Germania: Invasione Islamica un “RISCHIO PER LA SICUREZZA” secondo L’EX funzionario della Polizia tedesca


L’ex funzionario di polizia e autore, Stefan Schubert , scrive che l’invasione di migranti islamici deve vedersi come una minaccia esistente per la Germania.
Le città sono diventate da lungo tempo un pericoloso mix di criminalità, violenza, alcol, droghe e radicalizzazione islamica salafita. Questo sviluppo è stato causato dall’apertura del confine nel 2015, che ha portato ad un aumento del crimine degli immigrati musulmani.

Nel suo nuovo libro “Security risk Islam”, Schubert vuole mostrare i pericoli per le società occidentali derivanti dalle migrazioni incontrollate.

Le recenti statistiche mostrano che l’inmigrazione incontrollata di masse di islamici ha dato un contributo significativo allo sviluppo del crimine nel paese. Recenti statistiche sui crimini confermano questa tesi: la criminalità sessuale riscontrata a Colonia, il crimine dei clan arabi organizzati in mafie, l’uccisione di ragazze, l’ondata criminale generalizzata, l’occupazione dello spazio pubblico da parte di gruppi di migranti forzati, disordini nelle piscine all’aperto, nelle stazioni ferroviarie e durante le pause in città, atti terroristici come ai Mercatini di Natale a Berlino, Ansbach, Amburgo e Würzburg, attacchi con coltelli, come avvenuto a Chemnitz, attacchi di richiedenti asilo nell’Amberg bavarese e atti di violenza estrema in pubblico come a Stoccarda. In tutti questi casi vediamo un dato comune: l’origine etnico religiosa dei criminali.


I criminali sono prevalentemente uomini musulmani sunniti imbevuti di ideologia radicale (salafita e wahabita) e le vittime sono quasi esclusivamente residenti locali. L’Islam radicale sappiamo che propugna quindi una divisione radicale della società. L’odio per , cristiani, ebrei, “infedeli” in genere e per le abitudini occidentali è un terreno fertile per seminare il terrore, la violenza e, di conseguenza, per il crimine. La radicalizzazione dei migranti viene favorita dalla presenza di Iman islamici provenienti da Arabia Saudita e Qatar nelle moschee (legali e illegali) presenti nel paese.

Moschea in Germania

Qual è il piano del governo federale? Si chiede Stefan Schubert. Che cosa succede se l’integrazione di milioni di immigrati musulmani in Germania non solo fallisce, ma porta anche a tensioni estreme nel paese?

Il sociologo e ricercatore sulla migrazione, Ruud Koopmans, ha concluso, in uno studio completo del Centro di ricerca sulle scienze sociali di Berlino, dopo aver esaminato i musulmani in sei paesi europei, che i due terzi dei musulmani interrogati considerano le leggi religiose più importanti delle leggi del paese in cui vivono.

Questo ostacola decisamente le possibilità di integrazione di queste persone che non sono disponibili a rinunciare ad alcune delle loro abitudini radicate, come portare il burka o ritenere la donna un soggetto inferiore.
Soprattutto nelle città dell’Europa occidentale, è emersa una miscela esplosiva di criminalità, violenza, alcol, droghe e radicalizzazione islamica. Questi eventi sono già così avanzati che i circoli di sicurezza chiamano questa miscela di criminalità come “jihad gangster”.

Numerose aberrazioni sociali si prevede che potranno peggiorare la situazione della sicurezza nel prossimo futuro. La motivazione principale per la pubblicazione del libro “Il rischio per la sicurezza dell’Islam”, secondo l’autore era nella speranza che il “punto di non ritorno” non fosse ancora completato, ha riassunto Stefan Schubert.

Fonte: News Front

Traduzione: Sergei Leonov

15 Commenti

  • daria
    14 Agosto 2019

    Ma noo, tutto questo e’ impossibile.
    Gli immigrati ci portano la cultura (Boldrini).

  • kaius
    14 Agosto 2019

    Meglio l islam che stare in mezzo ai froci,pedofili,trans,puttane,drogati,infanticidi e feccia disumana del genere.
    Non c e’ alcun pericolo per il Cristianesimo,quello e’ stato ripudiato anni e anni fa dagli occidentali stessi.
    Quindi non vedo dove sia il problema se qualche sacco di merda venga sbattuto per terra.

  • amadeus
    14 Agosto 2019

    Il rischio non é solo per la germania ma per l’europa intera Italia compresa, come mai il funzionario parla solo per la sua nazione ?!

    • atlas
      16 Agosto 2019

      ” Ma facciamo un esempio di questi Paesi che, beati loro, quando dicono NO è NO! Australia, la più famosa tra tutti, in cui c’è la politica del ‘Sovereign borders’ con tanto di propaganda ‘NO Way’, ma anche Stati Uniti (addirittura il muro con il Messico), Canada, Russia, Cina, India e quant’altri. Paesi completamente differenti tra loro per politica, tradizioni e cultura ma, fateci caso, una gran cosa in comune ce l’hanno. Cosa?
      Semplice – sono Paesi sovrani. Magari anche alleati tra loro in alcuni casi ma nessuno dice all’altro cosa deve fare. Per il semplice motivo che sono alleati PARITARI. Ecco, si può essere alleati, si può partecipare ad una coalizione politica o economica, e si può comunque essere sovrani a casa propria. Il problema del tipo di alleanze che legano invece l’Italia – NATO e UE tra tutte – consiste nel fatto che i nostri tipi di alleanza non sono per niente paritari. A noi non ci lasciano decidere se tenere i porti aperti o i porti chiusi, se tenerci o meno le basi militari con le testate nucleari, non ci fanno scegliere se fare o meno le sanzioni, quando, dove, come e a chi. Noi dobbiamo seguire gli indirizzi altrui. Se proviamo a fare di testa nostra ecco che ci mandano le star di Hollywood ad ammiccarci sensi di colpa, incoraggiano le ONG estere, ci ricattano con il movente ‘umanitario’, ma soprattutto, ci mettono gli uni contro gli altri per il trionfo del ‘divide et impera’ che non ci porta mai da nessuna parte. ”

      https://it.sputniknews.com/italia/201908157987062-Lampedusa-Open-Arms-Salvini-TAR-Trenta/?fbclid=IwAR2lWt_FtDTwTPhCNYdyfDoWzzUlhhsIRQpCyIsUgUzr58U9t9TL4tiItYs

  • atlas
    15 Agosto 2019

    in Germania da sempre 5 milioni di Turchi lavorano senza dare troppi fastidi. Ma non è questo il punto. Il punto è il fallimento di sistemi politici democratici giudeizzati permissivi, favorevoli alle società parallele e non punitivi, non della religione.

    Rumeni, polacchi, georgiani cosa sono, angeli che camminano sulla terra ?

    Islam ? E’ stimato che solo il 5% è praticante, e sono ONG wahhabite salafite cioè giudei, il resto, ‘criminalità, violenza, alcol, droghe’ cosa c’entra con qualunque religione che non sia satanista e massone ?

    Andate piuttosto a vedere come vengono trattati i criminali in Egitto e Algeria e com’era in Tunisia prima di scrivere di Islam Sunnita, altro che il bendato americ ano a Roma che ha ammazzato un cc e gli danno cappuccino e cornetto

    in Egitto ad es. ci si pensa molto prima di delinquere

  • atlas
    15 Agosto 2019

    • Gaetano
      15 Agosto 2019

      Questi baldi “uomini” del video saranno sicuramente gia da tempo nel paese del bengodi, Documenti nuovi di zeccha, casa popolare, welfare e “donne” italiane che gliela danno.
      (giusto per farvi incazzare)

      • atlas
        15 Agosto 2019

        guarda, in Egitto ci ho vissuto 2 mesi e andato e venuto una decina di volte, ma in Tunisia ho fatto la mia parte

        al tempo di Ben Ali prima del 2011 si scoprirono 300 organizzazioni di trafficanti in media l’anno, le cose funzionavano

        quello che mi fa incazzare è solo che la Tunisia oggi non funziona più, qui invece non ha mai funzionato, a meno che dal 1920 al ’43 o se no bisogna risalire al Regno delle Due Sicilie

  • Max Dewa
    15 Agosto 2019

    I musulmani sono le Trippe d’assalto cammellate degli Ebrei, Lo sono inconsciamente data l’ignoranza dilagante che si trova in quei climi da sahara , quando vengono qui dove c’e’ freddo e dove c’e’ una civilta’ Occidentals che valorizza LA Donna sti circoncisi musulmani impazziscono I’ll loro sistema nervoso e’ spacciato sotto I nostri cieli

    • Gaetano
      15 Agosto 2019

      È molto probabile che questi del video siano terroristi e abbiano ucciso.
      Naturalmente l’autore del video omette di riferire di cosa si sono resi responsabili quelle facce da galera.

      • atlas
        15 Agosto 2019

        ma non gli rispondere nemmeno, è un parassita che chiama ‘donne’ le occidentali solo perché non ha mai conosciuto FEMMINE Tunisine

  • Sed Vaste
    15 Agosto 2019

    Ah ah le femmine tunisine mo’ si chiamano cosi quegli energumeni che le rifanno lo sfintere , “sempra “di sentire malgioglio che va a Cuba per le Cubane e invece va a cubani almeno lei Atlas Alias Emanuele reho ebreo sia piu sincero ,non ho mai sentito nessun puttaniere che si rispetti dire adesso vado in Tunisia a tunisine , mai ! Lei va a sciabole di tunisini ,ah ah ah buon prolasso ! Le piace fare come il Suo consanguineo Parenzo noto ebreo pederasta finocchione

    • atlas
      15 Agosto 2019

      infatti non frequento puttane, sebbene ce ne siano (le case di prostituzione in Tunisia sono legali), non ne ho mai avuto la necessità. Per lo meno, mi capitò una volta di conoscere una ragazza velata (molto bella) in treno e arrivati a destinazione venne direttamente a casa mia (per conoscerci). Come entrò si tolse le mutandine e aprì le sue gambe: le diedi uno schiaffetto e la mandai via. Per chi mi aveva preso.

      Come vedi sono molto diverso da te e diverse sono le mentalità e le nostre destinazioni: sei tu che scrivi di stare a Transkok, dove ledimen e lediboy sono un’istituzione

      Malgioglio invece si aggira spesso dalle tue parti, in c.so Buenos Aires a Milano, si vede che lo conosci bene

      sei proprio uno squallore, finiscila di occupare spazi con le tue cretinate, solo io mi prendo l’impegno e ti rispondo come meriti, ma qui vorremmo discutere di cose serie e tu non sei certo un papa, ma solo un volgare tribuno ammaliato impostore filoameric ano

      e pure ricchione

  • Max Dewa
    16 Agosto 2019

    Ahh mi iimmagino LA fila di lolite tunisine che c’e’ per andare a gratis con lei Atlas uno di 53 anni Siciliano apostata col Cappellino da ebete il Kufi ah ah ah ! sembra di sentire Rocco che chiama academia Rocco un bordello e chiama prof delle zocc… , ma qui siamo in piena apocalisse ma almeno sia sincero Dica vado a sciabole musulmane negli hammam non c’e’ niente di male

Inserisci un Commento

*

code