Gesù sepolto sotto le macerie a Betlemme

di Finian Cunningham

Biden, Netanyahu e tutti i facilitatori occidentali sono le figure degli Erodi di oggi che 2.000 anni fa massacrarono i bambini nel tentativo di uccidere il Figlio di Dio.

Quest’anno tutte le Chiese cristiane di Betlemme non celebreranno il Natale come di consueto. Ci saranno funzioni religiose e preghiere ma non ci saranno festeggiamenti e luci.

Amen per questo!

L’ atmosfera prevalente è quella di lutto e di solidarietà con il popolo di Gaza e della Cisgiordania che sta subendo la violenza genocida da parte dello stato israeliano sostenuto dall’occidente.

Betlemme è il luogo di nascita storico di Gesù che i cristiani credono sia il Figlio di Dio. Quasi 2.000 anni fa, i cristiani credono che il “salvatore del mondo” sia nato nella povertà e in un’umile stalla a Betlemme, una città in quello che oggi è il territorio palestinese occupato della Cisgiordania.

Invece dell’Impero Romano, ora abbiamo gli Stati Uniti e la loro guarnigione israeliana armata dagli americani.

Ogni anno di solito si svolgono magnifiche celebrazioni per commemorare il Natale a Betlemme, con uno splendido albero di Natale gigante illuminato in alto nella piazza della città, insieme a fuochi d’artificio e frotte di pellegrini provenienti da tutto il mondo.

Quest’anno, tuttavia, non ci saranno visitatori dall’estero poiché la Cisgiordania e Gaza, l’altro territorio palestinese, sono sommersi da una violenza militare incredibilmente brutale, perpetrata impunemente dallo Stato israeliano, armato fino ai denti da un’indulgente Washington.

L’assalto israeliano contro civili indifesi viene dichiarato dallo sguardo accigliato del primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu, e approvato dai governi occidentali, come una ritorsione per un attacco mortale del gruppo militante Hamas il 7 ottobre.

In realtà, per molti altri osservatori, si tratta di un’atroce e opportunistica intensificazione del genocidio per cancellare la Palestina e i palestinesi dalla mappa geografica. Gli israeliani hanno ammesso questo obiettivo. Il genocidio al rallentatore dei palestinesi che va avanti da decenni con il consenso americano ed europeo (sotto la maschera di un processo di pace e di fornitura di aiuti umanitari) è ora orribilmente accelerato. Non c’è più finzione adesso. Ed è scioccante quanto sia palese e sfacciato senza alcuna obiezione da parte dei governi occidentali. Ogni giorno la mattanza viene trasmessa in televisione come se fosse normale o scusabile.

Palestinians pray by the bodies of relatives killed following Israeli bombardment, at Al-Aqsa hospital in Deir Al-Balah in the central Gaza Strip on November 1, 2023, amid ongoing battles between Israel and the Palestinian Hamas movement. (Photo by MAHMUD HAMS / AFP)

Da più di 60 giorni le forze israeliane bombardano Gaza e uccidono sistematicamente i palestinesi in Cisgiordania. Il bilancio delle vittime ha superato i 16.000 con oltre 40.000 vittime. La maggior parte delle vittime sono bambini e donne, con molte migliaia di dispersi, sepolti sotto le macerie degli attacchi aerei israeliani indiscriminati.

Oltre l’80% dei 2,2 milioni di abitanti di Gaza sono stati sfollati a causa dei bombardamenti israeliani. Nessun posto è sicuro nella piccola enclave costiera. Ospedali, scuole, moschee, chiese e campi profughi gestiti dalle Nazioni Unite sono stati attaccati.

La valorizzazione di Israele da parte dell’amministrazione Biden per la creazione delle cosiddette zone sicure è una copertura cinica e nauseante per l’omicidio di massa. Gli Stati Uniti, l’Unione Europea e i media occidentali sono tutti complici di questa malvagia farsa. Il genocidio quotidiano da parte di Israele senza alcuna genuina, significativa obiezione pratica da parte delle potenze occidentali e dei loro media lacchè è un abominio. Lungi dall’obiettare, gli Stati Uniti stanno armando Israele con bombe pesanti anti-bunker per distruggere Gaza e tutti coloro che vivono lì. I politici di Washington esultano per il bagno di sangue.

Considerati gli spaventosi crimini di guerra e la barbara disumanità mostrati dal regime israeliano, è giusto – assolutamente giusto – che gli eventi natalizi a Betlemme non seguano le normali celebrazioni. Quest’anno più che mai essere cristiano significa testimoniare la strage degli innocenti e prendere posizione nella solidarietà.

Ciò darà ai cosiddetti cristiani americani ed europei una pausa per riflettere? Il luogo di nascita di Cristo per l’amor di Cristo! Può essere più contraddittorio?

Tutte le Chiese di Betlemme si sono unite in solidarietà con le persone sofferenti in Terra Santa, comprese la Chiesa cattolica romana, quella greco-ortodossa e quella armena.

Il Patriarca greco a Betlemme, padre Issa Musleh, ha spiegato : “Quest’anno sarà completamente diverso. Non ci saranno luci, non avremo l’albero di Natale, piangeremo coloro che sono stati massacrati a Gaza. C’è una profonda atmosfera di dolore qui. Tutte le Chiese hanno deciso di celebrare solo le funzioni religiose nel periodo natalizio”.

La Chiesa evangelica luterana di Betlemme, guidata dal pastore Munther Ishaq, sta sostituendo il normale presepe di Gesù bambino in una stalla con un bambino sepolto sotto le macerie di cemento. È una potente rievocazione del primo Natale che riflette le vili circostanze di oggi in Palestina.

Per i cristiani, questa rappresentazione di Gesù sotto le macerie nell’odierna Terra Santa palestinese dovrebbe essere perfettamente coerente con l’evento originale, non semplicemente con un revisionismo moderno e di tendenza.

Il pastore Ishaq ha detto: “È impossibile celebrare il Natale quest’anno quando il nostro popolo a Gaza sta attraversando un genocidio… Volevamo inviare un messaggio al mondo. Un messaggio che mentre il mondo intero celebra il Natale in modo festoso, questo è ciò che il Natale rappresenta per noi”.

Vittime a Gaza

Il parroco ha aggiunto: “Il Natale è la solidarietà di Dio con chi è oppresso, con chi soffre. E se Gesù dovesse rinascere quest’anno, nascerà sotto le macerie di Gaza in solidarietà con coloro che soffrono”.

Questa è una straordinaria rivelazione di cosa significhi essere cristiani oggi. Dobbiamo stare dalla parte degli oppressi o degli oppressori?

Le presunte grandi potenze temporali degli Stati Uniti e dei loro alleati occidentali si stanno evidentemente schierando con lo stato oppressore di Israele. Sono sempre stati da quella parte. Gli Stati Uniti, la Gran Bretagna e le potenze coloniali fondarono lo stato sionista nel 1948 attraverso imbrogli e tradimenti in completa violazione dei popoli indigeni della Terra Santa. Hanno sponsorizzato 75 anni di brutale oppressione, terrorismo di stato ed espropriazione implacabile. Queste stesse potenze continuano a farlo anche mentre Israele sta commettendo un genocidio davanti agli occhi del mondo.

Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden e i suoi lacchè occidentali stanno consentendo il genocidio mentre nascondono la loro complicità con parole ciniche secondo cui Israele deve dar prova di moderazione nell’assassinio di civili.

Probabilmente, chiunque non comprenda il Natale nel modo in cui lo capiscono i palestinesi non è degno di definirsi cristiano.

Quegli americani ed europei, soprattutto quelli che si schierano con il cosiddetto diritto all’autodifesa dell’Israele sionista a causa di una contorta fede fondamentalista in Dio, sono particolarmente condannabili. Sono una perversione della fede cristiana.

Quest’anno il mondo intero ha bisogno di commemorare il Natale in modo radicalmente diverso. La nascita di Gesù dovrebbe essere sempre un evento rivoluzionario da commemorare. Ogni anno dovrebbe essere incentrato sulla solidarietà con le persone del mondo che sono oppresse e sfruttate, oppresse e diseredate. Non è sempre chiaro, tuttavia, chi siano le vittime giuste in questo mondo e da quale parte starebbe Dio. Quest’anno è assolutamente chiaro e sorprendentemente così.

Biden, Netanyahu e tutti i facilitatori occidentali sono le figure dell’anticristo e degli Erodi di oggi che 2.000 anni fa massacrarono i bambini nel tentativo di uccidere il Figlio di Dio.

Sono i nemici dell’umanità nel nostro presente momento storico. Se c’è qualche speranza che può emergere dall’orrore di Gaza e del resto della Palestina oggi è la rivelazione al mondo di chi e cosa (il loro sistema imperialista) sono i nemici dell’umanità. Quella verità è la verità per rendere libera l’umanità.

Finian CUNNINGHAM

Fonte: Strategic Culture

Traduzione: Luciano Lago

4 commenti su “Gesù sepolto sotto le macerie a Betlemme

  1. vergogna per l’indifferenza dell’occidente che si proclama cristiano ma il suo Natale è da anni fatto solo di shopping con tante lucette. Saremmo capaci di rinunciare ai regali per onorare la memoria dei bambini morti in guerra?

  2. Israele come l’Ucraina senza il totale appoggio anglosassone non avrebbe identità politica; del genocidio dei palestinesi sono responsabili gli USA, e a causa loro quest’anno CRISTO nasce sotto le macerie di Gaza

  3. Il cosiddetto occidente è completamente nelle mani dei folli di Tel Aviv, secondo canali social americani di destra Biden sarebbe ridotto a girare nudo per la Casa Bianca nudo e in preda ad anfetamine e benzopirene, in pratica i suoi gestori ebrei del suo gabinetto, tutti uomini del mossad e del bnai brith, possono fare quello che vogliono.
    Le due squadre navali americane con le due portaerei, la Ford nel Mediterraneo e la Eisenhower nel Golfo Persico, fanno da deterrenti dei sionisti fino ad un certo punto, la Ford si è ritirata verso le coste italiane per timore dei missili ipersonici antinave russi, la Eisenhower sta gironzolando poco fuori dalle acque territoriali iraniane, sorvolata dai droni iraniani e a portata dei loro missili.
    Purtroppo essendo una portaerei nucleare è di per se stessa una trappola, potrebbe contaminare le acque del Golfo per secoli, gli ebrei hanno incastrato i goim che ci sono sopra e quelli che vivono nelle acque del Golfo.
    A Gaza è stata distrutta la Grande Moschea del XIV secolo e pure la facoltà di medicina, i morti e i feriti sono decine di migliaia, eppure continuano gli attacchi contro i convogli degli sfollati che si spostano verso sud come pure gli attacchi alle città della Cisgiordania, i giovani prigionieri palestinesi vengono stuprati e torturati, il vecchio premier folle ha minacciato pure il Libano e bombarda la Siria, alti ufficiali iraniani sono morti sotto le loro bombe.
    Putin è volato negli Emirati e in Arabia Saudita e i caccia americani della Eisenhower non hanno cercato di abbatterlo, forse perchè era scortato da Sukhoi-35 con capacità nucleare, poi a Mosca ha incontrato il presidente iraniano Raisi, ormai il confronto-scontro è tra Putin e il vecchio premier sionista padrone della carcassa di Biden.
    La lobby sionista in Russia è forte, il presidente del consiglio di sicurezza federale Patrushev è ebreo come pure il primo ministro, ma ormai la lobby ebraica sta perdendo forza.
    In fondo gli ebrei in Russia non sono nemmeno 100000 su 160 milioni di persone inclusi i territori annessi e gli immigrati che stanno prendendo la cittadinanza, quindi il potere ebraico è limitato, come lo sarà pure in Ucraina quando sarà stata annessa alla Russia, visto che lì di ebrei ce ne sono rimasti poche migliaia.
    Eliminato fisicamente Zelensky e scappato nella Palestina occupata il suo patrono Kolomoisky il potere ebraico in Ucraina sparirà e gli antisemiti russi, ortodossi ed islamici, potranno devastare gli antichi centri di cultura ebraici della regione.

  4. Strano che nessun artista italico abbia creato un presepe Natalizio reale dove i Nazisti Israeliani aiutati dagli USA e dai paesi NATO bombardano una famiglia Palestinese Indifesa e il loro bambino appena nato di nome Gesù !
    Sarebbe bello vedere un presepe realistico moderno di cosa combinano oggi gli ebrei in Palestina !
    Vi immaginate una stella cometa Natalizia che in realtà è un missile Israeliano che vuole assassinare i tre Re Magi e tutta la famigliola Palestinese indifesa compreso il neonato Gesù cristo e perfino il bue e l” asinello ?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by madidus