Giacimento petrolifero occupato dagli Stati Uniti preso di mira dai missili nel nord-est della Siria


Gli attacchi contro le basi statunitensi in Siria sono diventati all’ordine del giorno poiché la presenza illegale di Washington nel paese continua a provocare disprezzo e riprovazione.

Un attacco missilistico ha colpito la base militare del Green Village di Washington nel giacimento petrolifero Al-Omar di Deir Ezzor il 17 novembre, secondo una dichiarazione del Comando centrale degli Stati Uniti (CENTCOM).

“La sera del 17 novembre, verso le 21:32 ora locale in Siria, i razzi hanno colpito le forze della coalizione nella base del Green Village nel nord-est della Siria. L’attacco non ha provocato feriti o danni alla base o alle proprietà della coalizione. Le forze statunitensi nel nord-est della Siria stanno indagando sull’incidente”, si legge nella dichiarazione del CENTCOM.

Un canale di notizie di Telegram affiliato alle Unità di mobilitazione popolare (PMU) irachene, Sabereen News , aveva inizialmente riferito che un certo numero di missili era atterrato nelle vicinanze del giacimento e della base petrolifera controllati dagli Stati Uniti.

Inoltre, Radio Souryana, in lingua araba con sede in Siria, ha riferito che si sono sentite diverse forti esplosioni provenire dall’interno della struttura militare e che poco dopo sono stati visti elicotteri d’attacco statunitensi sorvolare la base a bassa quota.

Il portavoce del CENTCOM, Joe Buccino, ha affermato in seguito alla dichiarazione degli Stati Uniti secondo cui attacchi “di questo tipo mettono a rischio le forze della coalizione e la popolazione civile e minano la stabilità e la sicurezza guadagnate con fatica della Siria e della regione” (sic)..

La base militare statunitense nel giacimento petrolifero di Al-Omar viene regolarmente attaccata da droni o missili , solitamente lanciati da gruppi di resistenza non identificati. Gli attacchi sono spesso attribuiti dai media dell’opposizione al Corpo delle guardie rivoluzionarie islamiche (IRGC) dell’Iran.

Anche altre basi statunitensi in Siria sono state attaccate in diverse occasioni, a significare un crescente malcontento per la presenza militare illegale di Washington nel paese, incentrata sul saccheggio delle risorse naturali siriane con il pretesto di affrontare l’ ISIS .

Questo malcontento ha portato a diversi casi di attacchi dei gruppi della resistenza siriana contro le forze di occupazione statunitensi, a parte le operazioni con razzi o droni. Solo pochi giorni fa, un convoglio militare statunitense è stato costretto a tornare alla sua base dopo essere stato espulso dalla popolazione siriana locala a Qamishli.

All’inizio del mese, i soldati dell’esercito arabo siriano (SAA) hanno bloccato un convoglio di soldati statunitensi nel governatorato nord-orientale di Hasakah, costringendoli a tornare indietro. Tali incidenti sono diventati comuni in Siria.

Nonostante il crescente malcontento, tuttavia, gli Stati Uniti hanno recentemente espresso che non hanno intenzione di ritirarsi dalla occupazione del nord est della Siria o di porre fine alla loro politica di sanzioni draconiane contro Damasco.

Fonte: The Cradle

Traduzione: luciano Lago
Giacimento petrolifero di Al-Omar

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM