruxelles, il declino definitivo dell’Occidente è stato dichiarato da un accordo fatto mentre il presidente Trump si preparava a incontrare il presidente Putin a Helsinki.

Era stato lo stesso Trump a decretare che voleva parlare con Putin a porte chiuse, faccia a faccia, senza aiutanti e, in teoria, spontaneamente, dopo  che era stata annullata la riunione preparatoria tra il Segretario di Stato Mike Pompeo e il Ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov.  Il summit si svolge nel palazzo presidenziale dei primi del XIX secolo a Helsinki, ex residenza degli imperatori russi.

Come preambolo per Helsinki, lo spettacolare blitzkrieg di Trump alla NATO è stata una rappresentazione scenica per i secoli; i vari “leader” assortiti a Bruxelles semplicemente non sapevano cosa li stava colpendo. Trump non si è nemmeno preoccupato di arrivare in tempo per le sessioni mattutine relative alla possibile adesione di Ucraina e Georgia. I diplomatici hanno confermato ad Asia Times che, dopo la pungente “tirata d’orecchi o altra” sgridata di Trump, all’Ucraina e alla Georgia è stato chiesto di lasciare la stanza perché ciò di cui sarebbe discusso era strettamente un problema interno alla NATO.

In anteprima sul vertice, gli eurocrati si sono lasciati trasportare da interminabili cariche di “illiberalismo” che hanno preso il sopravvento, da Viktor Orban in Ungheria a Sultan Erdogan in Turchia, e tutti si sono dedicati a piangere per la “distruzione dell’unità europea” (sì, è sempre colpa di Putin). Trump però non ne avrebbe avuto motivo. Il presidente degli Stati Uniti mette insieme l’UE e la NATO, interpretando l’UE come un rivale, proprio come la Cina, ma molto più debole. Per quanto riguarda il “patto” USA con la NATO, proprio come il NAFTA, questo è un cattivo affare, secondo Trump.

La NATO è ‘obsoleta’

Trump ha ragione che senza gli Stati Uniti la NATO è una organizzazione “obsoleta” – come nel non-esistente. Quindi, in sostanza, ciò che ha fatto a Bruxelles ha messo a nudo il caso per la NATO come racket di protezione, con Washington che ha pienamente diritto ad alzare la posta in gioco per la “protezione”.

Ma “protezione” contro cosa?

Dopo lo smembramento della Jugoslavia, quando la NATO è stata riposizionata nel suo nuovo ruolo di Robocop imperialista e umanitario globale, il record dell’alleanza è assolutamente deprimente.

Questo bilancio ha comportato miseramente la perdita di una guerra senza fine di 17 anni in Afghanistan, contro un gruppo di guerrieri pashtun armati di repliche kalashnikov; ha comportato l’aver trasformato la Libia, da paese  funzionale e sviluppato in una terra desolata di milizie jihadiste e quartier generale per i rifugiati collegati all’esodo verso l’Europa; e l’avere fatto perdere, al Consiglio di cooperazione del Golfo tramite la NATO, la sua scommessa su una galassia di jihadisti e cripto-jihadisti che dovevano impadronirsi della Siria, trasformati in “ribelli moderati”.

La NATO ha lanciato una nuova missione di addestramento, non di combattimento in Iraq; 15 anni dopo lo Shock dell’ivasione USA, i sunniti, gli sciiti, gli yazidi e persino le fazioni kurde non sono rimaste impressionate e tutti rifiutano la “protezione” degli USA e della NATO.

NATO Operazione Libia

Poi c’è la NATO della ” Readiness Initiative”; la capacità di schierare 30 battaglioni, 30 navi da guerra e 30 squadroni di aeromobili entro 30 giorni (o meno) entro il 2020. Se non per devastare il Sud del mondo, questa iniziativa è presumibilmente istituita per scoraggiare “l’aggressione russa”.

Quindi, dopo essersi dilettati nella “Guerra Globale al Terrore” (di George W. Bush e Dick Cheney), la NATO è essenzialmente tornata alla “minaccia” originale; l’imminente invasione russa dell’Europa occidentale – una nozione ridicola se mai ce ne fosse stata una. La dichiarazione finale a Bruxelles lo spiega esplicitamente, con particolare enfasi sul punto 6 e sul punto 7.

Il PIL combinato di tutti i membri della NATO è 12 volte quello della Russia. E la spesa per la difesa della NATO è sei volte più grande della Russia. Contrariamente all’isteria polacca e baltica non-stop, la Russia non ha bisogno di “invadere” nulla; ciò che preoccupa il Cremlino, a lungo termine, è il benessere dei russi etnici che vivono nelle ex repubbliche sovietiche.

La Russia non può essere sia una minaccia che un partner energetico nello stesso tempo.
Poi c’è la politica energetica europea – e questa è una storia completamente diversa.

Trump ha descritto il gasdotto Nord Stream 2 come “inappropriato”, ma la sua affermazione che la Germania ottiene il 70% della sua energia (attraverso le importazioni di gas naturale) dalla Russia potrebbe essere facilmente ridimensionata. La Germania ottiene al massimo il 9% della sua energia dalla Russia. In termini di fonti di energia della Germania , solo il 20% è gas naturale. E meno del 40% del gas naturale in Germania proviene dalla Russia. La Germania sta procedendo rapidamente verso l’eolico, il solare, la biomassa e l’energia idroelettrica, che rappresentano il 41% del totale nel 2018. L’obiettivo è il 50% entro il 2030.

Eppure Trump ha un punto di forza quando, sottolineando che “la Germania è un paese ricco”, vuole sapere perché l’America dovrebbe “proteggerti contro la Russia” quando gli accordi sull’energia sono sul tavolo. “Spiega quello che non può essere spiegato! “, Come riferito a Jens Stoltenberg, segretario generale della Nato, mercoledì.

Alla fine, ovviamente, si tratta di affari. Quello a cui Trump punta davvero è che la Germania importi il gas di scisto americano, tre volte più costoso del gas russo fornito dal gasdotto.

L’angolo di energia è direttamente collegato alla infinita soap opera della spesa per la difesa del 2%. La Germania spende attualmente l’1,2% del PIL della NATO. entro il 2024, dovrebbe raggiungere al massimo l’1,5%. E questo è tutto. La maggioranza degli elettori tedeschi, infatti, vogliono le truppe USA fuori dal paese.

Quindi la domanda di Trump per il 4% del PIL sulla spesa per la difesa per tutti i membri della NATO non potrà mai volare. La proposta delle vendite di armi USA dovrebbe essere vista per quello che è: un “invito” provvisorio per un aumento della spesa per lo shopping UE e NATO sull’hardware militare americano.

In poche parole, il fattore chiave rimane che il blitzkrieg di Trump a Bruxelles ha fatto il suo corso. La Russia non può essere una “minaccia” e un partner energetico affidabile allo stesso tempo. Per quanto i barboncini della NATO possano essere terrorizzati dall’aggressione russa, i fatti spiegano che non metteranno i loro soldi dove si colloca la loro isteria retorica.

Fonte: Asia Times

Traduzione: Sergei Leonov

*

code

  1. Brancaleone 1 mese fa

    Il gioco delle tre carte che fanno negli autogrill si addice a trump ed ha anche le ” phisique du role”. Magari fosse vero che le sue basi si levano dai cgli.

    Rispondi Mi piace Non mi piace