Giubbotti gialli, atto VII: A Rouen bruciato il portale della Banque de France

Grande preoccupazione fra le autorità di Parigi: la protesta dei “gilet gialli” non accenna a placarsi.

A metà giornata di questa protesta dei gilet gialli, è necessaria una prima osservazione: la mobilitazione è piuttosto debole a Parigi, dove alcuni manifestanti hanno tuttavia raggiunto tardi gli Champs-Elysees.

D’altra parte, in diverse città di provincia, tra cui Rouen, Caen, Marsiglia, Tarbes e Pau, un gran numero di giubbotti gialli sfilava le strade in generale in un’atmosfera tranquilla, anche se a Rouen le tensioni con la polizia ti fanno sentire

A Rouen è stato bruciato il portale della Banque de France:

“Gilet gialli”: fuoco alla porta della Banca di Francia e scontri con la polizia a Rouen
MOBILITAZIONE L’evento “gilet gialli” ha riunito tra 800 e 1.000 persone nel pomeriggio, secondo la prefettura …

Il muro della Banca di Francia è stato bruciato questo sabato a Rouen durante una dimostrazione di “giubbotti gialli” che hanno riunito circa un migliaio di persone sullo sfondo degli scontri con la polizia , come abbiamo imparato da della prefettura. Questo è il settimo sabato di mobilitazione dall’inizio delle proteste..
La polizia della Senna Marittima ha riferito sul suo account Twitter di “lancio di proiettili, spazzatura, barricate” nel centro della città di Rouen. Scontri tra polizia e manifestanti hanno avuto luogo vicino alla stazione SNCF, con la sparatoria di gas lacrimogeni intorno alle 11:30, ha riferito un corrispondente della AFP.
“I gilet gialli ” hanno piazzato un bidone della spazzatura da magazzino vicino alla porta e poi hanno dato fuoco a questo”, ha riferito la fonte alla AFP, aggiungendo che la porta era “rimasta danneggiata” dal fuoco, che è stato estinto dai vigili del fuoco. La dimostrazione di “giubbotti gialli” ha raccolto circa 800 persone sabato mattina a Rouen e tra 800 e 1.000 persone nel pomeriggio, secondo la prefettura.
I manifestanti hanno scandito slogans chiedendo le dimissioni di Macron.


Nota: Grande preoccupazione fra le autorità di Parigi: si osserva che, se le proteste prendono di mira le banche, questo non potrà più essere tollerato. Macron in persona ha lanciato l’allarme ed ha preannunciato uno stato di misure eccezionali per fronteggiare la violenza.

 Fonti:  Egalitè et reconciliation    https://www.francetvinfo.fr/economie/

Traduzione: Alejandro Sanchez

3 Commenti

  • Max Tuanton
    29 Dicembre 2018

    Sono I Rothschild e gli Ebrei da prendere di Mira ,tutte le Banche soon Ebree dalla Lazar bank hambro bank jp morgan ecc tutte ebree , a colpire le Banche si colpisce il potere Ebraico e Massonico ,una Bella pulizia etnica di Espulsione ecco cosa ci vorrebbe ,mandare via gli ebrei con le loro Banche e media depravati assieme ai massoni caricarli su di Un Bel Titanic e ricacciarli fuori dall’europa a colpi di Obice , destinazione Madagascar e guai se tornano ,Fiano la cabina CE l’ha gia prenotata che vada a rompere l’anima con l’Olotruffa agli Zulu d’afrika grosso com’e ‘ lo fanno allo Spiedo in Salsa kosher

  • Mardunolbo
    30 Dicembre 2018

    Max Tuantuono mi fa scompisciare dal ridere…Fiano fatto allo spiedo in salsa kosher …ah,ah !

  • atlas
    30 Dicembre 2018

    non vedo in azione i gruppi di controguerriglia (black blok). La nato ha abbandonato Macron ?

Rispondi a Mardunolbo cancella risposta

*

code