George Soros: il Coronavirus È Un’opportunità Rivoluzionaria Per Completare I Nostri Obiettivi

In una nuova intervista, il miliardario di sinistra ha definito la pandemia di coronavirus “la crisi della mia vita”.

Di Martin Bürger

Il miliardario di sinistra globalista e radicale, George Soros, ha indicato che la pandemia di coronavirus apre la strada a cambiamenti sociali precedentemente ritenuti impossibili, definendo questa come “la crisi della mia vita”. Soros aveva vissuto la seconda guerra mondiale da giovane.

“Anche prima dell’ondata di pandemia, mi sono reso conto che eravamo in un momento rivoluzionario in cui ciò che sarebbe stato impossibile o addirittura inconcepibile in tempi normali era diventato non solo possibile, ma probabilmente assolutamente necessario”, ha detto durante un’intervista l’11 maggio.
Soros ha anche affermato che “l’Europa sta affrontando diversi pericoli esistenziali”.

Soros ha detto di essere “particolarmente preoccupato per la sopravvivenza dell’UE perché questa è un’unione incompleta”. Mentre, secondo il miliardario ungherese, l’Unione europea era “in procinto di essere creata”, quel processo “non è mai stato completato”.

Pertanto, Soros ha affermato che l’UE era “eccezionalmente vulnerabile – più vulnerabile degli Stati Uniti non solo perché è un’unione incompleta, ma anche perché si basa sullo stato di diritto”.

Soros ha anche commentato un recente conflitto tra Germania e UE. Il 5 maggio la Corte suprema tedesca ha stabilito che una delle decisioni della Corte di giustizia dell’UE in merito alle politiche della Banca centrale europea (BCE) non era giuridicamente vincolante. A sua volta, ha affermato la Corte di giustizia europea che essa deve avere giurisdizione da sola sulla BCE.

Nell’intervista, Soros si è schierato dalla parte dell’UE. “Quando la Germania è entrata nell’UE, si è impegnata a rispettare il diritto europeo”, ha affermato.
Soros ha espresso le sue paure che paesi come la Polonia o l’Ungheria potrebbero diventare più indipendenti dall’UE, se anche “la corte tedesca può mettere in discussione le decisioni della Corte di giustizia europea”.
Soros ha chiesto: “L’Ungheria e la Polonia possono decidere se seguire la legge europea o i propri tribunali – da chi è stata messa in dubbio la legittimità dall’UE? Questa domanda va al cuore stesso dell’UE, che si basa sullo stato di diritto. “

Proteste contro Soros in paesi dell’Est Europa

“La Polonia ha immediatamente colto l’occasione e ha affermato la supremazia dei suoi tribunali controllati dal governo sulla legge europea. In Ungheria, Viktor Orbán ha già usato l’emergenza COVID-19 e un parlamento conquistato per nominarsi dittatore “, ha affermato Soros.
Le ultime elezioni si sono svolte nel 2018 e la prossima è prevista per il 2020.
Inoltre, un nuovo sondaggio ha dimostrato che la maggior parte degli ungheresi (54 per cento) sembra sostenere le misure dell’amministrazione Orbán e voterebbe per lui.

“La sentenza rappresenta una minaccia che potrebbe distruggere l’Unione europea come istituzione basata sullo stato di diritto, proprio perché è stata pronunciata dalla corte costituzionale tedesca, che è l’istituzione più rispettata in Germania”, ha sottolineato Soros.
Nel corso del colloquio, Soros ha nuovamente parlato della sua idea di far emettere obbligazioni perpetue dall’UE, che ha chiamato “Consols”. Con i soldi creati tramite Consols, avrebbe finanziato la lotta contro la pandemia di COVID-19, nonché i cambiamenti climatici.
“Il presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen afferma che l’Europa ha bisogno di circa 1 trilione di euro (1,1 trilioni di dollari) per combattere questa pandemia, e avrebbe dovuto aggiungere altri 1 trilione di euro per i cambiamenti climatici”, secondo Soros.

Soros ha detto che le “consols “non dovrebbero mai essere emesse in tempi normali, ma sono l’ideale in questo momento”. Tuttavia, non ha spiegato perché lo strumento finanziario non sia appropriato per i “tempi normali”, anche se lui stesso lo ha caratterizzato come un legame perpetuo.

Nel corso dell’intervista, Soros ha parlato brevemente del presidente Donald Trump, accusandolo di voler “essere un dittatore. Ma non può esserlo perché negli Stati Uniti esiste una costituzione che le persone rispettano ancora ”.
Mentre la costituzione, secondo Soros, “gli impedirà di fare determinate cose”, ciò non proibisce al presidente di provare “perché sta letteralmente combattendo per la sua vita”.
“Dirò anche che ho riposto la mia fiducia in Trump per distruggere se stesso, e ha superato le mie aspettative più sfrenate”, ha aggiunto Soros.

Soros è un prolifico finanziatore delle cause della sinistra globalista negli Stati Uniti e in tutto il mondo, tra cui l’aborto, l’eutanasia, il controllo della popolazione, il “matrimonio” tra persone dello stesso sesso, il transgenderismo e altro ancora.

Le sue Open Society Foundations spendono quasi $ 1 miliardo ogni anno in 100 paesi diversi, tra cui $ 150 milioni all’anno finanziando la fondazione Civil Civil Liberties Union (ACLU) una fondazione di sinistra, la principale società che favorisce gli aborti la “Planned Parenthood” e altri gruppi liberali.
Ha investito $ 5,1 milioni in un super PAC dedicato a gruppi di finanziamento che lavorano contro la rielezione di Trump; ed è un sostenitore aggressivo dell’Unione Europea che ha speso soldi nella speranza di influenzare le elezioni di più nazioni europee.

A gennaio , ha annunciato il lancio di una rete internazionale per le istituzioni educative allo scopo di far avanzare la sua interpretazione dei “valori democratici” e combattere l’ascesa del “nazionalismo”.

Fonte: Life Site

Traduzione: Luciano Lago

6 Commenti

  • Teoclimeno
    18 Maggio 2020

    Geroge Soros, vecchio malvissuto! Il denaro gli ha procurato il delirio da onnipotenza. Quando te ne andrai saremo in molti a festeggiare la tua dipartita.

  • blackarrow
    18 Maggio 2020

    U C C I D E T E L O credo non esista la mondo essere più abbietto di Soros e la sua famiglia, il mondo intero spera in uno sterminio dedicato.

  • eusebio
    18 Maggio 2020

    Soros come Epstein, Maxwell, Boris Berezovskij,Michail Chodorkovskij, Igor Kolomoiski, e molti altri spesso provenienti dall’ex blocco comunista sono affaristi ebrei, spesso con la cittadinanza israeliana, ma comunque legati al mossad, per conto del quale gestiscono enormi reti informali di legami economici, politici, di intelligence, attraverso cui il governo israeliano governa tutto l’occidente e molto oltre.
    Soros si vanta di conoscere molti oligarchi cinesi scontenti di Xin Jin Ping, sottintendendo che può rovesciarlo, e ha provato più volte a rovesciare Putin per sostituirlo con Navalny o altri.
    Quello che Soros e gli ebrei non capiscono, nella loro ristretta visione del mondo talmudico-speculativa, è che esistono popoli con culture molto più antiche o radicate della loro, che dalla sacrosanta distruzione del loro tempio da parte di Vespasiano non hanno avuto più un ruolo nella storia, e non si fanno manipolare dalla loro estrema corruzione, dalla loro propaganda analfabeta, dalla loro editoria pornografica.
    Uno di questi antichi e gloriosi popoli è quello iraniano e sta accumulando uomini ed armamenti nei pressi del Golan.

  • ouralphe
    18 Maggio 2020

    Se lo conosci non è importante, e faccia di tartaruga non è la testa del Serpente. Comunque il problema sono sempre e soltanto i servi e gli esecutori, non i vecchi bavosi col pannolone al comando.

  • Adriana
    28 Maggio 2020

    Doris devono metterlo sulla sedia eletrica,subdolo,viscido Magliano

  • Max D.
    1 Giugno 2020

    Un essere spregevole.

Inserisci un Commento

*

code